venerdì 29 settembre 2017

#IlVenetoLegge | 6 libri per ragazzi ambientati in Veneto


Cari amici, come forse saprete se mi seguite su Facebook, oggi per i lettori veneti è un giorno molto speciale! In tutta la regione è stata indetta una maratona di lettura, Il Veneto Legge, a cui hanno aderito scuole, biblioteche e comuni, piccoli e grandi, con l'appoggio di autori ed editori della zona. Nel corso della giornata ci saranno una marea di eventi, incontri, letture a voce alta, attività di gioco per bambini ed adulti. Trovate l'elenco completo qui. Ce ne sono per tutti i gusti e alcuni sono davvero originali! Una iniziativa così bella non può che essere elogiata e appoggiata, quindi ho pensato di partecipare anche io a modo mio, organizzando con alcune colleghe blogger una serie di post a tema. Tra autori veneti, città affascinanti, piatti tipici, dialetti, librerie e biblioteche, vi accompagneremo in un viaggio nella nostra regione, consigliandovi tante belle letture. Io, come al mio solito, penso ai ragazzi, e vi parlo di alcuni libri di ambientazione veneta dedicati ai più giovani! :)

Non posso che iniziare parlando di La bambina della sesta luna di Moony Witcher, una serie che adoravo da piccola e di cui ho un bellissimo ricordo. La sua autrice, che usa uno pseudonimo ma in realtà si chiama Roberta Izzo, è veneziana, ed è proprio nella famosa città lagunare che ha deciso di ambientare la sua serie fantasy, che ha per protagonista una piccola alchimista di nome Nina. La serie conta sette libri, di cui quattro pubblicati nei primi anni duemila, e altri tre usciti recentemente dopo una lunga pausa. Venezia è il cuore pulsante di questa storia. Nina vive in un'antica villa della Giudecca, mentre il covo del suo acerrimo nemico Karkon Ca' d'Oro di trova nella famosa Ca' d'Oro, un antico palazzo che si affaccia sul Canal Grande. Lei e i suoi amici scorrazzano per Piazza San Marco nel bel mezzo del carnevale, conducono ricerche tra i libri della Biblioteca Marciana, rischiano di finire ai Piombi, la terribile prigione. Un vero tour della città!

"Tutti i palazzi che descrivo esistono realmente. Ho vissuta la mia infanzia guardando da fuori Villa Espasia (che in realtà oggi si chiama Villa Giardino Eden). La vedevo dall’esterno perché non mi era concesso di entrare. La punta dei grandi alberi e la villa stessa mi facevano perdere la concezione del tempo: immaginavo tutto. E giocavo con le mie fantasie. Venezia è una città anomala, dove acqua e cielo si toccano. E dunque è stato più facile passare dal mondo creativo alla scrittura." - Moony Witcher (intervista)

A proposito di alchimisti, c'è un'altra serie di qualche anno fa che mi viene subito in mente: la duologia La chiave dell'alchimista di Cristina Brambilla. La protagonista è Lucilla, una ragazzina appena trasferitasi da Milano a Venezia con il padre, un professore alchimista che la trascura per colpa del suo lavoro. Sola in una città nuova e sconosciuta, Lucilla si caccerà presto nei guai, addentrandosi nei segreti più oscuri e misteriosi della città. Venezia ispira magia e avventura, non c'è dubbio!
Un altro famoso libro ambientato a venezia è Il Re dei Ladri di Cornelia Funke, da cui è stato tratto il film con protagonista un giovane Aaron Taylor-Johnson. La copertina è molto eloquente e rende subito chiara l'ambientazione! L'autrice tedesca, famosa soprattutto per la sua trilogia Inkworld, ha scelto Venezia come cornice per l'avventura di Prosper e Bo, due fratelli orfani in fuga che si uniscono ad una banda di ragazzini capeggiata da Scipio, un giovane ladro in erba che con i suoi furti permette ai suoi amici di vivere tranquillamente. La loro avventura si snoda tra Piazza San Marco, la misteriosa Isola Segreta, il Canal Grande e i luoghi che hanno ispirato l'orfanotrofio e l'affascinante cinema abbandonato in cui vivono. Facendo qualche ricerca ho scovato addirittura un sito che presenta un piccolo tour letterario sui passi dei luoghi del libro. Chissà se qualche insegnante ha portato la sua classe in gita a Venezia usando questo itinerario! Ogni viaggio diventa più divertente, quando si è a caccia di luoghi magici ;)

"Ho ambientato la storia a Venezia perchè volevo che i miei lettori andassero a visitare i luoghi in cui era ambientata la storia e capissero quanta magia si può trovare nel mondo reale". - Cornelia Funke (intervista)

Per i lettori un po' più grandicelli che amano le storie fantasy, una buona proposta potrebbe essere la serie Dark Heaven di Bianca Leoni Capello. In questa trilogia paranormal romance, Venezia fa da cornice alla surreale storia d'amore tra una bella studentessa e un misterioso angelo. Una Venezia oscura, demoniaca, gotica, un vero e proprio personaggio che prende vita, con strade che diventano labirinti, mostri famelici e edifici che cercano di intrappolare i protagonisti nei loro antri oscuri. Non mancano riferimenti a monumenti e palazzi storici, che diventano lo scenario di una grande avventura. Questa serie è sicuramente un po' particolare, perfetta per le giovani lettrici che vogliono una storia d'amore tormentata, ma senza perdere il mistero e l'azione. Una curiosità: in realtà dietro lo pseudonimo si nascondono due giovani scrittrici friulane, che per il loro nome d'arte si sono ispirate ad una dama veneziana del 500.

Una decina di anni fa la padovana Laura Walter ha creato un'altra piccola eroina veneta, Mistica Maëva, una vivace ragazzina dai capelli rossi alle prese con una serie di avventure in giro per il Veneto. Nel corso della trilogia a lei dedicata cerca di salvare Venezia, se la vede con una caccia al tesoro tutta padovana e infine segue le orme di Giulietta a Verona. Un viaggio itinerante nel Veneto, nelle sue città più belle, nei suoi luoghi più famosi, attraverso storie e leggende. Una tipica serie middle grade, in cui possiamo seguire la protagonista nel passaggio dall'infanzia all'adolescenza, con tanto di problemi amorosi e batticuori. Non è adorabile? :)
"Le nostre città hanno tantissimo da dire ai nostri ragazzi, l'importante è il cuore che ci mettono nell'andare a vederle." - Laura Walter (intervista)

Se c'è un modo di infilare Rick Riordan in un post, io quel modo lo troverò, e infatti mi trovo ancora una volta a consigliarvi Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo e le successive serie. Cosa c'entra con il Veneto? Abbiate fede, ora vi sarà tutto chiaro! Anche se la serie è ambientata principalmente negli Stati Uniti, i semidei viaggiano molto nel corso delle loro avventure e tra i tanti luoghi che visitano in Eroi dell'Olimpo c'è l'Italia. Nel quarto libro, La casa di Ade, finiscono a Bologna e poi a Venezia, per chiedere l'aiuto del dio Triptolemus. Questa tappa non è proprio una passeggiata, visto che se la devono vedere con un dio poco collaboratico e con i  katoblepones, dei mostri velenosi che infestano tutta la città. Ma ovviamente loro sanno sempre come cavarsela! Una curiosità: uno dei personaggi principali, Nico, è di origine italiana ed è nato proprio a Venezia! Anche per questo è stata una tappa molto importante ed emozionante. L'autore americano non ha mai nascosto l'amore per il nostro paese, che ha visitato più volte e di cui ha imparato anche la lingua!

E voi amici, che rapporto avete con la vostra regione? Amate leggere storie ambientate in città che conoscete bene? Avete mai fatto un viaggio sulle tracce di una storia che avete amato? E soprattutto, amici veneti, state partecipando a #IlVenetoLegge? Non fatevi sfuggire le tante belle iniziative :)

mercoledì 27 settembre 2017

RECENSIONE | Paper Princess - Erin Watt

Paper Princess di Erin Watt
The Royals #1
Sperling & Kupfer (2017) | 354 pagine | 14,90 Euro

Ella non ha mai conosciuto suo padre e dalla morte della madre è rimasta sola al mondo, così ha dovuto imparare in fretta a cavarsela, senza contare su nessuno. L'unica cosa che vuole è raggiungere il diploma e poi andarsene, ma nel frattempo la sua unica possibilità per mantenersi è lavorare come spogliarellista. Finchè un giorno non compare nella sua vita Callum Royal, un uomo distinto e affascinante che le rivela di essere stato nominato come suo tutore da suo padre, da poco venuto a mancare. Ella non ha la minima intenzione di seguirlo, ma scopre presto di non avere molte alternative. Callum le offre una vita tranquilla, un'istruzione sicura e più soldi di quanti abbia mai visto. Tutto quello che deve fare è resistere fino alla fine del liceo. Quando accetta Ella non sa è che i suoi nuovi 'fratelli' le renderanno la vita tutt'altro che tranquilla. I Royals sono bellissimi, pericolosi, arroganti e credono di avere tutto il mondo ai loro piedi. Ma Ella non ha certo intenzione di farsi intimorire ed è decisa a lottare per quel futuro che le era sempre apparso lontano come un miraggio.

 Recensione 
Ormai mi conoscete, sapete che non sono una che spara a zero sui libri. Se un libro non mi piace tendo a trovare comunque qualche punto positivo. Magari i personaggi non mi hanno convinto, ma l'autore ha un buono stile, magari la storia non mi ha preso, ma ci sono delle belle descrizioni. Scrivo le mie recensioni con molta attenzione, cercando di fare solo critiche costruttive, senza infiammarmi troppo, non solo perchè odio le critiche fini a se stesse e gli insulti, ma anche perchè si tratta pur sempre del mio parere personale, quindi cose che a me non piacciono potrebbero essere apprezzate da altri lettori.  Proprio per questo non mi capita praticamente mai di sconsigliare un libro, al massimo cerco di indirizzarlo verso il pubblico che secondo me è più adatto come fascia di età o interessi. Ma non stavolta. "Paper Princess" di Erin Watt ha sconvolto la blogosfera qualche mese fa, dividendo le blogger in un'aspra lotta. C'è chi l'ha amato alla follia e chi l'ha detestato. É stato al centro di discussioni davvero infiammate. Io? Devo ancora riprendermi da questa lettura. Credo sia uno dei libri più brutti e senza senso che abbia mai letto in vita mia. Ci ho messo ben venti giorni a finirlo, trascinandomi a fatica, riuscendo a leggere solo poche pagine alla volta prima di sentire l'impulso di lanciare tutto dalla finestra. Per la (credo) primissima volta mi sento di consigliarvi, da blogger e da lettrice, di starne alla larga e di usare meglio il vostro tempo. Non ho niente contro il genere o contro i libri frivoli, possono essere una piacevole evasione, ma evitate questo in particolare. Fate un favore a voi stessi. Non perchè contiene scene di sesso, sia chiaro. Non è quello il problema. Il sesso è ovunque e non è un demone. Il sesso è bellissimo ed è un argomento che può essere trattato in mille diversi modi. Il problema è che questo è un libro violento, sessista, osceno, in cui la figura della donna è sminuita e umiliata, in cui viene raccontato un amore deviato e malato, in cui si trattano argomenti molto delicati con una superficialità e una volgarità fuori da ogni logica. E non è un erotico o un dark romance, indirizzato agli adulti, ma un young adult, con protagonisti adolescenti. 

Ci sono così tante cose sbagliate in questa storia che non saprei neppure da che parte cominciare a parlarne più nel dettaglio. Sorvoliamo sulla scarsa originalità della trama, sul fatto che le autrici ignorino il concetto base di realismo, sulla lentezza della narrazione e la totale mancanza di colpi di scena o avvenimenti degni di nota e ci resta ancora un bel po' di cui parlare. Sono rimasta perplessa fin dalle prime pagine, in cui ci viene presentata una giovane ragazza rimasta orfana e sola al mondo che incontra il suo tutore legale per la prima volta. Se avessi sottolineato tutti gli elementi poco realistici e assurdi contenuti in queste poche pagine iniziali avrei avuto un libro decisamente variopinto. Una minorenne che rimane orfana senza che i servizi sociali intervengano minimamente? Una minorenne che affitta appartamenti e si iscrive da sola a scuola falsificando firme della madre senza che sia mai richiesta la sua presenza? Una minorenne che lavora come spogliarellista spacciandosi per 34enne con il documento della madre senza che nessuno noti niente di strano? Certo. E siamo solo a pagina uno lol La nostra Ella comunque, a differenza di quello che vuole farci credere all'inizio, non è fessa, e quando capisce che il suo nuovo tutore è ricco sfondato accetta di dargli un po' di fiducia. Forse per via della promessa di una paghetta di diecimila (DIECIMILA) dollari al mese più un bonus a sei zeri dopo il diploma. Forse. Ma il problema non è Callum, nè la sua paghetta, nè i suoi ostinati sforzi per renderla parte della famiglia. Lui ci prova ed è in buona fede, vuole prendersi cura della figlia del suo caro amico e lo fa nel solo modo che conosce: tirando fuori il portafoglio. Il problema del libro sono i suoi figli. Cinque. Maschi. Uno peggio dell'altro.

Sono cinque piccoli omuncoli, arroganti e maschilisti. Personaggi talmente piatti e stereotipati che si fa fatica a distinguerli. Tutti alti, tutti bellissimi, tutti muniti di montagne di muscoli, pettorali e addominali. Non c'è niente che li caratterizzi, niente che li renda diversi uno dall'altro, ma neppure che li renda minimamente dei personaggi positivi. Ossessionati dal sesso, dal potere, dal loro status. Allo sbando completo. Tra rapporti occasionali e veri e propri raggiri, usano le donne a loro piacimento, come giocattoli di cui disfarsi non appena se ne stancano. Non ci pensano un attimo a venire alle mani in qualunque occasione, sono violenti, volgari, stupidi. I tipici maschi alpha, scimmioni che si battono i bugni sul petto facendo a gara a chi urla più forte. Fin dalla loro entrata in scena capiamo che l'unico dei fratelli che avrà una qualche importanza nella storia è Reed, mentre gli altri fanno semplicemente da spalle, intercambiabili come mattoncini Lego. Tra Reed e Ella si sviluppa un rapporto veramente malato. Durante il loro primo incontro lui le urla addosso e la minaccia, le mette le mani addosso facendola perfino cadere, e lei si eccita. Lui le da della zoccola, la insulta, le dice le peggiori cose che un uomo potrebbe dire e lei nel frattempo sbava e pensa a quanto sia figo. La bullizza a scuola, la insulta gratuitamente, le da ordini, la umilia. E lei subisce e non dice niente, anzi si eccita. Le cose evolvono in modo sempre più raccapricciante. Non c'è niente di romantico nel loro rapporto. Basti pensare alla celebre frase pronunciata da Reed, sicuramente sotto influsso della poetica di Dante e Petrarca: "Se ti devo scopare perché tu non rovini la mia famiglia, lo farò". Quanto amore. E sapete cos'è la cosa peggiore? Ella subisce molestie, violenze, bullismo, perfino un tentato stupro, e non dice nulla. Magari si vendica sì, ma per conto suo, usando la sua sessualità e il suo corpo. Che razza di messaggio è? Per non parlare della raccapricciante scena del tentato stupro. Perchè sì, parliamo di stupro. Se un ragazzo mi droga a mia insaputa e poi cerca di approfittarsi di me, quello è uno stupro. Ma per fortuna i suoi fratelli la salvano. Per fortuna? Non sarà stata stuprata, ma molestata sessualmente mentre era incapace di intendere e di volere sì. Perchè invece di portarla all'ospedale Reed si offre di 'aiutarla'. Solo a ripensare allo schifo che ho provato leggendo alcune scene di questo libro mi torna su il pranzo.

Le donne sono affamate di sesso, zoccole, puttane, stupide macchinette utili solo al piacere maschile, che possono aspirare solo a diventare mogli di qualche riccone che le mantenga. Gli uomini sono maiali arroganti, la cui vita gira intorno al sesso e al potere. Ecco un pratico riassunto di questo libro, che francamente non consiglierei neppure a qualcuno che mi sta molto antipatico. Non riesco a vederla neppure come una lettura trash o leggera. Va oltre ogni mia comprensione come abbia fatto a diventare un best seller o come sia potuto piacere. Ho letto tante recensioni positive cercando di capirlo, ma l'unica cosa che ho compreso è ognuno di noi vede le cose diversamente e va bene così. Personalmente, mi sento di sconsigliarvi questo libro. Non è una cosa che dico a cuor leggero, ma lo faccio senza timore, così non potrete rimpiangere le ore perse in compagnia dei Royal. Vi assicuro che vivrete una vita serena anche senza di loro.

 
Carta straccia

"La mela mi sta dondolando davanti, dolce e succosa, ma, come nelle fiabe, Reed Royal è il cattivo travestito da principe azzurro. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso errore. E sarò anche attratta da lui, ma non permetterò mai che la mia prima volta sia con qualcuno che mi disprezza, che sta cercando di proteggere dalla mia innocente distruzione il fratello perfettamente capace di intendere e di volere."

Cover Battle #48: Cuore Oscuro di Naomi Novik

Ciao a tutti! Oggi ho per voi una bella battaglia tra cover! Il libro protagonista di questa puntata è uscito in Italia proprio ieri, carne fresca per noi avidi lettori. Si tratta di "Cuore Oscuro" di Naomi Novik, un fantasy autoconclusivo che è finito dritto dritto nella mia wishlist e di cui, oltrettutto, è in cantiere anche un film. Devo dire che in linea di massima nessuna copertina mi fa impazzire, ma quelle che mi hanno più colpito sono la prima originale, l'italiana e l'ungherese. E le vostre quali sono? :)

Originali
 Italiana / Ungherese
 Croata / Ebraico / Estone
 Tedesca / Rumena
 Slovena / Spagnola / Bulgara
 

martedì 26 settembre 2017

Top Ten Tuesday #20: Ten Books That Feature Nerd Characters

Ciao a tutti! Oggi per Top Ten Tuesday si parla di personaggi accomunati da una caratteristica particolare a nostra scelta e io ho pensato di tirare in ballo una categoria che conosco bene e di cui amo leggere: i nerd. Amanti della lettura, della scrittura, dell'arte, appassionati di telefilm, di cinema, di fumetti, cosplayer, fangirl, blogger, gamer e chi più ne ha più ne metta. Personaggi che spesso (anche se non sempre) sono imbranati, timidi, impacciati. E io li amo per questo, perchè sono una di loro.

The Boy band di Goldy Moldavsky ha per protagoniste un gruppo di giovani fangirl che tengono sotto assedio l'hotel in cui alloggiano i cantanti di una famossima boy band. L'ho amato perchè all'inizio sembra il classico libro/fan fiction in cui l'idolo si innamora della fan, invece è una storia assurda e geniale che mi ha fatto morire dal ridere. Potere alle fangirl! Incantesimo tra le righe di Jodi Piccoult e Samantha Van Leer racconta la storia di Delia, una ragazza solitaria e amante dei libri, che si innamora del personaggio di uno dei suoi romanzi preferiti, scoprendo che mentre lei sogna di vivere in un fantasy, lui al contrario non vede l'ora di uscire da quelle pagine. Una vera avventura letteraria. In Qualcosa di molto speciale di Sandy Hall a tenere alta la bandiera del disagio sociale ci sono Lea e Gabe, due timidissimi amanti della scrittura che si conoscono proprio durante un corso di scrittura creativa. Sandy Hall ha molto a cuore questa categoria e infatti anche negli altri suoi libri trovate citati colossi come Il signore degli anelli o Doctor Who. In I nostri cuori chimici di Krystal Sutherland abbiamo invece Henry, uno dei miei preferiti, un giovanotto adorabile che ama alla follia Harry Potter ed è abbonato a Netflix. Le citazioni si sprecano e io sono andata in brodo di giuggiole.  
La protagonista di Eliza and Her Monsters di Francesca Zappia è una delle migliori rappresentanti di questa categoria. Eliza è una bravissima disegnatrice che è stata capace di creare un mondo intero con il suo webcomic Monstrous Sea, ma è molto timida e ansiosa e per questo si nasconde dietro un ostinato anonimato. Il libro esplora in modo approfondito tutto il mondo dei fandom: forum, fan fiction, cosplay, fan art. Parla anche di amicizia e dei rapporti nati online. Si sa che ogni buon nerd deve avere una vita sociale più attiva online che nel mondo reale lol In The Extraordinary Secrets of April, May and June di Robin Benway, potete trovare un'altra grande fan della lettura e di Harry Potter, April, maggiore di tre sorelle dotate di poteri magici. Epica la scena in cui, dopo un'intrusione a casa loro, lei si precipita a controllare che i suoi libri di Harry Potter siano intatti lol E come non citare Matilde di Roald Dahl, una delle divoratrici di libri più voraci della storia. La immagino una volta cresciuta: divano, libro, Netflix e tazza di caffè in mano.
Ma anche nei libri italiani troviamo qualche nerd! Per esempio in Il segreto della crisalide di Denise Aronica la protagonista Liv passa l'estate in un centro per ragazzi con disturbi comportamentali a causa della sua ossessione per la lettura, andata fuori controllo dopo la morte dei genitori, tanto da farla isolare dal resto del mondo. Qui conosce altri ragazzi appassionati di videogiochi e giochi di ruolo con cui nerdare in compagnia. Nel romantico Le strane logiche dell'amore di Tania Paxia, la protagonista Cameo è una lanciatissima book blogger che finisce per innamorarsi di una scittore. A me queste cose non capitano mai sigh. Infine in La prima cosa bella di Bianca Marconero, Dante è un appassionato di cinema e fumetti e un aspirante regista.
Vi piacciono questo genere di personaggi? *w*

lunedì 25 settembre 2017

Novità della settimana (25settembre/1ottobre)

Ciao a tutti e buon lunedì! Tenetevi forte, perchè questa settimana ci aspettano veramente un sacco di libri interessanti. Presenze maligne, prigioni, reality show,  dimensioni parallele, storie d'amore.. Ne abbiamo per tutti i gusti. Basta trovare il libro che fa per noi! Io? Sono rimasta colpita in particolar modo da "I mondi di Albie Bright" e "La casa di vetro", ma li voglio tutti! Ma tutti tutti! Settembre si chiude con il botto! Se tutte le settimane fossero così, finiremmo subito in banca rotta. E voi? Cosa vi ispira di più? :)

Titolo: Cuore Oscuro
Autore: Naomi Novik          
Editore: Mondadori              
Prezzo: 19,50 Euro                 
Data d'uscita: 26 Settembre 2017


Trama: Agnieszka è una contadina diciassettenne goffa e sgraziata che vive insieme alla famiglia in un piccolo villaggio del regno di Polnya. Su tutti loro incombe la presenza maligna del Bosco, che sta progressivamente divorando l'intera regione. Per mantenere al sicuro se stessi e i loro villaggi dalle minacciose creature del Bosco e dai sortilegi mortali che lì si compiono, tutti gli abitanti della valle si affidano a un misterioso e solitario mago noto con il nome di Drago. Quest'ultimo sembra l'unico, infatti, in grado di controllare con la sua magia il potere imperscrutabile e oscuro del Bosco. In cambio della sua protezione, però, l'uomo pretende un tributo: ogni dieci anni avrà la possibilità di scegliere una ragazza tra le diciassettenni della valle e di portarla con sé nella sua torre. Un destino a detta di tutti terribile quasi quanto finire nelle grinfie del Bosco. Con l'avvicinarsi del giorno della scelta, Agnieszka ha sempre più paura. Come tutti dà infatti per scontato che il Drago non potrà che scegliere Kasia, la più bella e coraggiosa delle "candidate" nonché sua migliore amica. Ma quando il Drago comunica la sua decisione, lo sgomento è generale.

Titolo: La figlia del guardiano
Autore: Jerry Spinelli          
Editore: Mondadori              
Prezzo: 16 Euro                 
Data d'uscita: 26 Settembre 2017


Trama: Cammie vive tra le mura di una prigione, ma non è una detenuta. È la figlia del direttore del carcere di Two Mills, in Pennsylvania, dove trascorre le sue giornate insieme alle ospiti dell'ala femminile: Boo Boo con le sue unghie laccate di rosso e la sua debordante allegria, Tessa e la sua parlantina pungente, la silenziosa Eloda, ammessa nell'appartamento del direttore come domestica. C'è chi deve scontare una condanna per furto, chi ha commesso un crimine inconfessabile, ma per tutte Cammie è la piccola Tornado, la mascotte della prigione. Ora che il suo tredicesimo compleanno è vicino, però, Cammie desidera quello che ha perduto quand'era bambina, ed è determinata a cercarlo proprio tra le detenute: una madre.    

Titolo: La casa di vetro
Autore: Len Vlahos          
Editore: Piemme              
Prezzo: 17 Euro                 
Data d'uscita: 26 Settembre 2017
 
 
 


Trama: Jared Stone è un politico stimato e un buon padre di famiglia quando un tumore terminale manda a rotoli la sua vita. Angosciato all'idea di non poter garantire alla moglie e alle due figlie un futuro decoroso, Jared decide di vendere quello che gli resta da vivere su eBay. Il fatto assurdo è che qualcuno lo compra, qualcuno deciso a ricavare dalla morte di un uomo un reality show. Questa è la storia di un padre che ama la propria famiglia al punto da mettere in vendita la propria dignità. E quella di una figlia decisa a restituirgliela. 

Titolo: I mondi di Albie Bright
Autore: Christopher Edge          
Editore: Mondadori              
Prezzo: 17 Euro                 
Data d'uscita: 26 Settembre 2017
 
 
 


Trama: Alla morte della mamma, un piccolo buco nero si apre nel cuore di Albie. E quando il papà - che, come la madre, è un noto scienziato - gli rivela che secondo la fisica quantistica lei è ancora viva in qualche universo parallelo, Albie non riesce a smettere di pensare a come fare per rivederla. Con la Teoria della banana quantistica (lo sapete che le banane sono radioattive?), trasformerà uno scatolone nella porta per un'altra dimensione e viaggerà tra universi identici al suo se non per una piccola differenza. Qui incontrerà imprevedibili versioni di se stesso: un Albie cattivo, una geniale Albie femmina e la mamma di un Albie che non c'è più. E scoprirà che siamo tutti fatti di polvere cosmica e che guardando il cielo vi troveremo sempre le persone che amiamo. 
Titolo: Il re bambino e il mostro di Kakk (Il re bambino #2)
Autore: Andy Riley          
Editore: Mondadori              
Prezzo: 12,90 Euro                 
Data d'uscita: 26 Settembre 2017
 
 


Trama: Edwin non è un ragazzino normale. È un re, con tanto di trono, armatura e castello con passaggi segreti in piena regola. Quando nel regno si diffonde la notizia che un mostro enorme e spaventoso si è risvegliato, Re Edwin elabora un piano furbissimo per sconfiggerlo. Ma sulla sua strada trova l'imperatore Nurbinson, che per una volta decide di essere più astuto di lui.  

Titolo: Ti amo già da un po'
Autore: Tania Paxia          
Editore: Newton Compton              
Prezzo: 7,90 Euro                 
Data d'uscita: 28 Settembre 2017
 


Trama: Manca una settimana a Natale. Maybelle e Luke, entrambi avvocati, sono nel loro appartamento e stanno discutendo animatamente per via di un caso che May non ha voluto accettare e che il padre di Luke, capo del prestigioso studio di avvocati di New York Davis & Davis, le ha ordinato di prendere in carico. May è determinata a non cedere, Luke è irremovibile sulla posizione della famiglia. I toni si alzano e il confronto diventa un litigio vero e proprio. May, delusa dall'atteggiamento del fidanzato, se ne va sbattendo la porta. Partirà alla volta del New Hampshire: trascorrerà le festività nella casa di famiglia con i genitori e cercherà di chiarirsi le idee. La cittadina di Keene non le è mai sembrata così bella, e anche se ha un macigno sul cuore, May non può fare a meno di sentirsi davvero a casa, in mezzo alla neve, a romantiche decorazioni, cioccolate calde col cuore di gelato, e soprattutto non immaginava di incontrare di nuovo Peter, il suo amico di un tempo che forse non ha mai davvero capito... 

Titolo: Volevo essere la tua ragazza
Autore: Meredith Russo          
Editore: Newton Compton              
Prezzo: 10 Euro                 
Data d'uscita: 28 Settembre 2017
 
 


Trama: Amanda Hardy si è appena trasferita, e nella nuova scuola non conosce ancora nessuno. Vorrebbe farsi dei nuovi amici, ma ha un segreto, e per mantenerlo non deve dare troppa confidenza a nessuno. Almeno questo è il suo proposito. Ma quando incontra il dolce e accomodante Grant, Amanda non può fare a meno di lasciarlo entrare, poco alla volta, nella sua vita. Man mano che trascorrono il tempo insieme, Amanda si rende conto di quante cose si sta perdendo nel tentativo di tenere al riparo il proprio cuore. Giorno dopo giorno si ritrova a voler condividere con Grant tutto di se stessa, compreso il suo passato. Ma è terrorizzata all'idea che, una volta saputa la verità, il ragazzo non sarà in grado di vedere oltre, e si allontanerà per sempre. Qual è il terribile segreto che Amanda non vuole rivelare? Un nome: Andrew. È il nome con cui Amanda era conosciuta nella vecchia scuola e nella vita che ha rinnegato. Ma davvero la verità può avere un prezzo così alto? 

Titolo: Firebird - La trilogia
Autore: Claudia Grey          
Editore: HarperCollins              
Prezzo: 29,90 Euro                 
Data d'uscita: 28 Settembre 2017
 
 
 


Trama: Quante forme diverse può assumere l'amore? La forza che attrae due persone l'una verso l'altra si può chiamare destino, o è qualcosa di più fragile e sfuggente? Marguerite, giovane figlia di due rivoluzionari inventori, scoprirà sulla propria pelle le risposte a queste domande grazie al Firebird, un congegno che può trasportare le persone nelle dimensioni parallele in cui si realizza ogni possibile variazione della realtà. Insieme ai due assistenti ricercatori Paul e Theo, entrambi innamorati di lei, verrà coinvolta in una corsa senza respiro per salvare il multiverso dalle mire del perfido Wyatt Conley, assetato di potere, e dalla follia dei suoi insospettabili soci, capaci di progettare la distruzione di interi universi per recuperare una sola vita. Ma la sfida più dura per loro sarà affrontare le diverse versioni di se stessi, specchi dell'oscurità potenziale nascosta in ognuno di noi. 

Titolo: La distanza tra le stelle
Autore: Lily Brooks-Dalton          
Editore: Nord              
Prezzo: 16.40 Euro                 
Data d'uscita: 28 Settembre 2017
 


Trama: Questa è la storia di due solitudini che si sfiorano nel silenzio. Questa è la storia di due esistenze lontane eppure vicinissime come la distanza fra le stelle. Augustine ha dedicato la sua esistenza allo studio delle stelle. Non ha mai avuto una famiglia, né un vero amore; ha invece sempre avuto il suo telescopio, lassù, in un osservatorio astronomico nell'Artico. Così, quando scatta un allarme rosso e tutti gli altri scienziati vengono richiamati a casa, lui rifiuta di seguirli: è vecchio, non ha nessuno cui tornare, e ha scorte sufficienti per il tempo che gli resta. Poi le comunicazioni con l'esterno si interrompono del tutto e ad Augustine non rimane che guardare verso il cielo. E attendere. Sully ha sacrificato tutto per diventare astronauta. E la missione dell'Etere è stata un successo: lei entrerà nella Storia come il primo essere umano ad aver messo piede su Giove. Eppure, quando la navicella spaziale è ormai vicina all'atmosfera terrestre, le comunicazioni con la base s'interrompono. Atterrita, Sully lancia un SOS, sperando che qualcuno lo raccolga. E qualcuno, nell'angolo più remoto della Terra, risponde. Grazie a quel filo invisibile, la distanza siderale tra Sully e Augustine si colma e le loro solitudini s'intrecciano in un rapporto cui entrambi si aggrappano come naufraghi, lontani eppure vicinissimi, entrambi spaventati e stupiti dalla realtà che devono affrontare. E, mentre il mondo sembra scivolare in un silenzio assoluto, i due riscopriranno il vero significato della vita, e soprattutto della speranza. 

domenica 24 settembre 2017

RECENSIONE | Aspettami fino all'ultima pagina - Sofίa Rhei

Aspettami fino all'ultima pagina di Sofίa Rhei 
Autoconclusivo
Newton Compton (2017) | 256 pagine | 10 Euro

Silvia ha quarant'anni e vede ormai allontanarsi sempre di più il suo sogno di costruire una famiglia felice. Da tre anni è innamorata di Alain, un uomo sposato che la tiene legata a sè con parole dolci, notti infuocate e promesse vane. Dopo l'ennesima delusione, con una casa ancora una volta vuota e il cuore a pezzi, Silvia è finalmente decisa a lasciarselo alle spalle definitivamente, ma lui torna alla carica e gli bastano poche parole per averla di nuovo ai suoi piedi. Come sempre. Silvia odia essere così debole, sa che quella non è una relazione sana, ma non riesce a fare a meno di lui. Preoccupata, la sua amica Isabel la convince a parlare con un terapeuta che l'aiuti a fare chiarezza dentro di sè. Ma l'uomo che Silvia si trova davanti è molto diverso da quello che si aspettava, e l'accompagna in un viaggio alla ricerca di se stessa attraverso le pagine di libri bellissimi, che la portano sempre più lontana da Alain e dritta tra le braccia dell'affascinante Odysseus... 

Recensione
Eccone un altro. Inseritelo nell'infinita lista di libri che iniziano bene, con idee e situazioni interessanti, e poi finiscono per sprofondare nella banalità e nella noia più totale. Un fenomeno in Spagna, acclamato e applaudito, grande successo, tante belle parole... e poi siamo sempre allo stesso punto. Best seller, non li capirò mai. La trama e la bellissima copertina mi avevano decisamente incuriosito, tanto che era stata una delle uscite Newton Compton annunciate all'incontro al Salone di Torino che mi ero assolutamente ripromessa di leggere. Sono stata davvero felicissima di riceverne una copia dalla casa editrice, tanto che è finita dritta sul comodino, davanti ad altri libri in attesa di essere letti. Io ci ho messo tutto l'entusiasmo possibile, ma purtroppo le mie aspettative sono state deluse.

In realtà la prima metà del libro non è niente male. Silvia vive un periodo molto buio a causa di Alain, un uomo sposato con cui ha una relazione clandestina da diversi anni. Tra loro non è solo sesso, ma vero amore, e lui continua a prometterle che lascerà la moglie per lei e che un giorno potranno vivere il loro amore alla luce del sole. Ovviamente, sono solo parole al vento. Un classico. Lui non merita neppure l'appellativo di uomo. É solo un viscido verme che pretende di avere due donne ai suoi piedi, ma poi non riesce a renderne felice neppure una. Comportandosi così, ha finito solo per avere una moglie infelice ed arrabbiata e un'amante sempre più ferita e delusa. É uno di quegli individui che meritano la solitudine. Silvia soffre tantissimo per questa situazione, ma nonostante lui la tratti come una ruota di scorta e non mantenga mai le sue promesse, lo perdona sempre. Ogni volta che litigano per qualche motivo, lui poi torna alla carica pieno di belle parole e dolci promesse e lei ci casca sempre, incapace di resistere al suo fascino. É una situazione frustrante. Silvia è consapevole di quanto sia malata e sbagliata la loro relazione, ma non riesce a vivere senza di lui. Non riesce a trovare il coraggio che le servirebbe per chiudere per sempre con lui. Non riesce ad arrendersi, cerca di vedere del buono anche dove non c'è perchè ormai ha quarant'anni e chiudere quella relazione significherebbe accettare di aver sprecato tre anni della sua vita in qualcosa che non le porterà nulla, e prendere consapevolezza del fatto che rischia di rimanere sola e non avere mai una famiglia. La situazione non è facile e Silvia è davvero nel pallone, così la sua amica Isabel le consiglia di vedere un terapeuta.

E qui entra in scena l'elemento che più mi è piaciuto della storia. Il terapeuta è un tipo un po' particolare: lavora solo attraverso i libri. Ad ogni seduta affida a Silvia una lettura grazie alla quale poi l'aiuta ad incanalare le sue emozioni e a riflettere sulla sua vita. Ho trovato quest'idea molto azzeccata, perchè è proprio vero che i libri possono essere terapeutici, leggere ci aiuta a riflettere e a vedere le cose in modo diverso (e ovviamente, sono un antidoto alla tristezza!). Quante volte ci capita di incontrare un personaggio con cui condividiamo gli stessi dolori? Quante volte ci rendiamo conto dei nostri errori solo dopo averli visti ripetere dal personaggio di un libro? Mi è capitato tante volte, e il nome del mio blog ne è testimone. Quando sono triste, triste davvero, i libri sono l'unica soluzione. Una bellissima idea, di cui ho condiviso a pieno la filosofia, ma che avrebbe potuto essere sfruttata meglio. Quest'aspetto della storia a mio parere avrebbe dovuto essere centrale, invece purtroppo si è rivelato molto marginale. Silvia incontra il terapista solo tre volte e questo le basta per risolvere tutti i suoi problemi. Il suo percorso avrebbe dovuto essere al centro della narrazione. I libri avrebbero dovuto essere il cuore di questa storia. 

Fino alla metà del libro, comunque, mi stavo godendo la lettura, elencando mentalmente i dodici modi più fantasiosi in cui avrei voluto uccidere Alain. Poi il crollo. Un crollo che ha un nome e un cognome. Odysseus Thanos. Dalla sua entrata in scena le cose sono andate peggiorando fino a rendere la storia veramente banale ed insopportabile. Odysseus è un misterioso giovanotto che inizia ad aggirarsi per gli uffici dell'azienda dove lavora Silvia. Ovviamente lui la nota, anzi ne resta folgorato, tanto che, nonostante la conosca a malapena, la invita ad accompagnarlo durante un viaggio di lavoro all'estero. Certo. Chi non partirebbe all'istante. Ma ovviamente tutto va meravigliosamente, tutto è perfetto. Lui è bello, ricco, interessante. Il suo lavoro gli permette di conoscere personaggi famosi e pezzi grossi in ogni ambiente, così le da addirittura la possibilità di conoscere la sua attrice preferita, che diventa la sua nuova migliore amica. Ė tutto troppo perfetto, melenso, noioso. Con lui è pura magia e Silvia si dimentica di Alain in tre secondi netti, salvo poi farsi prendere dai sensi di colpa e finire invischiata in questo triangolo amoroso assurdo in cui lei saltella dall'uno all'altro completamente nel pallone senza sapere dove sbattere la testa. Ho perso sempre più l'interesse per la vicenda e ho trovato Silvia sempre più insopportabile. All'inizio mi faceva tenerezza, perchè si vedeva che ci teneva davvero ad Alain ed era pronta a rischiare il tutto per tutto per lui. Non voleva arrendersi. Conosco la sensazione. Ma poi basta che arrivi il primo belloccio e cambia tutto. Come se per dimenticare un amore, l'unica cosa possibile fosse buttarsi tra le braccia di un altro uomo. Ho finito per odiarla. Ps. Sesso in un carro funebre. Ho detto tutto.

Cosa mi aspettavo da questa libro? La storia di una donna in difficoltà che attraverso i libri scopre che prima di essere felici accanto ad un uomo, dobbiamo essere felici con noi stessi. Cosa ho avuto invece? La storia di una donna incapace di stare sola, che cerca l'amore ad ogni costo. Poteva essere molto meglio di così, ed è un vero peccato. Però carino l'inaspettato plot twist finale sul terapeuta, fuori dalle righe. Ha risollevato per un attimo le mie speranze, ma ormai era tardi.    

 
Così così

"La vita offre tanti inizi affascinanti, esordi possibili di storie incredibilmente promettenti. Ma pochissimi di questi inizi si svilupperanno in una trama e ancor meno avranno un finale all'altezza. L'unico modo per guarire dagli inizi era trovare, o costruire, un proseguimento altrettanto accattivante. E questo poteva farlo soltanto il lettore, cioè lo spettatore della vita. Se stessa."