giovedì 23 gennaio 2014

RECENSIONE: A spasso con Bob - James Bowen

Titolo: A spasso con Bob
Titolo originale: A Street Cat Named Bob

Autore: James Bowen 
Editore: Sperling & Kupfer 
Pagine: 238
Prezzo: 16,90 Euro
Anno: 2012


Trama: Quando James Bowen trova davanti alla porta del suo alloggio popolare un gatto rosso, rannicchiato in un angolo, impaurito e malato, non immagina quanto la sua vita stia per cambiare. James, ventisette anni, un passato di alcol e droga, non ha un lavoro né una famiglia su cui contare. Vive alla giornata per le vie di Londra, e raccoglie qualche spicciolo suonando la chitarra davanti a Covent Garden e nelle stazioni della metropolitana. L'ultima cosa di cui ha bisogno è un animale domestico. Eppure non resiste a quella palla di pelo, che subito battezza Bob. Pian piano James riesce a farlo guarire, e a quel punto lascia il gatto libero di andare per la sua strada, convinto di non rivederlo più. Ma Bob è di tutt'altro avviso: per nulla al mondo intende separarsi dal suo nuovo amico e lo segue ovunque. Instancabile. Finché a James non rimane che arrendersi. È l'inizio di una meravigliosa amicizia e di una serie di singolari, divertenti e a volte pericolose avventure che trasformeranno la vita di entrambi, rimarginando lentamente le vecchie ferite, anche quelle più profonde.   

Recensione 
James è un senzatetto tossicodipendente. E' finito per strada da ragazzo e in breve tempo la solitudine e la disperazione l'hanno trascinato nel tunnel della droga, dove è sprofondato sempre di più, giorno dopo giorno, facendogli perdere dieci anni della sua vita. Ora sta cercando di uscirne. E' riuscito ad ottenere un alloggio, si guadagna da vivere cantando per strada, cerca di rigare dritto.. ma la verità è che non ha nulla per cui lottare. Almeno fino al giorno in cui incontra un gattone rosso messo male quasi quanto lui. E' amore a prima vista. James decide di prendersi cura di quella palla di pelo, ribattezzato Bob, dando fondo ai suoi pochi risparmi per procurargli le cure di cui ha bisogno. All'inizio è convinto che sarà solo una cosa temporanea ma è chiaro che il gatto la pensa molto diversamente. Giorno dopo giorno i due stringono un rapporto sempre più solido e James capisce in fretta che Bob non ha nessuna intenzione di andarsene. La sua presenza nella sua vita farà tutta la differenza del mondo: finalmente ha qualcuno per cui lottare.

Ormai mi conoscete. Mettetemi un animale qualsiasi sulla copertina e schiaffateci sopra una bella etichetta con scritto 'Una storia vera' e non so resistere. Amo questo genere di storie e non credo che mi stancherò mai di leggerne perchè, anche se in un certo senso tutte si somigliano grazie alla presenza di un animale angelo custode, sono tutte diverse e ne rimango sempre profondamente colpita. Questo non è un libro straziante, nè strappalacrime, è una storia piena di speranza. James Bowen dipinge un quadro molto difficile e ci racconta com'è la vita di un senzatetto. Ci racconta la sua infanzia, la sua adolescenza, le scelte sbagliate che l'hano portato a rimanere solo e la droga che l'ha soggiogato, portandogli via la voglia di fare qualcosa per cambiare le cose, la voglia di lottare, la voglia di vivere. Dopo più di dieci anni passati per strada però qualcosa in lui si smuove e capisce che se non vuole passare così il resto della sua vita e che è ora di dire basta. Nonostante la sua buona volontà però è difficile per un senzatetto tossicodipendente crearsi una nuova vita. Il primo passo è la disintossicazione. Lui ci prova, ma non crede di riuscire ad arrivare fino in fondo. Cosa farà dopo? Chi mai assumerà un uomo che non ha mai lavorato, senza un diploma, senza esperienza, senza una casa? Senza droga, che altro avrà? Ciò che gli manca è la spinta decisiva, la promessa che se lui uscirà dal tunnel della droga, là fuori ci sarà qualcosa di bello per cui sarà felice di aver sofferto tanto. E in fondo al tunnel di James non c'è nulla. La solitudine che si respira tra le pagine di questo libro è così opprimente, così triste. James non ha davvero nessuno a cui chiedere aiuto. Il suo orgoglio gli ha fatto perdere qualsiasi rapporto con i genitori e non ha nessun amico. L'arrivo di Bob nella sua vita ha cambiato le cose in un modo così radicale che sembra quasi impossibile crederci. James ha sempre dovuto pensare solo a sè stesso e per la prima volta si è ritrovato praticamente costretto a prendersi cura di un'altra vita. Bob ha bisogno di cure, di cibo, ma soprattutto di amore. Solo lui sa le avventure che l'hanno portato tra le braccia del suo nuovo amico. Ma per Bob, come per James, non è il passato che conta, che sia rimasto solo dopo la morte del padrone, che sia stato abbandonato, che si sia perso, che sia nato in strada, tutto quello che ora importa è il futuro, un futuro in cui la solitudine non esiste più. La loro amicizia è sicuramente una delle più belle amicizie uomo-gatto di cui mi sia capitato di leggere. Il loro rapporto è incredibilmente forte perchè sanno bene che la loro vita dipende l'uno dall'altro. Ma non solo: grazie a Bob, James ha ripreso a relazionarsi davvero con la gente. Prima aveva la sensazione di essere invisibile, nessuno si fermava davvero ad ascoltarlo, nè a guardarlo, neppure quelli che gli allungavano qualche spicciolo, ma dopo l'arrivo di Bob le cose sono cambiate. La gente ha iniziato a fermarsi più spesso, un po' attirata dalla dolcezza del micio, un po' incuriosita dallo strano duo, ha iniziato a fargli domande, a salutarlo, ad affezionarsi a loro. Nonostante i frequenti spostamenti Bob attirava sempre una bella folla e questo non solo ha aiutato James finanziariamente, grazie alle entrate molto più generose, ma l'ha anche abituato di nuovo al contatto con le persone, a chiacchierare, a ridere, ad ascoltare storie. Bob l'ha aiutato a tornare a vivere, gli ha dato qualcosa per cui lottare. Come non rimanere colpiti da una storia come questa? Se siete curiosi su youtube potete trovare molti video dedicati a Bob e a James, che ormai sono delle vere celebrità. Presto potrebbe arrivare perfino un film su di loro!              Valutazione: Bellissimo! 

Bob è il mio più caro amico, è stato lui a guidarmi verso una vita diversa e migliore e in cambio non ha mai chiesto niente di difficile: vuole soltanto che io mi prenda cura di lui, cosa che faccio con immenso piacere. Tutti dobbiamo concederci una pausa, tutti hanno diritto ad una seconda occasione. Bob e io ci siamo presi la nostra.

9 commenti:

  1. Sono come te, se mi mettono una palla di pelo in copertina mi sciolgo completamente *-*
    L'unica cosa che mi frena dal comprare tutti i libri a tema "animali carini e coccolosi" è che spesso si concludono con la morte del cane/gatto/criceto e ci rimango sempre malissimo ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in effetti è una cosa che capita spesso perchè tutti tendono a raccontare la loro storia anni dopo, quando ormai il pelosetto è morto. In questo caso invece non è così, per una volta :)

      Elimina
  2. Io e i film sugli animali non andiamo d'accordo. Mi riducono a una fontana umana.
    Figuriamoci i libri... Questo, come Katerina, lo prenderei quasi solo per la copertina: tenerissima :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io piango sempre sempre, ma sono parecchio masochista, perchè continuo ad andarne in cerca ahah Ho un settore della libreria tutto dedicato ai libri sugli animali ;_;

      Elimina
  3. Oh il gattone in copertina *_____*
    La mia passione per gli animali mi ha già fatto venire gli occhi a cuore solo leggendo la trama.. bellissima recensione,che mi ha convinto a metterlo in wishlist :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro adorabile :) Poi se vai su google o su youtube ci sono una miriade di video e foto di Bob, con un sacco di sciarpine tutte diverse e colorate, una cosa deliziosa :3

      Elimina
  4. Risposte
    1. Te lo consiglio assolutamente :3 Si trova anche in versione economica nella collana della Pickwick!

      Elimina
  5. Concordo!! Ho amato questo libro, anche se il secondo mi è sembrato solo brodo allungato! Adoro Bob!!! =^.^=

    RispondiElimina