martedì 26 marzo 2019

Top Ten Tuesday #32: New-to-Me Authors I Discovered In 2018

Ciao a tutti! Il tema del Top Ten Tuesday di oggi non mi ispirava molto (si parlava di audiolibri, podcast, musica ecc) quindi sono andata a pescarne uno di qualche settimana fa e ho deciso di parlarvi dei nuovi autori che ho scoperto nel 2018! É sempre un piacere scoprire un nuovo autore da tenere d'occhio!

Era un sacco di tempo che volevo leggere qualcosa di Alexandra Bracken e finalmente nel 2018 ho portato a compimento questo proposito leggendo ben due suoi libri: il primo capitolo della serie The Darkest Mind, che non mi ha proprio fatto impazzire, e Il malefico caso Alastor contro Redding, che invece mi è piaciuto un sacco! Leggerò sicuramente qualcos'altro di suo, anche se non sono ancora sicura di proseguire con The Darkest Minds! Rimanendo in tema di fantasy, nel 2018 ho conosciuto Christelle Dabos e la sua serie L'attraversaspecchi, che è stata una delle sorprese dell'anno. Di solito non amo gli autori francesi, ma lei ha saputo davvero catturare la mia attenzione con una storia molto particolare. Devo leggere il secondo. Gail Honeyman e il suo Eleanor Oliphant sta benissimo sono tra i ricordi più piacevoli dello scorso anno. Avete sentito che è al lavoro sul seguito? Ne sono felicissima! E poi finalmente ho letto Kass Morgan, precisamente i primi due capitoli di The 100. Me ne avevano tutti parlato parecchio male, ma amando la serie tv alla fine mi sono incuriosita e ho finito per darle una possibilità. E vi dirò, a me sta piacendo molto. Il telefilm è completamente diverso, migliore sotto molti aspetti, ma anche i libri non sono male!  
Dopo le fanciulle, tocca ai ragazzi. L'anno scorso ho letto per la prima volta Ernest Cline, complice l'uscita del film ispirato al suo Ready Player One. Il film mi è piaciuto un sacco e il libro è stato una bomba, una delle migliori letture dell'anno per me, quindi sono felice di aver fatto la sua conoscenza. Armada, uscito in seguito, non è altrettanto geniale, ma continuerò a tenerlo d'occhio senza dubbio! Non posso non nominare Neil Patrick Harris, che si è dimostrato brillante come scrittore come lo è come attore. Il suo libro per ragazzi La bandacadabra mi ha divertito un sacco! Infine chiude il trio Daniel Waters, che con il suo Sei ancora qui, arrivato anche al cinema, mi ha davvero lasciato a bocca aperta. Una storia molto particolare.
Chiudiamo con altre tre fanciulle, tre autrici italiane. Ci vuole un po' di orgoglio patriottico. Avevo sentito molto parlare di Susanna Casciani, ma confesso di averla un po' snobbata all'inizio. Mesi fa però mi sono ritrovata tra le mani Sempre d'amore si tratta e sono rimasta davvero senza parole di fronte a tanta bellezza. La definirei una lettura che ha lasciato il segno. Anche di Alessia Coppola sentivo parlare da tempo, e l'anno scorso finalmente ho letto Vision, uno dei suoi più recenti fantasy. Sarà solo il primo di tanti che leggerò, sicuramente! Chiude Laura Bonalumi, che ho scoperto con Ogni stella lo stesso desiderio. Ora mi sto procurando gli altri suoi libri. Sperando che mi facciano piangere un pochino di meno.
E voi? Avete scoperto qualche nuovo autore meritevole nel 2018? :)

lunedì 25 marzo 2019

Dal libro al film #16: Ogni giorno

Dopo un secolo, riprendo in mano la rubrica dedicata ai film! E visto che recentemente ho finalmente terminato la serie di Levithan Ogni giorno ho pensato di ricominciare proprio parlandovi del film che ne è stato tratto, che per me è stato uno dei più attesi del 2018! In realtà non gli è stata data molta attenzione, nè in patria, dove ha incassato appena 6 milioni, nè tantomeno da noi, dove non ha neanche sfiorato il mezzo milione. Ne ho sentito parlare davvero poco, ed è un peccato. Anche se rispetto al libro ha sicuramente i suoi difetti e ha subito numerosi cambiamenti, contribuisce a lanciare un bel messaggio e a mostrare l'amore come qualcosa che va oltre l'orientamento sessuale e il corpo.  L'ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU LIBRI E FILM!

Ogni giorno (Every Day) | 2018
Diretto da Michael Sucsy 
Prodotto da FilmWave, Likely Story, Metro-Goldwyn-Mayer
Durata 97 minuti
Tratto da Ogni giorno di David Levithan 

Ogni giorno racconta la storia di Rhiannon, una ragazza di 16 anni innamorata di “A”, l’anima gemella che ogni giorno abita un corpo differente. Grazie alla loro sintonia, Rhiannon e A si incontrano tutti i giorni, senza sapere cosa o chi avranno di fronte il giorno successivo. Col crescere del loro sentimento, realizzare di dover amare una persona differente ogni 24 ore diventa sempre più impegnativo, fino a quando saranno costretti a prendere una decisione che cambierà le loro vite per sempre.  


Ho atteso con molta ansia questo film. Il trailer faceva ben sperare e il risultato finale è stato soddisfacente. La lacrimuccia è arrivata puntuale e questo è sempre un buon segno. Se non piango, vuol dire che c'è qualcosa che non va. Di differenze con il libro ce ne sono molte, ma me lo sono proprio goduto senza pensarci, anche se alcune mi hanno infastidito più di altre. Inizio dicendo che il cast è approvato. Angourie Rice (Spiderman Homecoming) nei panni di Rhiannon è adorabile. Non ricordo descrizioni specifiche, ma me la sono sempre immaginata piccola, minuta e bella come una bambola, una di quelle di porcellana che puoi rompere in un attimo. Lei è riuscita molto bene a trasmettere la fragilità del suo personaggio, una ragazza che si sottomette ad una relazione sbagliata pur di aggrapparsi a pochi attimi di felicità, ma che dentro sta per esplodere, tanta è la sua voglia di vivere. Anche Justin è stata una scelta molto azzeccata. Justice Smith (Jurassic World, Detective Pikachu) è riuscito a dargli quell'espressione di annoiato menefreghismo che avevo immaginato per lui. Nathan interpretato da Lucas Jade Zumann (Chiamatemi Anna) è una delle cose più belle del film e avrebbe meritato più spazio. Da segnalare che Lui, Justice e Angourie hanno dovuto affrontare una doppia prova: interpretare il loro personaggio e poi A. Non è facile far arrivare al pubblico un cambiamento del genere, che non tocca l'aspetto fisico, ma solo la personalità, ma loro sono stati molto bravi in questo! Non mi ha particolarmente fatto impazzire Debby Ryan (Insatiable) nel ruolo della sorella di Rhiannon. C'è da dire però che visto che nel libro non la vediamo mai, non avevo una base su cui appoggiarmi.  Per la prima volta nella storia del cinema abbiamo avuto un protagonista interpretato da una quindicina di attori diversi e la cosa mi ha divertito un sacco. Come nel libro, i ragazzi e le ragazze di cui A prende in prestito la vita sono molto diversi tra loro, per sesso, colore della pelle, taglia. Credo abbiano scelto una bella gamma di attori. Essendo uno dei punti centrali della storia, tenevo molto a questo aspetto e non sono stata delusa. Oltretutto credo sia stata per loro una bella prova, visto che sono tutti giovanissimi e alle prime armi. Tra i nomi più noti forse avrete riconosciuto Jacob Batalon, che recita al fianco di Tom Holland nel più recente Spiderman, o Ian Alexander, che è uno dei protagonisti della famosa serie The OA.

E ora approfondiamo un po' le differenze tra libro e film. Una cosa che salta molto all'occhio è che mentre il libro segue solo il punto di vista di A e vediamo Rhiannon solo quando è in sua compagnia, nell'adattamento i loro pov sono alternati. Li seguiamo entrambi e ci vengono mostrate le loro vite anche quando sono lontani uno dall'altro. Questa scelta ha dato una panoramica più ampia alla storia. Oltretutto visto che esiste anche un libro che racconta la vicenda dal punto di vista di lei, è stata una buona idea sfruttarlo per coinvolgerci il più possibile. Rispetto al libro, il film si concentra molto più sul lato romantico, trascurando un po' la componente fantastica. Questo dipende soprattutto dal fatto che il personaggio del reverendo Poole, l'antagonista della storia, è stato eliminato, e con lui gran parte della tensione. Nel libro Poole aiuta Nathan dopo la sua 'possessione', lo usa per cercare di avvicinarsi ad A perchè ha capito chi è. Perchè è come lui. Un colpo di scena non indifferente, di cui ho sentito un po' la mancanza. Questa scelta non mi ha resa molto felice, dico la verità, ma credo di comprenderne il motivo. Nel primo libro della serie Poole ha un ruolo marginale, è presente ma solo alla fine si svela. Per tutta la vita A si è chiesto se ci fossero altri come lui e la risposta che ottiene è la spinta che poi tiene in piedi la trama del seguito. Credo che il film sia sempre stato pensato come un autoconclusivo, e inserire Poole voleva dire mettere le basi per un seguito che non ci sarebbe stato. Per cui risultava superfluo. Mi sarebbe piaciuto vederlo all'opera, ma comprendo la scelta.   

Sullo schermo abbiamo conosciuto molto meglio la famiglia di Rhiannon. Nel libro sua sorella è già al college, mentre nel film vanno alla stessa scuola e hanno un legame molto forte. É lei l'unica a cui Rhiannon cerca di raccontare di A, anche se con pessimi risultati. Nel libro i suoi genitori sono molto marginali e li vediamo raramente, al contrario nel film vengono esposte le loro dinamiche familiari in modo più chiaro, e vengono approfonditi i rapporti tra loro, in particolare quello tra Rhiannon e il padre. Era una lacuna del libro che è stata sanata, una modifica a fin di bene. Dare alla protagonista un contesto familiare più definito è stata una buona mossa. Parlando di modifiche, ce n'è stata una che invece non mi è proprio andata giù: la questione, molto spinosa, della permanenza nei corpi altrui. Nel libro A non può rimanere più di un giorno e anche se potesse non lo farebbe, perchè sarebbe come rubare la vita al suo legittimo proprietario. É un problema che nel libro viene trattato abbondantemente, soprattutto dopo l'entrata in scena di Poole, che al contrario non si fa scrupoli nel fare tutto ciò che vuole. L'ultimo libro è proprio incentrato sulla contrapposizione tra A e Poole e il loro modo di rapportarsi con i loro 'ospiti'.  Nel film, al contrario, A rimane nel corpo di un ospite per ben due volte, anche se titubante. La prima in quello di Kelsea, una ragazza aspirante suicida. Per aiutarla, si obbliga a restare nel suo corpo un giorno in più, per poter chiedere aiuto al padre al suo ritorno dal turno di notte. La seconda in quello di Alexander (che nel libro è un ragazzo qualunque, mentre nel film è uno degli amici di Rhiannon), in cui rimane per diverso tempo, illudendosi di poter avere una vita normale. Totalmente fuori dal personaggio. A non l'avrebbe mai fatto, neanche per poco. Va contro tutto ciò che lui è. Questo è sicuramente il cambiamento che mi ha fatto più storcere il naso. Non ho apprezzato neppure l'idea che A abbia un account instagram in cui carica un selfie ogni giorno, vita dopo vita. Non è proprio da lui, visto che nel libro sta sempre attento, in modo quasi maniacale, a non lasciare nessuna traccia. Ha una casella mail a cui si collega quando ne ha modo dai computer o cellulari altrui, ma sempre facendo attenzione a fare log out alla fine, ma un account instagram del genere potrebbe essere davvero compromettente. Ultima differenza su cui mi soffermo: la rottura tra Justin e Rhiannon. Sulla carta è veramente terribile. Lei inizia a frequentare A in segreto e viene beccata a baciarlo proprio da Justin, che non la prende molto bene e inizia a parlare male di lei, raccontando a tutti del suo tradimento. A scuola per un po' tutti la guardano storto, le urlano volgarità e le fanno subire la classica gamma di angherie da scuola americana. Nel film, Rhiannon si allontana da Justin quando inizia ad avere dei dubbi su di lui e la cosa si risolve abbastanza pacificamente. Hanno reso tutto meno pesante e drammatico.  

Nonostante le differenze, sono felice che lo spirito del libro sia arrivato sul grande schermo intatto. É la cosa che conta di più. Il film, come il libro, dipinge una serie di personaggi diversi ed unici. A prende in prestito il corpo di ragazzi e ragazze di ogni tipo, diversi nell'aspetto, nell'etnia, nell'orientamento sessuale. Le loro vite sono diverse, i loro corpi sono diversi. Desiderano uomini, donne, a volte entrambi, a volte nessuno. Hanno problemi emotivi o psicologici, disabilità. La loro diversità li rende speciali, ma allo stesso tempo tutti uguali, con gli stessi diritti di essere felici e di amare. Ogni giorno ci mostra l'evoluzione di un amore che è completamente slegato da etichette. A non pensa a se stesso come uomo o donna, e lentamente Rhiannon inizia a fare lo stesso. Questa storia è un inno alla diversità ed era importante che il film portasse con sè questo messaggio. Sono uscita del cinema contenta, nonostante qualche modifica mi abbia fatto arricciare il naso. Qualcuna l'ho approvata, qualcuna no, ma tirando le somme i pregi vincono sui difetti e il risultato è un film piacevole, romantico, che intrattiene e fa riflettere su molte questioni. Sono felice che abbia raggiunto un pubblico più ampio!   

Curiosità
- Justice Smith, l'attore che interpreta Justin, sarà il protagonista della trasposizione cinematografica di Raccontami di un giorno perfetto.
- La sceneggiatura del film è stata curata da Jess Andrews, autore del libro Quel fantastico peggior anno della mia vita (Einaudi, 2015) diventato poi anch'esso un film!
- Il film è stato girato a Toronto.
- La canzone portante della colonna sonora è What about us di P!nk.
- Sono 15 gli attori che interpretano A nel corso del film.

Novità della settimana (25/31marzo)

Ciao a tutti! Marzo sta giungendo al termine, ma questo mese di chiude decisamente in bellezza! Non saprei davvero da dove iniziare! Ce n'è per tutti i gusti! Queste sono le settimane che ci piacciono! La star della settimana è il nuovo libro di Patrick Ness, E l'oceano era il nostro cielo, che ci ha fatto innamorare tutti fin dalla bellissima copertina! La storia sarà all'altezza del suo superbo involucro? Anche il libro di Guido Sgardaroli targato Il Battello a Vapore ha già conquistato la mia wishlist ed è sicuramente tra le uscite che mi ispirano di più. E voi che ne dite? Cosa vi piacerebbe leggere? :)

Titolo: Stella azzurra
Autore: Mario Lodi          
Editore: DeAgostini              
Prezzo: 9,90 Euro                 
Data d'uscita: 25 Marzo 2019
 
 

In un futuro lontano, gli esseri umani hanno smesso di immaginare, giocare, amare. Il mondo si è ingrigito. Tutti dormono. E nel sonno obbediscono agli ordini del Grande Capo. Nessuno diserterebbe mai i suoi comandi, nessuno tranne U3. Lui è solo un bambino, ma è diverso. Ecco perché il giorno della sua prima missione nello Spazio, U3 segue la luce di un pianeta che gli sembra una stella azzurra. Qui conosce Laura, una ragazzina che vive in una biblioteca fatta di torri altissime, di colori, storie, magia. Poi U3 si sveglia dal sonno. Gli adulti gli dicono che niente di quanto ha visto nel sogno esiste davvero. Non esiste Stella Azzurra, non esiste Laura, non esiste la biblioteca di libri volanti. Ma U3 è diverso. Non gli basta obbedire. E adesso che ha aperto gli occhi è pronto all'avventura. 

Titolo: E l'oceano era il nostro cielo
Autore: Patrick Ness          
Editore: Mondadori              
Prezzo: 16 Euro                 
Data d'uscita: 26 Marzo 2019


Con gli arpioni legati alla schiena, le orgogliose balene del baccello di Bathsheba vivono per la caccia, combattendo nella guerra in corso contro il mondo degli uomini. Quando attaccano una nave che dondola sulla superficie dell'Abisso, si aspettano di trovare facili prede. Invece trovano la scia di un mito, un mostro, forse il diavolo in persona... Mentre il loro implacabile capitano guida l'inseguimento, si imbarcano in una caccia finale, vendicativa, che cambierà per sempre il mondo di balene e uomini.

Titolo: Un intero attimo di beatitudine
Autore: C.H. Parenti          
Editore: DeA Planeta              
Prezzo: 16 Euro                 
Data d'uscita: 26 Marzo 2019


Arianna Brandi non è certo una ragazza che passa inosservata: capelli rossi come il fuoco e occhi pieni di rabbia. La rabbia di chi ha già perso tutte le cose che contano davvero: la famiglia, l'innocenza, la voglia di credere nel futuro. Infatti, da quando il padre se n'è andato, sparito nel nulla senza lasciare traccia, la vita di Arianna non è stata più la stessa. Qualcosa si è spezzato, e lei ha cercato rifugio nelle compagnie sbagliate, tra alcol, feste e notti infinite. Le cose cambiano il giorno in cui Arianna viene bocciata e la madre la costringe a lavorare nel bar di un piccolo paese alle porte di Siena. Per Arianna quello è l'inferno, l'estate peggiore che possa immaginare. Almeno fino al momento in cui incontra Daniel. Lui è tutto ciò che Arianna non è: timido, riservato, serio. Se ne sta seduto in un angolo del bar con una vecchia macchina fotografica tra le mani, sempre solo. Tra i due l'amore scoppia come una scintilla inaspettata, sorprendente. Lui la trascina nel suo universo misterioso, lei trova il modo di ricucire i pezzi della propria vita. Daniel sembra essersi materializzato dal nulla per salvarla, per portarla via sul suo cavallo bianco come un cavaliere dall'armatura scintillante. Eppure Arianna non sa che il ragazzo che le ha rubato il cuore nasconde un segreto. E che, forse, sarà lei a salvare lui. Una storia romantica sull'amore e sulle seconde possibilità. Quelle che la vita ci regala, sempre e comunque.

Titolo: Spark (Ink #2)
Autore: Alice Broadway          
Editore: Rizzoli              
Prezzo: 18 Euro                 
Data d'uscita: 26 Marzo 2019

Immagina di scoprire che tutta la tua vita si basa su una bugia, che non sei la persona che credevi di essere. Immagina di dover ricominciare tutto da capo, tra coloro che fino a ieri consideravi diversi e che ora invece sono la tua gente.Leora ha scoperto di essere una mezzosangue, figlia di un Marchiato e di un’Intonsa. La sua accettazione e presa di coscienza di questa verità non piace al leader della comunità, il sindaco Longsight, che le offre un incarico che non può rifiutare: se vuole proteggere le persone che le sono care dovrà unirsi agli Intonsi e scoprirne le debolezze. A malincuore Leora accetta, anche nella speranza di sapere qualcosa di più sulla sua vera madre. Capisce così che le storie della tradizione che conosce fin da bambina lì hanno interpretazioni radicalmente diverse, se non opposte, e deve rimettere tutto in discussione, accettare che non solo la sua educazione sia stata una menzogna, ma che neppure gli Intonsi siano depositari di un’unica verità. 

Titolo: Il fenomenale P.T. Heliodore
Autore: Guido Sgardoli          
Editore: Il Battello a Vapore              
Prezzo: 16 Euro                 
Data d'uscita: 26 Marzo 2019
 

La prima volta in cui P.T. Heliodore sentì un animale parlare aveva dieci anni e accadde nelle stalle del signor Pettygoofer, in un pomeriggio ventoso sul finire dell'ottobre 1834. Il cavallo disse: - Perché te ne stai lì con quell'aria imbronciata anziché pulire questo lerciume? E P.T. Heliodore non seppe proprio cosa rispondere. In seguito gli capitò di sentire parlare dei gufi, uno scarabeo, una biscia d'acqua, una vacca blu che stava portando a New York e un cane di nome Pinky. P.T. aveva un'immaginazione grande quanto lo Stato del Connecticut. E così come gli animali parlavano, suo padre, Mylus Heliodore, era un re e il suo regno era Nickel Island. E Alice Pettygoofer, l'incantevole ragazza comparsa all'improvviso in un giorno di primavera, aveva i capelli verdi, ma non di un verde qualsiasi, no. Erano verdi come le punte delle gemme. E volava. Sì, Alice Pettygoofer sapeva volare. Lei era la ragazza piuma. 

Titolo: Neverworld
Autore: Marisha Pessl          
Editore: Mondadori              
Prezzo: 18 Euro                 
Data d'uscita: 26 Marzo 2019

Quando Beatrice frequentava il liceo, Jim, Martha, Whitley, Kipling e Cannon erano la sua famiglia, i primi veri amici che avesse mai avuto. Loro sei erano come un club, una società segreta invidiata da tutti gli altri studenti. E per tutti l'improvvisa e misteriosa morte di Jim, il più carismatico del gruppo e fidanzato di Bea, era stata un terremoto, di quelli che inghiottono la città e spazzano via ogni cosa. Un anno dopo, in occasione del compleanno di Whitley, Beatrice torna nella villa dove il gruppo era solito trascorrere lunghissime nottate a raccontarsi segreti, amori, piani per conquistare il mondo, sperando di trovare risposta alla domanda che ancora la tormenta: cosa è successo davvero al suo ragazzo? Perché, di questo è certa, i suoi (ormai ex) amici sanno molto più di quanto non diano a vedere. La notte corre via veloce, tra balli scatenati in un locale del centro, un po' troppi Moscow Mule, battute imbarazzanti e silenzi imperscrutabili, fino all'epilogo, un incidente d'auto dal quale il gruppo esce apparentemente illeso. Ma una volta rientrati alla villa, accade l'impensabile: un uomo misterioso bussa alla porta e, candido, annuncia una verità sconvolgente: sono tutti morti. O meglio: sono tutti "quasi" morti, incastrati tra la vita e la morte, prigionieri in una sorta di limbo, il Neverworld, dove il giorno appena vissuto è destinato a ripetersi all'infinito. Solo uno di loro potrà scampare a questo incubo e tornare alla vita vera, ma dovranno essere loro stessi a decidere chi. Una scelta difficile, impossibile. Dopo un primo momento di incredulità, a mano a mano che alla negazione si sostituisce la lucida accettazione della realtà, inizierà a essere chiaro a tutti che l'unica speranza di scampare a un destino tanto crudele è fare fronte comune e aiutarsi l'un l'altro e, soprattutto, che la chiave di volta è legata in modo indissolubile alla scoperta di cosa è accaduto davvero la notte della scomparsa di Jim.

Titolo: Il giardino segreto
Autore: Frances Hodgson Burnett e Fabio Mancini (illustratore)         
Editore: Il Battello a Vapore              
Prezzo: 10 Euro                 
Data d'uscita: 26 Marzo 2019
 
Della stessa collana escono lo stesso giorno anche Il meraviglioso mago di Oz, Il giro del mondo in 80 giorni e Black Beauty

Mary è appena arrivata dall'India nella brughiera inglese, è senza genitori e non conosce nessuno. Non è strano quindi che sia scorbutica e imbronciata: si annoia e non ha nulla da fare. È così che, anche se fa freddo e minaccia sempre pioggia, Mary comincia a esplorare i giardini che circondano la grande casa in cui vive. Fino a quando scopre un muro e una piccola porticina, chiusa a chiave... 

Titolo: L'albero unico (Cronache Magiche #1)
Autore: David J. Moreno          
Editore: Giunti              
Prezzo: 14 Euro                 
Data d'uscita: 27 Marzo 2019

Gabe e Nancy, due fratellini di 10 e 11 anni, vanno come ogni primavera in campagna dal nonno. Devono stare lì mentre i genitori viaggiano per lavoro. Il nonno Angus è sempre stato un po' burbero, ma quest'anno è particolarmente severo. Incuriositi dallo strano comportamento del nonno e da un misterioso visitatore, i due finiscono nel bosco una notte. Lì casualmente inizia per loro un viaggio incredibile, attraverso un mondo parallelo, che sta lentamente morendo per colpa di un malvagio sortilegio. Per salvarlo conosceranno volpi parlanti, nani guerrieri e creature marine, impareranno a lottare e a usare l'intelligenza e il cuore. Alla fine del viaggio gli verrà rivelato un grande segreto che li riguarda, ma solo dopo aver trovato la radura in cui cresce l'albero unico... 

Titolo: Le sette morti di Evelyn Hardcastle
Autore: Stuart Turton          
Editore: Neri Pozza              
Prezzo: 18 Euro                 
Data d'uscita: 28 Marzo 2019
 

Blackheath House è una maestosa residenza di campagna cinta da migliaia di acri di foresta, una tenuta enorme che, nelle sue sale dagli stucchi sbrecciati dal tempo, è pronta ad accogliere gli invitati al ballo in maschera indetto da Lord Peter e Lady Helena Hardcastle. Gli ospiti sono membri dell'alta società, ufficiali, banchieri, medici ai quali è ben nota la tenuta degli Hardcastle. Diciannove anni prima erano tutti presenti al ricevimento in cui un tragico evento - la morte del giovane Thomas Hardcastle - ha segnato la storia della famiglia e della loro residenza, condannando entrambe a un inesorabile declino. Ora sono accorsi attratti dalla singolare circostanza di ritrovarsi di nuovo insieme, dalle sorprese promesse da Lord Peter per la serata, dai costumi bizzarri da indossare, dai fuochi d'artificio. Alle undici della sera, tuttavia, la morte torna a gettare i suoi dadi a Blackheath House. Nell'attimo in cui esplodono nell'aria i preannunciati fuochi d'artificio, Evelyn, la giovane e bella figlia di Lord Peter e Lady Helena, scivola lentamente nell'acqua del laghetto che orna il giardino antistante la casa. Morta, per un colpo di pistola al ventre. Un tragico decesso che non pone fine alle crudeli sorprese della festa. L'invito al ballo si rivela un gioco spietato, una trappola inaspettata per i convenuti a Blackheath House e per uno di loro in particolare: Aiden Bishop. Evelyn Hardcastle non morirà, infatti, una volta sola. Finché Aiden non risolverà il mistero della sua morte, la scena della caduta nell'acqua si ripeterà, incessantemente, giorno dopo giorno. E ogni volta si concluderà con il fatidico colpo di pistola. La sola via per porre fine a questo tragico gioco è identificare l'assassino. Ma, al sorgere di ogni nuovo giorno, Aiden si sveglia nel corpo di un ospite differente. E qualcuno è determinato a impedirgli di fuggire da Blackheath House...  

Titolo: Suicide Club
Autore: Rachel Heng          
Editore: Nord              
Prezzo: 18,60 Euro                 
Data d'uscita: 30 Marzo 2019
 


Vivremo per sempre. Ma a quale prezzo? Lea ha cento anni e ne dimostra meno di quaranta, grazie agli straordinari progressi della medicina, che permettono ad alcune persone - selezionate alla nascita - di triplicare la durata della vita. Tutto quello che devono fare è attenersi scrupolosamente alle regole del benessere. Lea non mangia cibi grassi, non beve alcolici, non ascolta musica deprimente, non si allena né troppo intensamente né troppo poco. È la candidata ideale per accedere a una nuova fase sperimentale di cure, destinata a prolungare l'esistenza all'infinito. Un giorno, però, tornando dal lavoro, Lea vede suo padre dall'altra parte della strada, un padre con cui non ha rapporti da ottantotto anni. Per raggiungerlo, si lancia in mezzo al traffico e per poco non viene investita. Quel semplice gesto è la sua rovina: come può essere degna dell'immortalità una persona che agisce in modo tanto sconsiderato? In un attimo, il suo nome viene depennato dalla lista dei prescelti e lei è costretta a frequentare un gruppo di sostegno. Ed è qui che entra in contatto con alcuni membri del Suicide Club, un gruppo di ribelli che si batte per poter scegliere come e quando morire. E suo padre è uno di loro. Dapprima sconcertata, a poco a poco Lea si rende conto che questi uomini e queste donne - che mangiano quello che vogliono, vanno a concerti clandestini, praticano sport estremi - hanno accumulato più esperienze in un anno di quante non ne abbia provate lei in una vita intera. D'un tratto, la prospettiva di vivere un'eternità di rinunce non è più così allettante. Ma ben presto si renderà conto che tutto ha un prezzo, e quello per la libertà potrebbe essere troppo alto... 

giovedì 21 marzo 2019

Cover Battle #58: L'orso e l'usignolo di Katherine Arden

Ciao a tutti! Oggi parliamo di un libro che arriverà presto in Italia! Dopo una lunga attesa dal 3 aprile potremo finalmente leggere "L'orso e l'usignolo" di Katherine Arden, il primo libro di una nuova serie fantasy targata Fanucci. Mi ispira un sacco così ho pensato di andare a dare un'occhiata alle copertine in giro per il mondo! Mi piacciono moltissimo la terza copertina originale e quella francese! Quella italiana non mi fa impazzire, perchè hanno scelto di riprendere la copertina originale che mi piace di meno e hanno usato un font abbastanza terribile. Per il resto le trovo tutte piuttosto carine, soprattutto quelle floreali. Che ne dite? Qual è la più bella per voi? E quella che vi piace meno? E soprattutto, questa serie vi ispira quanto a me? :)

Originali
 Italiana / Serba
 Bulgara / Ceca / Portoghese
 Cinese / Francese
 Persiana / Rumena / Russa