mercoledì 19 febbraio 2014

RECENSIONE: Ancora un respiro - Kimberly Derting

Titolo: Ancora un respiro (The Body Finder #2) 
Titolo originale: Desires of the death
Autore: Kimberly Derting
Editore: Mondadori
Pagine: 324
 
 
Prezzo: 17 Euro
Anno: 2012


Trama: Violet continua a sentirsi chiamare dalle creature che si sono viste strappare la vita. Se va bene, sono animali braccati nel bosco. Ma a volte è un bambino. E lei fa sempre più fatica a gestire questo “dono” mantenendo una normale facciata da liceale. Ora le basta avvicinarsi a un container, nel porto di Seattle, per avvertire le note di un’arpa che non c’è, e tra le foglie sente picchiettare delicate gocce sovrannaturali. Poi iniziano ad arrivarle dei biglietti sinistri. E macabri regali. Ma chi può sapere di lei? E perché due insoliti agenti dell’FBI la tempestano di telefonate? Quando in passato ha coinvolto l’amato Jay nelle sue ricerche segrete, lui si è ritrovato un proiettile a un soffio dal cuore. Adesso Violet è costretta a nascondergli il vortice di percezioni extrasensoriali che la trascina a sé, sempre più ossessivo. E gli nasconde anche il fatto che, mentre lei viene aggredita dai potenti echi della morte in una baita isolata, qualcuno ha tutto l’interesse a far tacere per sempre la sua voce.

Recensione
Dopo aver rischiato la vita ed esserne uscita viva per un soffio, Violet è ben decisa a stare fuori dai guai. Ma il suo non è un dono che si può ignorare. Quando un eco la chiama non può semplicemente girare i tacchi e andarsene. L'eco l'attira come una calamita e lei non ha pace fino a che quel corpo non viene finalmente sepolto. E' proprio quello che succede il giorno in cui avverte un eco da un container del porto chiuso a chiave. Impossibilitata nel ritrovare il corpo, fa l'unica cosa possibile: avverte le autorità da un telefono pubblico. Pensava di essere stata attenta, di essere in totale anonimato, ma qualcuno ha scoperto che è stata lei a ritrovare il corpo, due agenti dell'FBI che hanno tirato le somme e hanno intuito ciò che lei sa fare davvero. E questo non è l'unico problema di Violet: qualcuno ha iniziato a lasciarle macabri regali e messaggi inquietanti, qualcuno che sembra volerla morta. Di una sola cosa è certa: questa volta non permetterà a Jay di rischiare la vita per lei.

Quando amiamo moltissimo il primo capitolo di una serie c'è sempre il rischio che il secondo sia una grande delusione. Quante volte è successo? (Night School *coffcoff* The Elite *coffcoff*). Ma sono davvero felice di dirvi che non è proprio il caso di questa serie, che prosegue meravigliosamente. Thriller e paranormal si intrecciano con un pizzico di romanticismo dando vita ad un ottimo secondo capitolo. Alla fine del primo libro Violet, la protagonista, ha rischiato grosso e non sopporta di aver messo in pericolo il suo fidanzato Jay in modo tanto sconsiderato: per proteggerla lui è stato colpito da una pallottola che non l'ha ucciso per un soffio. Per questo lei ha deciso di tagliarlo fuori dal lato paranormale della sua vita. Stavolta quindi si ritrova ad affrontare tutto da sola, ben decisa a tenerlo al sicuro. Sente la mancanza di una spalla, di qualcuno con cui confidarsi, di qualcuno che la faccia sentire al sicuro, ma nulla le fa cambiare idea, neanche quando la situazione si fa più pericolosa. Se l'altra volta l'antagonista era un assassino crudele, stavolta Violet è messa all'angolo da più di una minaccia. Una di queste è rappresentata da Sara e Rafe, che si presentano come agenti dell'FBI e le fanno chiaramente capire che hanno intuito che in lei c'è qualcosa di speciale. All'inizio sono dipinti come una minaccia, in quanto Violet ha sempre lottato per tenere il suo dono segreto, ma poi la situazione viene sviluppata magnificamente e viene introdotta una delle novità più entusiasmanti della serie. Mi consentite un piccolo spoiler? Sara è al comando di una piccola squadra speciale che aiuta le autorità nei casi più complessi, una squadra di ragazzi con poteri paranormali, proprio come Violet. Ho adorato questa idea! In questo secondo capitolo l'argomento non viene particolarmente sviscerato perchè Violet non si fida molto di loro e si tiene un po' alla larga, ma vi anticipo che nel terzo, che sto leggendo proprio ora, questa squadra assume un ruolo centrale. La vera minaccia però sembra essere rappresentata da una misteriosa ragazza che spia Violet nell'ombra lasciandole biglietti minacciosi e regali inquietanti. Come nel capitolo precedente la narrazione è inframezzata da capitoli che seguono il suo punto di vista. Grazie a questi capitoli riusciamo ad entrare profondamente in contatto con questa ragazza e capiamo subito che per quanto sembri pericolosa dietro ai suoi gesti c'è tanto dolore e disperazione. E' abbastanza semplice risalire alla sua identità e questo mi ha subito messo in allerta. Mi aspettavo un colpo di scena degno di nome e infatti c'è stato. L'attenzione è volutamente puntata sulla misteriosa ragazza, per distrarci e sorprenderci. Una delle novità di questo nuovo capitolo è rappresentata da due nuovi personaggi, Mike e Megan, fratello e sorella appena trasferitisi in città. Mike è molto carino e diventa subito popolare grazie al suo fascino e alla sua simpatia, mentre Megan è estremamente timida e introversa. Jay stringe subito una solida amicizia con Mike, tanto da rendere Violet perfino un po' gelosa, ma non è l'unico ad avvicinarsi al nuovo arrivato: Chelsea si prende una gigantesca cotta per lui, dando il via ad un'estenuante corteggiamento a cui il bel Mike sembra proprio non voler capitolare. Questo nuovo personaggio vivacizza un po' le dinamiche del gruppo dando vita a molte scene simpatiche e ad altre davvero dolci. Un finale al cardiopalma chiude il libro, confermando il successo della serie. Dopo un ottimo inizio la storia prosegue benissimo, senza perdere smalto, mantenendo inalterati i pregi che tanto mi avevano fatto amare il suo predecessore! L'unico difetto? L'anno scorso la serie ha visto la pubblicazione del suo quarto e ultimo capitolo, ma in italia siamo fermi al secondo. Speriamo che le cose cambino!                       Valutazione: Bellissimo!    
L’aveva seguita. Nel bel mezzo della notte. E malgrado la nebbia che distorceva le sue percezioni, si rendeva conto che doveva essere al corrente del perché lei era lì. Chissà come, sapeva che aveva trovato il cadavere. Non appena le cadde l’occhio sulla mano dell’uomo, sul suo contenuto, i pensieri caotici si schiarirono. Lo guardò stringere convulsamente tra le dita il calcio del fucile e poi portare lo sguardo su di lei. ''Mi dispiace tanto che tu l’abbia trovata'' disse triste. ''Non volevo che morisse nessun altro'' 

5 commenti:

  1. mi ha molto incuriosito questa recensione, non ne avevo mai sentito parlare. mi dici il titolo del primo? Mi piacerebbe... Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo libro si chiama La collezionista di voci :) Sul blog trovi anche la recensione, l'ho postata poco tempo fa!

      Elimina
    2. Scusa, me l'ero perso, provvedo subito. Grazie

      Elimina
  2. voglio leggere il primo libro in effetti *w* non sapevo ci fosse un seguito! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio un sacco come serie, non fa che migliorare :)

      Elimina