lunedì 20 luglio 2020

REVIEW PARTY | Middlegame di Seanan McGuire

Middlegame di Seanan McGuire
Middlegame #1
Mondadori (2020) | 528 pagine | 22 euro
Libro fornito dalla casa editrice

Per Roger le parole sono molto più di semplici suoni o segni su di un foglio. Sono qualcosa di profondo e radicato nella sua anima, qualcosa a cui è intimamente legato, e su cui ha completo controllo. Così è per Dodger con la matematica. I numeri danzano nella sua mente, perfettamente ordinati. I numeri hanno sempre senso, anche quando tutto il resto non ce l'ha. I due ragazzi ancora non lo sanno, ma sono fratelli gemelli, venuti al mondo in un laboratorio e separati affinché il loro potenziale si sviluppasse a pieno, creati per seguire il piano folle di un alchimista. Ancora non lo sanno, ma ogni loro passo è stato calcolato e controllato, ogni loro azione è stata programmata con anni di anticipo. Quando saranno pronti, accoglieranno un grande potere. In caso contrario, saranno l'ennesimo fallimento. Verranno eliminati e altri gemelli prenderanno il loro posto. Ma questo ancora non lo sanno.
Recensione
Di Middlegame si è parlato parecchio ultimamente. Ha vinto un sacco di premi, tra cui il premio Hugo, e ha raccolto recensioni positive e pareri entusiasti ovunque. Quando l'ho preso in mano, le mie aspettative erano alte, anche se non sapevo bene cosa mi sarei trovata davanti. Middlegame è uno sci-fi dedicato ad un pubblico adulto. Anche se era stato lanciato come autoconclusivo, è di questi giorni la notizia che l'autrice scriverà un seguito, cosa che mi intriga parecchio. L'ho affrontato piena di curiosità e di entusiasmo e a libro finito posso dire che è stata una stranissima lettura. Bizzarra, ma appassionante. Confesso che ad un certo punto sono dovuta tornare indietro e ricominciare da capo perchè mi ero completamente persa. É un libro che va letto con molta concentrazione, senza distrazioni a portata di mano, perchè ha una trama complessa ed articolata e segue numerosi punti di vista e linee temporali. Ma nonostante l'impaccio iniziale, questo mio primo incontro con Seanan McGuire ha lasciato il segno.

La cosa che mi ha più colpito è stata sicuramente la trama. Io adoro le trame complesse e articolate, quando trovo una storia di questo genere mi entusiasmo un sacco e non riesco più a staccare gli occhi dalle pagine, me la sogno perfino di notte! Se poi ci sono di mezzo viaggi temporali è la fine. Mi esplode proprio la testa. Middlegame ha tutte le carte in regola per piacere a tutti gli appassionati del genere. Scienza e magia si mescolano, dando vita ad una storia originale e bizzarra, che non saprei associare a nessun altro libro che ho letto. Tra laboratori ed alchimisti, la narrazione segue punti di vista multipli e alterna varie linee temporali. All'inizio è piuttosto complicato stargli dietro, se avete qualche difficoltà e vi sembra di non capire nulla non preoccupatevi, è tutto normale. Dategli tempo di ingranare. Appena inizierete ad entrare nella storia, non riuscirete più ad abbandonarla. Ci ho messo una settimana a leggere il primo 20% e poi mi sono divorata il restante 80% in un giorno. Appassionante, ben costruito, entusiasmante.

Un altro punto forte della storia sono sicuramente i suoi personaggi, tratteggiati molto bene e caratterizzati splendidamente. L'autrice ha fatto un ottimo lavoro. I protagonisti, come già accennato, sono i gemelli Roger e Dodger. Quando li conosciamo sono solo due bambini, ma la storia segue la loro crescita fino all'età adulta. Da una parte abbiamo Roger, amante dei libri, della letteratura, delle lingue, dall'altra Dodger, appassionata di numeri, matematica, calcoli. Due metà della stessa mela. Entrambi incredibilmente intelligenti e brillanti, ma in campi diversi. Si completano a vicenda. Il loro rapporto è complesso e doloroso ma indistruttibile. Nel corso della storia di perdono e si ritrovano numerose volte, si allontanano per poi riavvicinarsi sempre, ignari di tutto ciò che rappresentano, di ciò per cui sono stati creati. Stare vicini è un casino, ma non smettono mai di volersi bene. Crescendo emergono altri aspetti delle loro personalità, oltre a numeri e parole. Dodger è più solitaria, un genio che scrive infiniti calcoli sui muri, Roger più aperto alle amicizie e alle relazioni, anche se i libri rimangono la sua compagnia preferita. Dodger è più fragile, più incline ad autocommiserarsi, Roger una roccia solida, che sa sempre cosa fare anche nelle situazioni più assurde.

Dall'altra parte della barricata troviamo Reed, l'alchimista che li ha creati, un uomo freddo e calcolatore, spietato, che non esista ad eliminare chiunque intralci i suoi piani. Anzi, lui non si sporca mai le mani, per questo c'è la sua assistente, Leigh, una sua creatura, il suo braccio destro, che si occupa di tutte le seccature. Un'assistente geniale e senza scrupoli, utile, ma molto pericolosa. I suoi piani sono grandiosi quanto la sua sete di potere, e non c'è nessuno con cui voglia dividerlo. É un personaggio veramente folle ed inquietante. La sua storia è assurda, la sua nascita raccapricciante, ma la sua devozione alla sua maestra è quasi commovente. Poi c'è Erin, che forse è il mio personaggio preferito. Creata in laboratorio come Roger e Dodger, è rimasta comunque devota alla causa anche dopo la morte del suo gemello, è un cagnolino fedele, che sparge sangue ed esegue qualsiasi ordine, lasciando dietro di sè solo fuoco e devastazione. Ma non ha mai dimenticato ciò che è successo al fratello e chi è stato la causa della sua morte. Non ha mai perdonato. Lei è veramente interessante e mi è piaciuto moltissimo il suo percorso di crescita.

Ma di cose inquietanti in questo libro ce ne sono tante. Vi avviso. Omicidi, cadaveri smembrati, famiglie sterminate, testimoni scomodi fatti fuori senza pietà, edifici interi incendiati. Chiunque si oppone ai piani di Reed o rischia di intralciarli, viene ucciso, senza rimorso. Non c'è barbarie che non compirebbe, pur di avere successo. Per non parlare dei cadaveri smembrati e usati per scopi alchemici. Eh no, questo libro non è esattamente una passeggiata a Disneyland, preparatevi psicologicamente.

Il finale mi ha lasciato senza fiato. É stato soddisfacente e appagante, avrebbe potuto benissimo essere un autoconclusivo, ma l'autrice ha comunque lasciato qualche spiraglio aperto, in caso si decidesse di proseguire con un seguito, come infatti è stato. Avrebbe potuto finire qui, ma ora sono veramente curiosa di scoprire come potrebbe proseguire la storia. L'autrice potrebbe avere in serbo per noi parecchie sorprese, ma visto che uscirà nel 2022 in inglese, direi che abbiamo molto tempo per rifletterci su lol Nell'attesa, fiondatevi su questo libro. Non potete assolutamente perderlo. Vi farà esplodere la testa, ma ne sarà valsa la pena! 
♥½
Bellissimo!

Blog che hanno aderito all'iniziativa 
20 luglio | Me and Books | Vivo attraverso i libri | La biblioteca di Regi e Vale | Sylexlibris | I libri sono un antidoto alla tristezza
21 luglio | Lettrice di sogni | Hook a Book | VittBookBites | Captian NelyaFinwee | L'ennesimo Book Blog
22 luglio | La Soffitta dei Libri Dimenticati | Diario di un Sogno | I libri: il mio passato, il mio presente e il mio futuro | Milioni di particelle

1 commento:

  1. Lo devo iniziare, la tua recensione mi ha gasata molto.
    Ha una trama originale. Avevo letto l'anteprima del primo capitolo, vieni catapultato direttamente nel vivo della storia, quindi sono parecchio curiosa.

    RispondiElimina

Grazie per aver letto il mio post ❤
Lascia un commento se ti va!