martedì 30 maggio 2017

RECENSIONE: Destiny - Lindsey Summers

Destiny di Lindsey Summers
Autoconclusivo
Newton Compton (2017) | 320 pagine | 9,90 euro 

Perdere il cellulare può essere problematico, soprattutto se sei un adolescente. Ma quando Keeley scopre che il suo è finito in mano a Talon, un coetaneo sbruffone e pieno di sè, pensa che le cose non potrebbero andare peggio. Ma questo è prima di sapere che lui è partito per un ritiro sportivo che impedirà ai due di ritornare in possesso dei rispettivi cellulari per una lunga settimana. Keeley e Talon si ritrovano così costretti a raggiungere una tregua, che impone loro l'inoltro di rispettivi messaggi e chiamate fino a che non potranno incontrarsi. Ma quella che all'inizio era solo una grande scocciatura, piano piano diventa una piacevole abitudine. Messaggi e chiamate si fanno sempre più frequenti, alimentati dalla crescente chimica tra i due e la voglia di incontrarsi diventa qualcosa di più che una semplice formalità per scambiarsi il cellulare. E se quello sfortunato scambio fosse invece un segno del destino?

 Recensione
Spesso quando mi ritrovo a recensire libri come questo tendo ad esordire dicendo che non è proprio il mio genere, soprattutto se il libro in questione non mi è piaciuto, ma ad essere pignoli non è proprio così. A me i romance piacciono, in particolare gli YA. Nella mia libreria ne custodisco gelosamente parecchi, a cui ho dato anche voti molto alti. Quando dico che questo non è il mio genere, non intendo gli YA romance, intento gli YA romance banali. E purtroppo per quanto mi riguarda Destiny rientra pienamente in questa categoria. Le mie antenne si erano già rizzate alla parola 'Wattpad' ma gli ho voluto dare comunque una possibilità perchè è stato il libro tormentone del Salone di Torino, perchè Newton Compton ne ha parlato tanto e gli ha organizzato un lancio in grande, perchè 90 milioni di lettori su Wattpad sono una cifra allucinante, perchè l'asciugamano che mi hanno regalato mi ha salvato la vita. Insomma, glielo dovevo lol La lettura non è andata male come pensavo, lo ammetto. Ci sono momenti molto dolci che mi hanno fatto sorridere, si divora in un attimo e tutto sommato è anche ben scritto. É la perfetta lettura estiva adolescenziale senza pretese, ma ha tanti difetti su cui non sono riuscita a chiudere un occhio.

Iniziamo partendo proprio dalla protagonista Keeley. Lei è uno dei motivi principali per cui il libro non mi ha conquistato. Appena la conosciamo ci appare purtroppo chiaro fin da subito che non è la ragazza più sveglia della città. Non è lo smarrimento del cellulare in sè, può capitare, ma quanto più che la cosa le accada molto spesso (questa sarebbe la terza volta in sei mesi) obbligando ogni volta i suoi poveri genitori a porre rimedio con un nuovo cellulare. Quando lo ritrova ci mette ore e ore ad accorgersi che quello non è il suo, confermando la mia tesi, senza parlare poi del fatto che, per qualche misteriosa ragione che ancora non comprendo, decida di tacere lo smarrimento con amici e parenti, scatenando tutta una serie di situazioni drammatiche decisamente evitabili. Aggiungiamoci poi il comportamento da zerbino che assume con il fratello gemello Zach e un pizzico di egocentrismo e incoerenza che emergono nel rapporto con la sua sua migliore amica e il quadro è completo. L'ho trovata sciocca, scialba e superficiale, priva di interesse o di qualsiasi particolarità che la potesse rendere unica.

Talon risolleva un po' la situazione, per fortuna. Non che sia privo di difetti, ma ho trovato in lui una personalità decisamente più memorabile di quella della sua compagna. É un appassionato di geocaching (un particolare tipo di caccia al tesoro che mi ha affascinato moltissimo, voglio provarla!), ha un'adorabile fissazione per i marshmallow per cui ne ha sempre un sacchetto sottomano (ecco, questo è uno dei requisiti basilari quando cerco un uomo ahah), ed è, tutto sommato, un adorabile sbruffone, capace di gesti molto romantici, anche se dovrebbe aggiornare il suo repertorio di frasi ad effetto un po' datato e darsi una regolata. E smettere di chiamare Keeley 'bambola'. Ogni volta che la chiamava così mi si gonfiava una vena sulla tempia e alla cinquantesima volta mi sono trasformata in super sayan lol Ha dei momenti no? Sicuramente. Mi è capitato di volerlo picchiare? Potete scommetterci. Fa scelte stupide? Sì. Non è perfetto, ma credo che sia il personaggio più interessante del libro. E' ben caratterizzato, ha un background, ha degli interessi particolari. Purtroppo non si può dire lo stesso dei personaggi secondari. Nicky è la classica amica sullo sfondo. Non è particolarmente approfondita nè caratterizzata. Keeley si lamenta che lei non c'è mai, che è sempre impegnata con il suo gruppo di studio ma poi appena ha un ragazzo per le mani sparisce completamente a sua volta. Una bella amicizia. Invece Zach, il fratello gemello di lei, ha perfino troppo spazio. Ho trovato il rapporto tra i due asfissiante. La chiama in piena notte ogni volta che è ubriaco e lei deve scattare sull'attenti per andarlo a prendere. Le da dei divieti su chi frequentare. Cerca di obbligarla a scegliere il suo stesso college. Fa scenate per motivi totalmente sciocchi. E poi è infantile, incoerente ed egoista. Mi è piaciuto addirittura meno di Keeley. Una coppia di fratelli da dimenticare.    

Parlando della trama il mio giudizio finale si potrebbe riassumere in un 'si impegna, ma potrebbe fare di più'. L'idea iniziale è carina e mi ha ricordato un po' un libro molto bello della Kinsella, Ho il tuo numero. Parte bene, divertente, simpatico, romantico. Non particolarmente emozionante, ma piacevole e godibile. La prima crepa l'ho trovata quando i due finalmente si trovano faccia a faccia. L'incontro è molto deludente. Ho avuto la sensazione che avvenisse troppo in fretta. La corrispondenza sarebbe dovuta durare un po' di più, per accrescere il desiderio di incontrarsi. Una settimana non è sufficiente. Ve lo dice una che ha iniziato le sue due storie più importanti proprio via sms. Ma questa è solo una piccola crepa che potremmo anche ignorare. Ovviamente si sa che ad un certo punto la storia d'amore deve incontrare degli ostacoli. Ed è qui il grande problema. I plot twist della vicenda sono essenzialmente due. E nessuno dei due mi è piaciuto. Uno tira in ballo una banale e noiosa gara testosteronica tra quaterback avversari che raggiunge i picchi del ridicolo, un Romeo e Giulietta in salsa sportiva che francamente ho trovato abbastanza noioso. L'altro introduce un argomento molto delicato, la diffusione di foto private di terzi. Temi di questo genere nella letteratura per adolescenti sono sempre ben accetti se aiutano a sensibilizzare, ma qui ho trovato che la vicenda sia stata trattata in modo molto superficiale. Un 'mi dispiace' e tutto è perdonato. Veloce, poco approfondito, liquidato in poche pagine. Ho avuto la sensazione che questo elemento sia stato inserito, proprio alla fine oltretutto, giusto per dare spazio ad un tema delicato qualsiasi, come va tanto di moda ora.  

Molto carina l'idea di inserire qualche chat con gli scambi di sms. Non sono mai troppo lunghe, nè troppo frequenti, quindi non danno fastidio nè interrompono troppo spesso la narrazione. Fortunatamente sono anche prive di irritanti abbreviazioni giovanili. Una bella trovata usata bene, che strizza l'occhio a questo amore 2.0 che gli adolescenti di oggi conoscono bene. 

Mi è dispiaciuto davvero non apprezzarlo, ma un po' me lo aspettavo. Non era il libro giusto per me, ma potrebbe esserlo per voi! Se siete amanti delle storie d'amore adolescenziali, se cercate una lettura leggera che vi aiuti a staccare per qualche ora dal resto del mondo, se avete bisogno di un romantico libro estivo da infilare nella borsa da spiaggia, se amate le storie nate via sms o se siete giovani lettrici in cerca di sospiri da batticuore, sarà senza dubbio il libro perfetto per voi! 

 ½ Così così

"Siamo sull'orlo di un precipizio, Talon. O facciamo un salto nel buio e proviamo a raggiungere l'altra parte, o ci allontaniamo a perdiamo quello che abbiamo."
"Non hai sentito dire che pi arrivi in alto, più ti fai male quando cadi?"
"E' un rischio che sono disposta a correre. Non so che altro fare o dire per convincerti che stavolta sono pronta a dare il cento per cento, Talon."

1 commento:

  1. La tua valutazione e il tuo giudizio sono sinceri e quindi da prendere ancora di più in considerazione.
    Io diffido ormai da Wattpad grazie ad Anna Todd quindi questo libro mi ispira poco, tuttavia sto leggendo recensioni contrastanti e ancora non sono convinta del tutto. Mi sa che lo leggerò quando mi verrà l'ispirazione ^_^

    RispondiElimina