giovedì 31 marzo 2016

3 anni di I libri sono un antidoto alla tristezza! *party hard*

3 anni e 844 post fa nasceva I libri sono un antidoto alla tristezza!
E' nato solo come una distrazione in un brutto periodo ed è diventato fonte di grandissima gioia! *w* Sono felicissima di aver iniziato questa avventura che mi ha dato e mi da ogni giorno tante belle soddisfazioni, che mi ha permesso di conoscere tanta gente fantastica, di fare bellissime amicizie, di scoprire tanti autori e tanti libri stupendi! Per festeggiare mi sono fatta un regalino: una bella shopper con il mio nuovo logo! Non è bellissima? *-* Nuovo logo sì, ebbene sì, dopo ben tre anni mi appresto a cambiare per la prima volta la grafica del mio blog! Ma non sarà niente di drastico, giusto qualche ritocchino qui e lì, per rifarci il look e sembrare ancora gggggiovani :P 
 
Ma per questo compleanno ho in serbo qualcosa anche per voi! Perchè ovviamente il blog non ci sarebbe senza voi che mi scrivete, mi date consigli e sclerate con me, quindi occhi aperti *_* Presto arriverà un bel giveaway per festeggiare! *_*

mercoledì 30 marzo 2016

Clock Rewinders #108


Torno con la rubica ideata da On a Book Bender e 25 hours of books: un riepilogo della settimana appena trascorsa con le novità più interessanti!

 I libri sono un antidoto alla tristezza
- Novità della settimana: dal 21 al 27 marzo
- I Love Shopping: bottino romano!

Le mie letture
Dunque, cosa ho letto ultimamente. Ho letto One di Sarah Crossan (in inglese), una storia con molto potenziale, con protagoniste una coppia di gemelle siamesi sedicenni alle prese per la prima volta con la scuola, le amicizie e l'amore. La storia mi è piaciuta, ha i toni leggeri di uno YA, è agrodolce e delicata, ma tirando le somme purtroppo non mi ha convinto abbastanza da guadagnarsi la promozione: è un libro lento lentooo, scritto con uno stile stravagante, una sorta di verso libero, con capitoli brevissimi, spesso lunghi solo poche righe. Non finiva più. Due stelline e mezzo! Sono passata poi a Percy Jackson racconta gli eroi greci di Rick Riordan, che come sempre ho adorato e non ho nulla da dire in merito. E' sempre un piacere! Quattro stelline e mezzo! Dopo Riordan, sono passata ad un'altra delle mie autrici preferite, Marissa Meyer, con Fairest, il prequel delle Cronache Lunari dedicato alla malvagia Levana (che spero arriverà qui d anoi anche lui presto dopo Cress!), e dico solo: aiuto. Quella donna ha dei problemi seri. Ma questo libro merita, come gli altri. Geniale e inquietante. Cinque stelline. Infine chiudo con Invisibile di David Levithan e Andrea Cremer. Vi dirò, mi ha deluso rispetto alla aspettative iniziali che avevo, ma non mi ha fatto neanche così tanto schifo come temevo dopo aver letto la marea di recensioni che l'hanno stroncato. A me non è dispiaciuto. Certo c'è il problema dell'insta love e ha parecchi difetti, ma dai, lo promuovo. Tre stelline e mezzo!

L'angolo delle citazioni
"La gente ci trova grottesche, specialmente da lontano, quando ci vedono come una cosa sola, il modo in cui i nostri corpi sono distintamente due e poi si uniscono, improvvisamente, sui fianchi. Ma se ci scatti una foto, solo della testa e le spalle, e poi la mostri a chiunque incontri, l'unica cosa che la gente noterebbe è che siamo gemelle, i miei capelli fino alle spalle, quelli di Tippi un po' più corti, entrambe con nasi da folletto e sopraciglia perfettamente a punta. E' vero che siamo diverse. Ma brutte?"
One, Sarah Crossan

"Ci tocchiamo, e mi concentro. Ci baciamo, e mi concentro. Siamo noi il tempo. Siamo noi il respiro. Siamo noi l'aria."
Invisibile, Andrea Cremer e David Levithan

"L'amore è una conquista! L'amore è una guerra!"

"Levana finse di piangere. Le era stato assegnato il ruolo di regina reggente fino al tredicesimo compleanno di sua nipote, allora Selene avrebbe preso il suo trono. Dodici anni. Levana sarebbe stata regina per dodici anni. Tentò molto molto duramente di non sorridere fino alla fine del funerale."
Fairest, Marissa Meyer

"Nessuno dovrebbe conoscere fino in fondo il proprio destino. È troppo pericoloso e troppo deprimente. Limitati ad andare avanti, fai del tuo meglio, e spera che il meglio sia abbastanza. È tutto quello che ognuno di noi può fare."
Percy Jackson racconta gli eroi greci, Rick Riordan

La scoperta della settimana
Un piccolo gruppo di sopravvissuti entra in conflitto per decidere quale famiglia andrà al governo del nuovo mondo. Il clan dei Westfall perde lo scontro con quello dei Lattimer. Passano cinquant’anni e la comunità è ancora in pace, ma il prezzo è alto: ogni anno un rito assicura l’equilibrio forzato tra le famiglie e così una delle figlie dei perdenti deve andare in sposa a uno dei figli di quella vincente. Quest’anno, è il mio turno. Il mio nome è Ivy Westfall, e la mia missione è semplice: uccidere il figlio del capo dei Lattimer, Bishop, il mio promesso sposo, e restituire il potere alla mia famiglia. Ma Bishop sembra molto scaltro oppure non è il ragazzo spietato e senza cuore che mi avevano detto. Sembra anche essere l’unica persona in questo mondo che veramente mi capisce, ma non posso sottrarmi al destino, io sono l’unica che può riportare i Westfall al potere. E perché questo accada, Bishop deve morire per mano mia... In arrivo ad aprile per Newton Compton

La canzone della settimana

venerdì 25 marzo 2016

Anteprime primaverili made in italy #5

Ciao a tutti! Come al solito sono rimasta indietrissimo (issimoissimo!) con le segnalazioni e le mail. In questo sono proprio un disastro. Sto cercando di rimettermi in pari >.< Intanto eccovi una bella carrellata di titoli che vi segnalo: un po' di amore, un po' di risate, un po' di fantasy. Non si può certo dire che non ci sia l'imbarazzo della scelta :)

Titolo: Un cuore per un cuore (Once upon a steam #1)
Autore: Ornella Calcagnile
Editore: Dunwich   
Pagine: 70   
Prezzo: 0,99 Euro (ebook)   
Acquistabile su:  Amazon
Contatti: pagina facebook e blog

Trama: A Steamwood, nel piccolo regno di Enchanted Forest, Biancaneve e il suo principe hanno conseguito il tanto meritato lieto fine dando persino alla luce una bambina, riflesso della madre: Biancabrina. Una felicità raggiunta a discapito però della “povera” Grimilde che, sopravvissuta, si è nascosta nella cittadina di Steamgrow e ha ordito una tremenda vendetta a danno della figliastra, lanciando nel momento più opportuno una maledizione sul regno, un sortilegio a cui, per sua sfortuna, Biancabrina è riuscita a sottrarsi. Tra elementi della fiaba classica e quelli innovativi dello steampunk, una nuova improbabile principessa tenterà di riconquistare il regno che le spetta di diritto e apporre la parola fine sulla sua “nonnastra”. Nell’impresa non sarà sola, ma accompagnata dal fidato amico Dopey e i suoi mecha-nani. Biancabrina riuscirà a guadagnarsi il lieto fine e portare a compimento la sua vendetta o sarà ostacolata dalle creature di Steamwood e dal Narratante, sommo signore di quelle terre? Tra ferro e vapore, magie e pozioni, ottone e marchingegni, tutto ha inizio con… Once Upon a Steam.

Titolo: Chupa Chups!
Autore: Daniele Pollero
Editore: Panesi Edizioni    
Pagine: 117    
Prezzo: 1,99 Euro (ebook)    
Acquistabile su:  Amazon 
Contatti: pagina facebook

Trama: A grande richiesta della bocciofila di Molazzana (LU), la raccolta di racconti che ha spopolato nei concorsi letterari, tanto che hanno addirittura deciso di aprire il file prima di cestinarlo. Chupa Chups! si propone di accompagnare il lettore sull’ottovolante della quotidianità giovanile, fra beghe universitarie, relazioni sentimentali, umorismo nero, pornosplatter e social network, con piglio trash e scarso fair play. Insomma, le probabilità che faccia cagare sono alte. Ma perché non verificarlo di persona? Da uno degli autori di Spinoza.it.

Titolo: La boulevard
Autore: Isabel C. Alley
Editore: autopubblicato    
Pagine: 138    
Prezzo: 2,99 Euro (ebook)    
Acquistabile su:  Amazon,IBS e principali store online 
Contatti: sito e pagina facebook

Trama: Arianna è al settimo cielo. La sessione estiva degli esami universitari è terminata e davanti a lei si prospetta un mese fatto di sole, mare ed esperienze uniche vissute con gli amici. Ma la felicità può nascondere un cupo destino. Ed è proprio dietro l’angolo di una strada che la morte stende il suo velo nero sulla vita di Arianna, interrompendo così un radioso futuro. Cosa c’è dopo la morte? È una domanda che ogni essere umano si pone, prima o poi. Ed è questo ciò che scoprirà Arianna. Tra parchi pieni di anime, dipinti e terrazze panoramiche, basta poco per scatenare il caos nella beatitudine del Paradiso. La Boulevard, un luogo dove un paio di occhi color ghiaccio e un sussurro sinistro possono cambiare da un momento all’altro la sorte di un’anima.  Se l’Aldilà fosse una lunga strada, percorribile sulla sella di una bicicletta?  

Titolo: Una sorpresa per te (in ogni tuo respiro)
Autore: Rujada Atzori 
Editore: Butterfly Edizioni    
Pagine: 160    
Prezzo: 0,99 Euro (fino a Pasqua, poi 2,99 euro) (ebook)    
Acquistabile su:  Amazon  
Contatti: pagina facebook

Trama:  Alessandro ha una vita sicura e ordinaria: un lavoro, una casa, degli amici fidati e una fidanzata con cui sta dai tempi della scuola.Tutto potrebbe andare a meraviglia, se non fosse che le ha chiesto di sposarlo da ubriaco e una volta sobrio non è poi così sicuro del suo amore e della loro relazione... Giorgia ha 26 anni e una malattia incurabile: è sfigata cronica! Ha un lavoro che non le concede un attimo di respiro, una gatta che attenta alla sua vita tutte le volte che può, un'amica che per mantenersi fa video erotici ed è single perché ha fatto una promessa. In paranoia per i suoi difetti fisici, perché non riesce a fare a meno della nutella, cerca di vivere come un maschio: andando di letto in letto con chi le piace, peccato che il destino non le permetta mai di consumare.. Tra battibecchi, equivoci e problemi di omonimia, complice un uovo gigante di cioccolato, i due si ritroveranno spesso sulla stessa strada.

giovedì 24 marzo 2016

I Love Shopping #18: Bottino romano!

E a proposito di I Love Shopping, come promesso, vi mostro il mio meraviglioso bottino romano, figlio del mercatino dell'usato delle meraviglie *tanto amore* e di Libraccio *amore amore*. Partecipano anche i miei due yoshini, ricevuti per il compleanno tra i regali del mio ragazzo. Non sono carini? *_* Anche se contiuavano a nascondersi dietro ai libri per sbaciucchiarsi, monelli u.u Ne approfitto per anticiparvi che la settimana prossima sarà il compleanno del blog e organizzerò un giveaway carino per festeggiare :) *YEEEEE*

Iniziamo con i piccolini dal mercatino dell'usato. 13 euro per sei libri. Assurdo no? Artemis Fowl e L'inganno di Opal (rispettivamente primo e quarto libro della serie di Eoin Colfer) sono fuori catalogo e li cercavo da una vita e qui li ho portati a casa per soli 99 cent l'uno. Li amo, sono perfetti e sbrilluccicanti. Quando nascono i desideri di Lucy Dillon l'ho scelto abbastanza istintivamente, per il cane in copertina (lol) ma un libro del 2014 dal prezzo di copertina di 17,60 in perfette condizioni a 2,90 euro non potevo abbandonarlo! Con quel cagnolino dolce in copertina poi! Su La trilogia della nebbia di Zafòn (che racchiude Il principe della nebbia, Il palazzo della mezzanotte e Le luci di settembre) avevo messo gli occhi da un po' di tempo, e qui l'ho trovato a poco più di 4 euro. Grazie dei ricordi di Cecelia Ahern è uno dei pochi che mi mancavano di quest'autrice, quindi me lo sono prontamente accaparrato a meno di 3 euro. Infine con meno di 2 euro ho portato a casa con me un'adorabile edizione di La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl, che oltrettutto si abbina perfettamente lal mia copia di Matilda. Li abbraccio tutti con amore *w* Vi ho salvati piccolini *w* Grazie Serena per avermici portato *w*
 
Questi invece li ho presi a IBS+Libraccio per festeggiare le due autrici che ho incontrato in questo viaggio lol A che gioco giochiamo? di Madeleine Wickham (aka Sophie Kinsella) è una super edizione economica e per di più scontata, quindi ne ho approfittato perchè questo libro (il primissimo scritto da lei!) mi mancava (anche se non è proprio tra i miei favoriti). Nessuno sa di noi di Simona Sparaco invece l'ho preso usato e ora è autografato *w* L'ho letto tempo fa e mi era piaciuto davvero tanto, mi aveva fatto molto piangere ç_ç Aggiungete tre libri che avevo già, e immaginatemi barcollare sotto il loro peso tra le vie di Roma! xD Ma ne è valsa decisamente la pena! *_*

Viaggio a Roma: libri, mercatini, Sophie Kinsella, libri, ancora libri e un incontro a sorpresa

Ciao a tutti! Come vi ho già anticipato sono stata a Roma questo weekend, principalmente per l'incontro con Sophie Kinsella, ospite a 'Libri Come', ma è stato un vero e proprio tour romano tra i libri. Sono partita domenica mattina con Italo, con cui ormai ho una grande amicizia (per andata e ritorno da Bologna a Roma ho pagato solo 20 euro!) e sono arrivata intorno all'ora di pranzo a Termini. Qui è venuta a prendermi Serena (dite ciao a Serena e alla sua pagina Attraverso i libri e quel che Serena vi trovò) che molto magnanimamente mi ha ospitato nella sua dimora e mi ha fatto da guida in questa avventura. Dopo aver pranzato, abbiamo fatto una passeggiata nella zona intorno alla stazione, destinazione Libraccio. Purtroppo abbiamo tristemente appreso che la domenica non fanno orario continuato. Sigh. Ci siamo quindi dirette verso l'auditorium in cui si sarebbe svolto l'incontro con la Kinsella, e ho sperimentato per la prima volta la guida in centro a Roma. Ecco, io abito in campagna, in un posto molto tranquillo, dove il traffico quasi non esiste, dove tutto è molto ordinato e gli automobilisti tutto sommato si comportano bene. Inoltre non sono un'autista molto audace, vado piano e ho grosse difficoltà a parcheggiare. Immaginate quindi che esperienza sia stata per me. Se guidassi a Roma mi mangerebbero viva in un attimo e io scapperei via piangendo lol Ma Serena è abituata e mi ha condotto alla meta sana e salva ('E oggi è domenica, non c'è traffico' diceva lei lol). 

Arrivate all'auditorium abbiamo gironzolato un po' in attesa che iniziasse la conferenza e alle 16 ci siamo messe in fila per accedere. I biglietti li avevo comprati online, quindi ci siamo risparmiate lunghe code al botteghino, e in più i posti erano davvero ottimi: sesta fila un po' laterale, con una visuale perfetta. Purtroppo c'era il divieto di far foto (e in ogni caso, il mio cellulare non sarebbe stato all'altezza) quindi le foto che trovate nei post le ho rubacchiate dai social dell'auditorium e degli addetti ai lavori. (passando il mouse sulle foto vedete i crediti). Tornando a noi, la sala era pienissima, c'era la possibilità di avere le cuffie per la traduzione simultanea ma io ho fatto la figa e ho provato a capire da sola e più o meno ce l'ho fatta. Per fortuna lei è inglese e non americana, se no addio lol La conferenza è iniziata in orario ed è durata circa 45 minuti. Sophie Kinsella è arrivata super sorridente e solare. Non dimostra per niente i suoi 47 anni (e cinque figli!). Beata lei! Era accompagnata da Annalena Benini e Fabio Canino. Lei, giornalista, ha fatto alla Kinsella le domande più serie e articolate, mentre lui, attore e conduttore radiofonico, era un po' la spalla comica, e ha strappato alla platea e all'autrice molte risate. Gli argomenti trattati sono stati molti. Ovviamente si è parlato del nuovo libro 'I love shopping a Las Vegas' e in generale della serie. Sophie Kinsella ha creato un vero proprio genere, che in tanti hanno cercato di imitare, ma la sua voce è unica, divertente e autoironica. La sua scelta di usare uno pseudonimo (il suo vero nome è Madeleine Wickham, per chi non lo sapesse, e con questo ha pubblicato i suoi primi libri, editi anche in Italia) è stata dettata soprattutto dalla voglia di libertà: voleva sentirsi libera di esprimersi come voleva, divertendosi senza pensare cosa avrebbe detto di lei chi la conosceva. Nei suoi libri cerca sempre di mettere positività, anche quando le cose vanno male, e nella realtà succedono cose terribili, in fondo noi siamo qui, ci siamo ancora, e dobbiamo godercela fin nelle piccole cose. Ha parlato anche dell'impatto che ha la critica letteraria nel suo lavoro. Si è dimostrata molto tranquilla sull'argomento, con il tempo ha capito che ognuno ha i suoi gusti e che è impossibile piacere a tutti. Ciò che è importante è mantenere la propria prospettiva, senza lasciare che le critiche influenzino il tuo lavoro. Bisogna sempre mantenere la propria voce, maturarla attraverso l'esperienza, certo, ma non cambiarla per compiacere gli altri. Lei dice che scrive per intrattenere, scrive quello che le piacerebbe leggere. Ci ha raccontato anche qual'è la sua prova del nove per capire se un libro funziona. Una volta finito, lascia il manoscritto a suo marito, il suo primo lettore, poi fa finta di andarsene e invece si nasconde dietro la porta ad osservarlo. Se lui ride, è fatta. A proposito del marito, gli è molto grata per l'aiuto che le da con la casa e i figli, soprattutto in quei periodi un po' di crisi in cui lei è completamente assorbita dal lavoro e non si stacca dalle sue pagine per giorni. Si è discusso del tema del bullismo, attraverso il libro 'Dov'è finita Audrey?' e l'autrice ha detto di aver voluto trattare questo argomento perchè ha dei figli adolescenti e si preoccupa di ciò che vede capitare ai ragazzi e di quanto sia facile entrare nella testa di qualcuno di debole soprattutto attraverso i social. E spera che chi è intorno ai ragazzi li protegga da tutto questo, invita tutti a parlare con loro, sempre, per cercare di capire se qualcosa non va e aiutarli, per evitare non solo che siano vittime, ma soprattutto che diventino bulli. Parlando del suo lavoro, ha rivelato che ha appena finito un nuovo romanzo autoconlcusivo, ma ancora non sa esattamente quando sarà pubblicato. A proposito di scrittura, consiglia a chi scrive di appuntarsi sempre qualsiasi idea, sempre, ovunque siate, qualsiasi cosa stiate facendo. Tra quelle potrebbe saltare fuori l'idea giusta! Ha raccontato anche che ama ascoltare le storie degli altri, storie piccole, normali, che possono essere magari banali, ma in fondo sono speciali, perchè ognuno di noi ha una storia interessante da raccontare, e che la sua ispirazione viene proprio da questo, dalle piccole cose della vita. Si è scherzato con alcune domande molto divertenti (per esempio, le è stato chiesto se la Regina ha letto I love shopping e se le è piaciuto lol) e Sophie ha dato prova della sua ironia anche dal vivo. E' stata una presentazione molto carina *w*
Quando il tempo è scaduto ci siamo trasferite nella libreria dell'auditorium, dove si sarebbe tenuto il firmacopie. Per fortuna non avevamo preso le cuffie per la traduzione simultanea, così non abbiamo perso tempo a riconsegnarle e ci siamo messe subito in fila, cavandocela in fretta, prima che la fila raggiungesse uno stato critico xD Avevo portato con me tre libri da far autografare: Ti ricordi di me?(il mio preferito in assoluto), La regina della casa e La ragazza fantasma. L'attesa è stata breve, lei molto molto carina e io me ne sono andata super felice *w*

Ma le mie avventure romane non sono finite qui. Dopo l'incontro abbiamo ritentato di andare da Libraccio, ma non siamo riuscite a trovare parcheggio (stava per finire in un bagno di sangue quando ci hanno fregato l'unico buco che avevamo trovato, ma Serena si è trattenuta lol), così abbiamo ripiegato su un bel gelato in una di quelle belle gelaterie fai da te in cui puoi riempirti la coppetta fino a che non scoppia xD Che bella cosa, ne voglio anche io una qui da me! Poi, tutti a casa, una bella pizza, e abbiamo passato il resto della serata prima di partire per il mondo dei sogni ad ammirare la libreria di Serena, che è qualcosa di immenso e meraviglioso *tanta invidia*. La mattina dopo Serena mi ha portato in un mercatino di libri usati che è l'ottava meraviglia del mondo, dove ho comprato sei libri per soli 13 euro (poi ve li mostrerò). Un veloce giretto al centro commerciale e Serena mi ha lasciato a me stessa, diretta ai suoi impegni (tvb). Sono riuscita a prendere la metro, arrivare a Termini, e da qui ho raggiunto finalmente Libraccio (senza perdermi!) dove avevo in programma di restare fino a che non si fosse avvicinata l'ora del treno. Che libreria bellissima! Anche qui ho comprato due libri, ma la vera sorpresa è stata un'altra, perchè ho scoperto che da lì a poco ci sarebbe stato un incontro con Simona Sparaco, lì per presentare il suo nuovo libro  'Equazione di un amore'. Attimo di panico. Mi piace moltissimo quest'autrice, ho letto quasi tutti i suoi libri, ed è stato un vero colpo di fortuna. Che faccio? Resto? Perdo il treno? Vado via? Alla fine ho concluso chiedendole un autografo veloce all'inizio della presentazione (lei carinissima) e poi sono rimasta finchè ho potuto. A presentare Simona c'era un'altra autrice italiana, di cui purtroppo ancora non ho letto nulla, Chiara Gamberale, che devo dire mi ha fatto una buonissima impressione. Devo proprio recuperare i suoi libri e soprattutto quello nuovo della Sparaco, che mi ha molto incuriosito. Alla fine sono andata in stazione, dove ho avuto un breve incontro con un'amica e poi me ne sono tornata a casa felice e contenta *w*