venerdì 31 gennaio 2014

RECENSIONE: Going Vintage - Lindsey Leavitt

Titolo: Going Vintage
Autore: Lindsey Leavitt
Editore:
Bloomsbury
Pagine: 320
Prezzo:
$8.99  

Anno: 2013

Trama: Quando il suo fidanzato, Jeremy, la tradisce con una ragazza virtuale Mallory decide che il modo migliore di 'de-Jeremizzare' la sua vita è quella di 'demodernizzare' le cose. Ispirata da una lista di obbiettivi stilata da sua nonna nel 1962 Mallory rinuncia alla tecnologia per tornare ad un epoca più semplice (quando i fidanzati non potevano tradirti con un avatar). Ma le cose semplici possono essere terribilmente complicate e i dettagli del passato finiscono per cambiare il presente di Mallory. Aggiungi una nonna super indaffarata, una sorella impertinente ed il carinissimo presidente del Pep Club, che guarda caso è il cugino del suo ex, e presto Mallory inizierà a domandarsi se tornando al vintage non si sia spinta troppo oltre.

Recensione 
Mallory sa bene che il suo fidanzato Jeremy ha una vera e propria doppia vita online: passa ore e ore concentrato su di un gioco di ruolo. Niente di strano, un passatempo innocente. Non sa però che il gioco comprende anche una moglie virtuale: un avatar dietro cui si nasconde una ragazza vera, una ragazza a cui lui parla dei suoi problemi, della scuola, dei drammi in famiglia, una ragazza a cui dice frasi sdolcinate, con cui condivide canzoni e ricordi, una ragazza con cui sembra condividere molte più cose che con lei. Lo scopre nei peggiori dei modi, così fa l'unica cosa che le viene in mente di fare nell'era di internet e dei social network: entra nel profilo di Jeremy e gli da quel che si merita. La loro rottura rimbalza in rete, tutti ne parlano, fanno ipotesi, si schierano da una parte o dall'altra. Mallory decide che è ora di darci un taglio e capisce come dopo aver trovato una lista di obbiettivi scritti da sua nonna alla sua età. Se fossero vissuti negli anni sessanta Jeremy non l'avrebbe tradita online, sui social network non ci sarebbero discussioni sulla loro rottura, ciò che accade nella sua vita sarebbe solo affar suo. In fondo alla sua età sua nonna non si preoccupava di altro che di cucirsi il vestito per il ballo o organizzare una soirée. Il tuffo nel passato di Mallory è totale: niente cellulare, niente computer, sul suo comodino sparisce il cordless e appare un vecchio telefono a rotella, i vestiti moderni vengono riposti e sostituiti da abiti vintage trovati nei mercatini. La sua missione è portare a termine la lista scritta dalla nonna oltre cinquant'anni prima. Basterà a rimettere in ordine la sua vita?

Di questo libro mi hanno colpito moltissimo la copertina stupenda e la trama originale. L'idea di base è davvero adorabile e originale ed è una delle cose migliori di questo libro. Mallory decide di portare a termine una lista stilata dalla nonna oltre cinquanta anni prima e di prendere ad esempio lo stile di vita di quegli anni perchè desidera semplificare la sua vita. In effetti, a prima vista, la vita nei Sixties sembra molto più semplice di quella che tutti noi portiamo avanti ora. Non è un passato così remoto da soffrire dell'assenza di alcune comodità essenziali, come l'elettricità e l'acqua corrente, per non parlare di una serie di elettrodomestici che vanno al ferro da stiro, al forno, ma è abbastanza remoto per tutto ciò che riguarda le diavolerie ultramoderne di cui ormai non riusciamo a fare senza. Volente o nolente, perfino il meno tecnologico dei giovani moderni non riuscirebbe a stare un giorno senza cellulare e computer, ormai essenziali anche per lo studio o per il lavoro. Ma questa è anche un'era in cui la gente non parla più, in cui tutti comunicano tramite sms ed email, piuttosto che facendo quattro chiacchiere, in cui tutto sanno tutto di tutto, in cui la privacy quasi non esiste più. Ed è proprio questo che vuole Mallory: vuole quella privacy che ormai è impossibile avere, perchè anche se non sei tu stesso a raccontare i fatti tuoi agli altri, sono gli altri a farlo, con o senza di te. Cellulare e computer quindi finiscono chiusi a chiave in un cassetto, con tutti i pro e i contro. Scommetto che ora siete curiosi di sapere cosa c'è sulla famosa lista della nonna. In realtà sono obbiettivi piuttosto semplici a vedersi, soprattutto per una ragazza moderna: candidarsi per il ruolo di segretario del pep club, organizzare una soirée per cena, cucire un vestito per il ballo, fare coppia fissa con un ragazzo, fare qualcosa di pericoloso. Ma dopo una prima occhiata superficiale, escono i problemi. Mallory, come molte ragazze d'oggi, non sa neppure tenere in mano un ago, nella sua scuola non esiste un pep club a cui possa unirsi, ovviamente non ha più un ragazzo con cui fare coppia fissa, non sa cucinare. Ad accompagnarla nella sua missione c'è Ginnie, la sua sorellina minore, un peperino pieno di buona volontà, l'unica ad essere a conoscenza della lista. Ginnie è anche l'unica vera amica di Mallory. Nel corso della storia ci vengono presentate altre amiche, ma è chiaro che il loro rapporto è molto superficiale. L'unica che davvero conta per Mallory è Ginnie. Lei è l'unica che c'è sempre, con o senza tecnologia lei è sempre pronta ad ascoltarla e ad aiutarla. Le due sorelle insieme sono una grande accoppiata. Hanno un rapporto meraviglioso, si dicono tutto, si aiutano, e quando litigano alla fine trovano sempre un modo per fare la pace. In qualche modo si bilanciano, perchè Ginnie è spigliata, sempre con la risposta pronta, mentre Mallory è un po' più impacciata, Ginnie è tenace, forte e porta sempre alla fine ciò che inizia, mentre Mallory spesso ha bisogno di una spintarella. Nonostante sia la sorella maggiore Mallory tende un po' a sparire nell'ombra della sorellina minore: Ginnie è una campionessa di calcio, ha moltissimi impegni sportivi, è sempre in moto, è bravissima a cucinare. Mollory invece è quel tipo di ragazza che tende a mettere il fidanzato al centro del mondo annullando tutto il resto, non pratica sport, non fa parte di nessun club e non ha particolari hobby. Una delle cose che più mi sono piaciute è stata la scelta di dare al papà delle ragazze un lavoro poco ordinario: basta avvocati o impiegati, lui si occupa di svuotare garage, cantine o box abbandonati alla ricerca di qualcosa di valore. Sembrava di essere in una puntata di Affare fatto, su DMAX! Originale e diverte. La nonna è un personaggio molto particolare, anche se non come speravo. Ha perso da poco il marito, il compagno di una vita, e si è trasferita in una comunità per anziani dove occupa il suo tempo in mille attività. E' una donna ancora piena di vita, ma spesso sfuggente, chiusa nei confronti della sua famiglia. Ultimi, ma non ultimi, i due personaggi maschili, Jeremy e Oliver. Jeremy è il fidanzato cyber-fedifrago e ovviamente è un personaggio dipinto molto negativamente: non che sia cattivo, fondamentalmente è solo stupido e come tale agisce. L'avrei preso molto volentieri a sberle in più di un 'occasione. Oliver invece è un tipo diverso di ragazzo. All'inizio sembrava davvero insopportabile, ma poi le cose cambiano. Mallory e Oliver si avvicinano molto, lui l'aiuta molto con il pep club, senza sapere della lista, e ovviamente i due iniziano a provare qualcosa di più di un'amicizia. Oliver in realtà ha un solo difetto: è il cugino di Jeremy. Per il resto è davvero adorabile e molto dolce e l'ho davvero adorato come personaggio. Una cosa che ha fatto esaltare la fangirl che è in me è il fatto che Mallory viva a San Luis Obispo, un paesino della california che, aperta parentesi, è anche la città natale di Zac Efron, chiusa parentesi. Inoltre abitando vicino a Disneyland, la famiglia fa una gita lì almeno una volta al mese e c'è una bella scena che ha come sfondo proprio il mio paradiso dei sogni. A quel punto ero verde d'invidia. Ora, da come ne ho parlato finora probabilmente penserete che questo libro mi sia piaciuto alla follia, ma le cose non stanno esattamente così. Certo, è stata una lettura piacevole, divertente e anche originale, ma ha qualche inevitabile difetto. Il problema principale è che la parte centrale della storia è assolutamente soporifera. Scorrevo le pagine e non vedevo l'ora di finire. Era tutto un parlare e riflettere, senza un minimo d'azione. Poi fortunatamente la storia ha ripreso un buon ritmo e sono tornata a godermelo, soprattutto grazie ad un paio di colpi di scena notevoli. Ho trovato anche che mancasse quel tocco di brio in più che fa la differenza in commedie romantiche come questa. Inoltre, non per fare la bacchettona, ma non mi è piaciuto il fatto che Oliver fosse il cugino di Jeremy. Io non ci proverei mai col fratello/cugino/amico di un mio ex, è una questione di principio. Credo che la scelta sia stata fatta apposta per rendere una relazione tra loro in qualche modo proibita, per complicare un po' le cose, ma in realtà non funziona molto bene. Nonostante questo comunque la storia è molto carina, originale e simpatica, una lettura leggera che fa riflettere sul ruolo delle nuove tecnologie nelle nostre vite e su come possano essere usate sia nel bene che nel male.                                                                                           Valutazione: ½ Non male!

''Essere un'adolescente è difficile oggi, nonna''
''Tesoro. Essere un'adolescente è sempre difficile''

martedì 28 gennaio 2014

Novità della settimana (27 gennaio/2 febbraio)

So che molti di voi avranno già male al portafoglio lol Ecco i nuovi arrivi della settimana! Una settimana davvero ricca che era attesa da molti (me compresa ovviamente!).  Personalmente il libro che attendevo di più tra questi è l'ultimo delle Kane Chronicles, del mio adorato Rick Riordan, ma mi ispira molto anche la duologia Just One Day, anzi approfittiamone per dire alla Mondadori che questa sua bella iniziativa di pubblicare un'intera duologia in un colpo solo è davvero ottima, nonostante le copertine. Spero ripeteranno l'impresa presto! Qual'è il libro su cui non vedete l'ora di mettere le mani? :)

Titolo: The Elite (The Selection #2)
Autore:
Kiera Cass
Editore:
Sperling & Kupfer
Prezzo:
17,90 Euro            
Data d'uscita:
28 gennaio 2014


Trama: Trentacinque ragazze. Così era cominciata la Selezione. Un reality show che, per molte, rappresentava l'unica possibilità di trovare finalmente la via di uscita da un'esistenza di miseria. L'occasione di una vita. L'opportunità di sposare il principe Maxon e conquistare la corona. Ma ora, dopo le prime, durissime prove, a Palazzo sono rimaste soltanto sei aspiranti: l'Elite. America Singer è la favorita, eppure non è felice. Il suo cuore, infatti, è diviso tra l'amore per il regale e bellissimo Maxon e quello per il suo amico di sempre, Aspen, semplice guardia a Palazzo. E più America si avvicina al traguardo più è confusa. Maxon le sa regalare momenti di pura magia e romanticismo che la lasciano senza fiato. Con lui, America potrebbe vivere la favola che ha sempre desiderato. Ma è davvero ciò che vuole? Perché allora ogni volta che rivede Aspen si sente trascinare dalla nostalgia per la vita che avevano sognato insieme? America ha un disperato bisogno di tempo per riflettere. Mentre lei è tormentata dai dubbi, il resto dell'Elite però sa esattamente ciò che vuole e America rischia così di vedersi scivolare via dalle dita la possibilità di scegliere... Perché nel frattempo la Selezione continua, più feroce e spietata che mai. 

Titolo: L'ombra del serpente (The Kane Chronicles #3)
Autore:
Rick Riordan
Editore:
Mondadori
Prezzo: 17 Euro            
Data d'uscita:
28 gennaio 2014
 

Trama: Apophis, il serpente del Caos, minaccia di sprofondare il mondo intero nella tenebra eterna. Carter e Sadie Kane si trovano ad affrontare un compito impossibile: distruggerlo una volta per tutte. Da soli, perché i maghi della Casa della Vita sono impegnati in una terribile guerra intestina e nessuno degli dei può aiutarli a combattere contro le forze del Caos. L'unica speranza è un antico incantesimo che potrebbe trasformare la stessa ombra del serpente in una potente arma contro di lui, ma la formula è andata persa da oltre un millennio. Per riuscire a recuperarla, i fratelli Kane saranno costretti a fidarsi del fantasma assassino di un potentissimo mago, che potrebbe condurli fino all'ombra del serpente, oppure alla morte, nelle profondità degli Inferi..

Titolo: Doctor Sleep (The Shining #2)
Autore:
Stephen King
Editore:
Sperling & Kupfer
Prezzo: 19,90 Euro            
Data d'uscita:
28 gennaio 2014
 
 

Trama: Perseguitato dalle visioni provocate dallo shining, la luccicanza, il dono maledetto con il quale è nato, e dai fantasmi dei vecchi ospiti dell'Overlook Hotel dove ha trascorso un terribile inverno da bambino, Dan ha continuato a vagabondare per decenni. Una disperata vita on the road per liberarsi da un'eredità paterna fatta di alcolismo, violenza e depressione. Oggi, finalmente, è riuscito a mettere radici in una piccola città del New Hampshire, dove ha trovato un gruppo di amici in grado di aiutarlo e un lavoro nell'ospizio in cui quel che resta della sua luccicanza regala agli anziani pazienti l'indispensabile conforto finale. Aiutato da un gatto capace di prevedere il futuro, Torrance diventa Doctor Sleep, il Dottor Sonno. Poi Dan incontra l'evanescente Abra Stone, il cui incredibile dono, la luccicanza più abbagliante di tutti i tempi, riporta in vita i demoni di Dan e lo spinge a ingaggiare una poderosa battaglia per salvare l'esistenza e l'anima della ragazzina. Sulle superstrade d'America, infatti, i membri del Vero Nodo viaggiano in cerca di cibo. Hanno un aspetto inoffensivo: non più giovani, indossano abiti dimessi e sono perennemente in viaggio sui loro camper scassati. Ma come intuisce Dan Torrance, e come imparerà presto a sue spese la piccola Abra, si tratta in realtà di esseri quasi immortali che si nutrono proprio del calore dello shining.  

Titolo: Per un giorno d'amore (Just one day #1)
Autore:
Gayle Forman
Editore:
Mondadori
Prezzo: 14,90 Euro            
Data d'uscita:
28 gennaio 2014
 
 

Trama: Sono finite le superiori e Allyson e la sua migliore amica Melanie ricevono in regalo il tanto sognato tour in Europa. A Stratford-upon-Avon il paese dove nacque Shakespeare, conoscono Willem, affascinante ragazzo olandese, che recita in una rappresentazione underground della Dodicesima notte. Allyson se innamora all'istante con la struggente intensità della giovinezza. La mattina seguente lo incontra di nuovo e parlando con lui come se lo conoscesse da sempre, Allyson gli confessa la sua delusione per non aver visto Parigi. Il giovane attore si offre di accompagnarla... per un giorno. Un giorno soltanto, ma sarà il giorno che cambierà per sempre la vita di Allyson, che dopo una notte d'amore si risveglia sola senza sapere che fine abbia fatto Willem..

Titolo: Per un anno d'amore (Just one day #2)
Autore:
Gayle Forman
Editore:
Mondadori
Prezzo: 14,90 Euro            
Data d'uscita:
28 gennaio 2014
 
 

Trama: L'affascinante Willem dopo l'incontro fatale con Allyson non aveva intenzione di abbandonarla ma non poteva certo prevedere di imbattersi in una banda di skinhead che gli provocano una commozione cerebrale. È già passato un giorno da quando ha lasciato la dolce Allyson. Willem è sparito all'improvviso dalla sua amata. E per Allyson, che si è ritrovata sola, sta sparendo ogni speranza di ritrovarlo. Lei non sa nulla di lui. Lui non ha nulla che possa ricondurlo a lei. La passione per il teatro porterà il giovane attore in giro per il mondo. Con l'indelebile ricordo nel cuore di un amore durato solo una notte... Ma il destino di due autentici innamorati non può essere così crudele... 
 
Titolo: Onyx (Lux #2)
Autore:
Jennifer L. Armentrout
Editore:
Giunti
Prezzo: 12 Euro            
Data d'uscita:
29 gennaio 2014
 

Trama: Avere un legame con Daemon Black è proprio un bel guaio... Daemon è determinato a dimostrare che ciò che prova per me è qualcosa di più della nostra bizzarra connessione aliena. Lo so, dovrei proprio rinunciare a lui, però negli ultimi giorni è così... passionale! Ma abbiamo problemi più gravi. Molto più gravi. In città si aggira qualcosa di minaccioso: il Dipartimento della Difesa è qui. Se dovesse scoprire i poteri di Daemon e la nostra relazione, non avrei scampo. E nemmeno lui. In più a scuola c'è un ragazzo nuovo che nasconde un segreto. Lui sa cosa mi è successo e può aiutarmi, ma dovrei mentire a Daemon e stare lontano da lui. Come se fosse possibile. Contro ogni buon senso, mi sto innamorando di Daemon. Perdutamente. Poi, all'improvviso, cambia tutto. Ho visto qualcuno che non dovrebbe essere vivo. E devo dirlo a Daemon, anche se so che non smetterà mai di cercare la verità. Che cosa è successo a suo fratello? Chi lo ha tradito? E che cosa vuole il Dipartimento della Difesa da loro e, soprattutto, da me? Nessuno è ciò che sembra. E non tutti sopravviveranno alle bugie. 

Titolo: Anime Legate (L'accademia dei vampiri #5)
Autore:
Richelle Mead
Editore:
Rizzoli
Prezzo: 14,90 Euro            
Data d'uscita:
29 gennaio 2014
 

Trama: Per Rose Hathaway è arrivato il giorno del diploma. Da oggi non sarà più un'allieva della St. Vladimir, ma un guardiano a tutti gli effetti. Dove andrà? Chi sarà chiamata a proteggere? Lei spera di essere assegnata alla custodia della sua migliore amica Lissa, ma non sembrano esserci molte possibilità. Rose ha commesso tanti errori, è fuggita due volte dalla scuola. Non dà l'idea di essere la persona giusta cui affidare l'ultima discendente di una nobile famiglia Moroi. E adesso sta per lanciarsi nell'ennesimo e più grave azzardo: ha scoperto che c'è un modo per far tornare umano il suo grande amore Dimitri, diventato un sanguinario Strigoi. Per riuscirci dovrebbe mettere in pericolo la vita di Lissa. Davvero potrebbe sacrificare la sua migliore amica per amore?

lunedì 27 gennaio 2014

Anteprima #10: La mia amica ebrea e Quando dal cielo cadevano le stelle di Rebecca e Sofia Domino

Oggi in occasione della Giornata della Memoria vi propongo due romanzi scritti da due giovani sorelle italiane, Rebecca e Sofia Domino. Per non dimenticare la tragedia che si è abbattutta sull'intera umanità il 27 gennaio 1945, quando è stato scoperto il campo di concentramento di Auschwitz, queste due autrici hanno scelto di raccontare due storie ambientante durante la seconda guerra mondiale. 

Titolo: La mia amica ebrea 
Autore: Rebecca Domino
Editore: autopubblicato
Pagine: 300
Prezzo: 1,99 Euro (ebook)

Il libro è acquistabile sul sito Lulu.com

Trama: Amburgo, 1943. La vita di Josepha, quindici anni, trascorre fra le uscite con le amiche, le lezioni e i sogni, nonostante la Seconda Guerra Mondiale. Le cose cambiano quando suo padre decide di nascondere in soffitta una famiglia di ebrei. Fra loro c'è Rina, quindici anni, grandi e profondi occhi scuri. Nella Germania nazista, giorno dopo giorno sboccia una delicata amicizia fra una ragazzina ariana, che è cresciuta con la propaganda di Hitler, e una ragazzina ebrea, che si sta nascondendo a quello che sembra essere il destino di tutta la sua gente.Ma quando Josepha dovrà rinunciare improvvisamente alla sua casa e dovrà lottare per continuare a sperare e per cercare di proteggere Rina, l'unione fra le due ragazzine, in un Amburgo martoriata dalle bombe e dalla paura, continuerà a riempire i loro cuori di speranza.Un romanzo che accende i riflettori su uno dei lati meno conosciuti dell'Olocausto, la voce degli "eroi silenziosi", uomini, donne e giovani che hanno aiutato gli ebrei in uno dei periodi più bui della Storia.

L'autrice: Sono nata nel 1984, e da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo aver messo da parte questa mia grande passione per molti anni, sono tornata a scrivere e adesso è ciò che mi piace di più fare. Sono anche un'appassionata viaggiatrice e lettrice. "La mia amica ebrea" è il mio primo romanzo.

Titolo: Quando dal cielo cadevano le stelle 
Autore: Sofia Domino
Editore: autopubblicato
Pagine: 469
Prezzo: 1,99 Euro (ebook)
Il libro è acquistabile sul sito Lulu.com

Trama: Lia ha tredici anni. È una ragazzina italiana piena di sogni e di allegria, con l’unica colpa di essere ebrea durante la Seconda Guerra Mondiale. Dallo scoppio delle leggi razziali la sua vita cambia, e con la sua famiglia è costretta a rifugiarsi in numerosi nascondigli, a sparire dal mondo. Da quel mondo di cui vuole fare disperatamente parte. Passano gli anni, conditi da giornate piene di vicende, di primi amori, di paure e di speranze, come quella più grande, la speranza che presto la guerra finirà. Ma nessuno ha preparato Lia alla rabbia dei nazisti. Il 16 ottobre 1943, la comunità ebraica del ghetto di Roma viene rastrellata dalla Gestapo e i nazisti le ricorderanno che una ragazzina ebrea non ha il diritto di sognare, di sperare, di amare. Di vivere. Lia sarà deportata ad Auschwitz con la sua famiglia, e da quel giorno avrà inizio il suo incubo. Terrore, lavoro, malattie, camere a gas, morti. E determinazione. Quella che Lia non vuole abbandonare. Quella determinazione che vorrà usare per gridare al mondo di non dimenticare. Quella determinazione che brillerà nei suoi occhi quando il freddo sarà troppo pungente, quando la fame sarà lancinante, quando la morte sarà troppo vicina e quando sarà deportata in altri campi di concentramento.Quella determinazione che le farà amare la vita, e che le ricorderà che anche le ragazzine ebree hanno il diritto di sognare. Perché non esistano mai più le casacche a righe, perché nessuno sia più costretto a vivere in base a un numero tatuato su un braccio o in base a una stella cucita sulla veste.

L'autrice: Sono nata nel 1987 e sin da quando ero piccola mi piaceva scrivere temi e racconti. Adesso la scrittura è la mia passione principale. Oltre a scrivere adoro leggere e sognare. Inoltre, viaggio non appena posso. "Quando dal cielo cadevano le stelle" è il mio primo romanzo.

Clock Rewinders #40

Torno con la rubrica ideata da On a book bender e 25 hour books: un riepilogo della settimana appena trascorsa con le novità più interessanti della blogosfera!

I libri sono un antidoto alla tristezza
Novità della settimana: dal 20 al 26 gennaio
• Anteprima: L'anima tra le aquile di Antonio Renna
• Tascabile è bello: nuova collana Newton Compton
• Gruppo di lettura: Cinder - Prima Tappa
• Recensioni: A spasso con Bob (4) La prima cosa bella (4½)



I post più interessanti della settimana
• Giveaway: I segreti di Coldtown su Il profumo delle pagine stampate, Requiem su Il castello tra le nuvole, Un anno con voi su Book of my life
I manuali di scrittura creativa dei grandi maestri di Alessia
• Segnalo il blogtour dedicato a Rebirth di Matteo Zapparelli
• Recensioni: Fangirl di Mel, Le parole segrete di Ilaria, Requiem di Veronica, Segreto di daydream, Per una volta nella vita di Juliette, Chaos di Glinda, Il figlio del cimitero di Sara, Dentro Jenna di Angela, Oltre i limiti di Bliss, Requiem di Mr Ink              

Le mie letture della settimana

La canzone della settimana 
(Prima o poi mi stufo di Frozen, non disperate x.x)
 

Il film della settimana 
Questa settimana mi sono vista Paranorman, un altro dvd acquistato in saldo qualche tempo fa, ma che non avevo ancora guardato. Il film è uscito nel 2012, è diretto da Sam Fell e Chris Butler e prodotto dalla Laika Entertainment, una casa molto giovane, che finora ha prodotto solo un altro film, Coraline, e che quest'anno tornerà al cinema con Boxtrolls. Il protagonista è Norman, un ragazzino particolare, con la capacità di parlare con i fantasmi. Un giorno incontra suo zio, un uomo considerato da tutti un po' matto ma che in realtà ha il suo stesso dono. L'uomo gli racconta che da sempre ogni anno impedisce alla maledizione della strega di abbattersi sulla città e passa a Norman la sua missione prima di morire, ma lui non riesce ad impedire che la maledizione si scateni e i morti arrivano in città. Ma cosa c'è davvero dietro alla storia della strega? Chi era? E perchè non riesce a riposare in pace? Norman è l'unico che può scoprirlo. Un film davvero carino e simpatico, che alla fine strappa anche qualche lacrima.

Gruppo di Lettura #1: Cinder, Marissa Meyer - Prima Tappa

Ciao a tutti! Eccoci qui per la prima tappa del nostro Gruppo di Lettura dedicato a Cinder!(in ritardo di un giorno, sorry). Prima di cominciare, ricordate che questa tappa riguarda i primi dodici capitoli, se siete andati avanti non spoilerate nulla nei vostri commenti!:)

Riassunto capitoli 1-12
Cinder è il meccanico più bravo di Nuova Pechino. I suoi guadagni permettono alla sua famiglia di procurarsi di che vivere. Peccato che la matrigna Adri non l'apprezzi minimamente, anzi faccia di tutto per renderle complicata la vita fin dal giorno in cui è arrivata cinque anni prima, adottata dal marito di lei, morto poi poco tempo dopo di letumosi, la terribile malattia che da anni sta decimando la poplazione. La vita di Cinder non è felice, ma è inutile ribellarsi: lei è un cyborg e come tale appartiene ad Adri. Anche lei era una persona normale un tempo, ma poi quando aveva circa undici anni era rimasta gravemente ferita durante un incidente: i suoi genitori erano morti quel giorno, mentre lei era diventata un cyborg. I medici non avevano avuto altra scelta se non quella, per salvarle la vita. Nonostante le angherie di Adri, Cinder cerca di avere una vita serena, fatta di piccole gioie e soddisfazioni, soprattutto nel suo lavoro, ma improvvisamente tutto viene stravolto il giorno in cui Peony, una delle sue sorellastre, la sua unica amica, viene contagiata dalla letumosi e portata via per la quarantena. Furibonda Adri la incolpa di ciò che è successo e la offre come volontaria per le ricerche sulla malattia. Le inietteranno il virus, per testare gli antidoti. Cinder è sicura di essere spacciata, invece incredibilmente il suo organismo annienta da solo la malattia rendendola uno strumento prezioso per la ricerca.

Personaggi 
Cinder 
Cinder è una ragazza di sedici anni con i capelli color topo e una figura longilinea, ossuta, quasi mascolina, dotata di poche curve femminili. Veste sempre in modo molto maschile e per via del suo lavoro è spesso sporca di olio e grasso. Ha una mano e un piede cibernetici, così come il suo intero sistema nervoso e il suo cervello. E' stata adottata quando aveva undici anni da un inventore di di nome Garan, che è morto poco dopo lasciandola sola con sua moglie e le sue due figlie. Grazie alla sua componente elettronica, Cinder è un bravissimo meccanico, capace di aggiustare qualsiasi cosa. Purtroppo i suoi guadagni vengoni tutti incassati da Adri, che sfrutta la figliastra in ogni modo. Sogna di andarsene da quella casa in cui si sente una prigioniera e iniziare una vita sua, anche se sa che Adri non glielo permetterà mai. La sorellastra Peony e l'androide Iko sono le sue uniche amiche.

Iko
Iko è l'automa di casa Lihn. E' piccola, alta meno di un metro, dotata di un sensore blu che occupa quasi tutto il suo viso tondo. Al posto delle mani ha delle tenaglie, con due dita. Adri l'ha acquistata per pochi soldi per via di un errore di programmazione che rende la sua personalità molto simile a quella di un umano. Il suo sensore blu brilla quando è felice o entusiasta, squittisce con la sua voce metallica quando è eccitata, si interessa di vestiti e ragazzi. E' molto vicina a Cinder e va molto d'accordo anche con Peony, con cui disquisisce della bellezza del principe Kai ogni volta che può. E' un modello antiquato, per questo Adri non è mai riuscita a liberarsi di lei, nonostante ci abbia provato.

Citazioni
Sollevò il pugno e colpì forte l’androide sul lato della testa, afferrandolo al volo prima che cascasse dal bancone. Il principe fece un salto. Cinder risistemò l’androide sui suoi supporti e pigiò il bottone dell’accensione, ma non successe niente. 'Sareste sorpreso di sapere quante volte funziona' Il principe fece una risatina imbarazzata. 'Sei sicura di essere Lihn Cinder? Il meccanico?'    

'Stai dicendo che se sistemo il librante e mi trovo un vestito, potrò davvero venire, quest’anno?' Adri sollevò gli angoli della bocca. 'Sarebbe un miracolo se trovassi qualcosa di adatto da indossare che nasconda la tua…' il suo sguardo cadde sugli stivali di Cinder 'eccentricità. Ma sì, se sistemi il librante, suppongo che tu possa venire al ballo'

Quelli come te sanno almeno cosa sia l’amore? Puoi sentire qualcosa o è solo tutto… programmato?

Sono cinque anni che sei entrata a far parte di questa famiglia, Cinder. Cinque anni da quando Garan ti ha lasciato a me. Ancora non so chi gliel’abbia fatto fare, non so perché si sia sentito in dovere di viaggiare fino in Europa, tra tutti i posti, per trovare un… mutante di cui prendersi cura. Non me l’ha mai spiegato. Forse un giorno l’avrebbe fatto. Ma io non ti ho mai voluto. Lo sai.

Topic: La tecnologia
In questi primi capitoli vengono citate molte nuove tecnologie. I palazzi sono ricoperti di mediaschermi, televisori accesi ventiquattro ore su ventiquattro che mandano in onda notizie e gossip, alle porte sono installati scanner identificativi invece delle normali serrature, al posto delle auto, tutti usano i libranti, mezzi lievitanti controllati da un computer centrale, e moltissimi lavori sono affidati agli androidi. Incontiramo commessi androidi alle bancarelle del mercato, incontriamo medici androidi, incontriamo adroidi domestici per i lavori di casa, come Iko, e ovunque nella città ci sono androidi impegnati nelle più disparate attività. Apprendiamo anche che nel campo della medicina sono stati fatti passi da giganti grazie alla robotica. E' possibile sostituire arti o organi e perfino l'organo più importante di tutti, il cervello, può essere rimpiazzato da un surrogato robotico. Grazie a queste nuove tecnologie la medicina può salvare molte vite, anche in situazioni disperate, ma la cosa ha i suoi risvolti negativi. Basta anche solo un dito robotico però, per essere considerati cyborg ed essere privati di ogni diritto umano. Un cyborg non ha diritto di possedere nulla, perchè diventa lui stesso soggetto ad essere proprietà di qualcuno. Cinder per esempio se fosse una ragazza normale dovrebbe rispondere ad Adri semplicemente come sua matrigna, invece è costretta a seguire i suoi ordini, lei le appartiene, come può appartenerle un vestito o un libro. Dalla società questi individui non sono ben visti. Nel libro vediamo anche che sono reclutati come cavie per testare l'antidoto alla letumosi, perchè sono considerati sacrificabili. 

Domanda: Cosa pensate del mondo futuristico che abbiamo conosciuto in questi primi capitoli? Qual'è la tecnolgia che vi ha più colpito? La riposta più interessante riceverà un ebook a scelta tra questi tre!
 
Al 2 febbraio, per la seconda tappa, dedicata ai capitoli dal 13 al 24!

sabato 25 gennaio 2014

Tascabile è bello #6

Oggi la puntata sarà tutta dedicata alla Newton Compton, una delle case editrici più attente a far risparmiare i suoi lettori. Non a caso è una delle mie preferite! Nonostante i loro libri costino sempre 9,90 euro, salvo qualche eccezione, e abbiano creato già da tempo una collana chiamata Gli Insuperabili, che comprende molti best seller a soli 5,90 euro, ora arriva sul mercato una nuova collana, gli Ultra Economici Newton, ad un prezzo ancora più piccolo, solo 4,90 euro! I primi titoli saranno disponibili dal 30 gennaio e nella prima ondata sono disponibili libri per tutti i gusti: dai romantici, ai thriller, dagli erotici, agli storici!:)

Titolo: Un regalo da Tiffany
Autore: Melissa Hill
Nuova edizione Newton Compton a 4,90 euro

Trama: A New York, sulla Fifth Avenue, il giorno della vigilia di Natale due uomini stanno comprando un regalo per la donna di cui sono innamorati. Gary, che quasi aveva dimenticato il regalo per la sua fidanzata Rachel, sta acquistando per lei un braccialetto portafortuna. Ethan invece sta cercando qualcosa di speciale: un anello di fidanzamento per Vanessa, uno splendido solitario con il quale si inginocchierà davanti a lei e le farà una romantica proposta di matrimonio. Ma quando per sbaglio, all’uscita dal negozio, i due regali vengono scambiati, Rachel si ritroverà al dito l’anello destinato a Vanessa. E per Ethan riportarlo alla donna per la quale lo ha scelto non sarà affatto semplice. Soprattutto se il destino ha altre idee..

Titolo: Il libro segreto di Dante
Autore: Francesco Fioretti
Nuova edizione Newton Compton a 4,90 euro

Trama: Dante è davvero stato ucciso dalla malaria, come tutti credono? Oppure qualcuno aveva dei motivi per desiderare la sua morte e la scomparsa di un segreto insieme a lui? Tormentati da questo dubbio, la figlia del poeta, suor Beatrice, un ex templare di nome Bernard e un medico, Giovanni da Lucca, iniziano una doppia indagine per fare chiarezza su quanto è accaduto. Cercano con fatica di decifrare un messaggio in codice lasciato da Dante su nove fogli di pergamena e intanto si mettono sulle tracce dei presunti assassini, scoprendo che molti nutrivano una profonda avversione per il poeta. Non sarà facile trovare la chiave del segreto occultato nella Commedia e scoprire chi voleva impedire che l’opera fosse terminata. Ma perché l’Alighieri aveva deciso di nascondere gli ultimi tredici canti del Paradiso? Teoremi raffinati, intrighi complessi e verità da svelare si celano tra i versi delle tre cantiche.  

Titolo: Il mercante di libri maledetti
Autore: Marcello Simoni
Nuova edizione Newton Compton a 4,90 euro

Trama:  È il mercoledì delle ceneri dell’anno 1205 quando padre Vivïen de Narbonne è costretto a fuggire, braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede qualcosa di molto prezioso, che non è disposto a cedere agli inseguitori. Sono passati tredici anni da quel terribile giorno, quando Ignazio da Toledo, un mercante di reliquie, riceve da un nobile veneziano l’incarico di mettersi sulle tracce di un libro rarissimo, l’Uter Ventorum. Si dice che contenga antichi precetti della cultura talismanica orientale, e permetta di evocare gli angeli. Inizia così il viaggio di Ignazio tra Italia, Francia e Spagna, sulle tracce di un manoscritto smembrato in quattro parti accuratamente nascoste. Solo chi è in grado di risolvere gli enigmi, e di decifrare strani messaggi, potrà trovarlo e accedere ai suoi segreti. Ma Ignazio non è l’unico a volerlo. Ci sono personaggi loschi e ambigui che intendono entrarne in possesso, anche con l’inganno. Chi riuscirà per primo a scoprire dove si trova? 

Titolo: 90 giorni di tentazione
Autore: Lucinda Carrington
Nuova edizione Newton Compton a 4,90 euro

Trama: Genevieve Loften lavora per un’agenzia pubblicitaria a Londra. È una donna sicura di sé, intraprendente, di successo. 90 giorni di tentazione non sono affatto quello che aveva in mente per accaparrarsi un nuovo cliente. Ma l’arrogante e affascinante James Sinclair non le lascia scelta: firmerà il contratto solo a patto che lei accetti di esaudire ogni suo desiderio. È così che Genevieve viene introdotta in un mondo fino a quel momento sconosciuto, dove c’è chi comanda e chi è dominato: scoprirà sensazioni ed emozioni mai provate prima e diventerà la protagonista di conturbanti giochi erotici. Quella che era iniziata come una semplice trattativa d’affari si trasforma in un incastro di fantasie sempre più intense, che finiranno per stravolgere l’esistenza di Genevieve. Sedotta e soggiogata da James, riuscirà a trovare un equilibrio tra la sua carriera e l’universo di piaceri proibiti che quell’uomo irresistibile le offre?  

venerdì 24 gennaio 2014

RECENSIONE: La prima cosa bella - Jennifer Weiner

Titolo: La prima cosa bella
Titolo originale: The Next Best Thing

Autore: Jennifer Weiner
Editore: Piemme
Pagine: 462
Prezzo: 18,50 Euro
Anno: 2013


Trama: A 23 anni bisogna osare. Questo è il mantra che ha accompagnato Ruth Saunders durante il lungo viaggio che dal Massachusetts l'ha portata fino a Hollywood. Al contrario di molte ragazze della sua età, però, Ruth non vuole andare nella Città degli Angeli per diventare una star del cinema: il suo sogno è quello di scrivere e di vedere le sue parole prendere vita sullo schermo. Forse perché la scrittura l'ha salvata durante i difficili anni del liceo o forse perché la cicatrice che le solca parte del volto l'ha sempre tenuta lontana dai desideri di tutte le altre. Con una laurea in mano e una passione sfrenata per le serie televisive, istillatale dalla nonna che l'ha cresciuta e che ha deciso di lasciare tutto per partire con lei, Ruth non vede l'ora di mettersi alla prova. E quando, cinque anni e una lunghissima gavetta dopo, riceve la notizia che un'importante network vuole realizzare una serie televisiva creata da lei, Ruth pensa di avercela fatta. Capirà ben presto che quello di Hollywood è un mondo fatto di compromessi e di capricci a cui piegarsi; che non sempre il lavoro e il successo colmano il vuoto che abbiamo nel cuore. E che anche una come lei si merita l'amore, quello vero, senza copione o musica in sottofondo. Basta solo che apra gli occhi.

Recensione 
Ruth fin da bambina ha sognato lo sfavillante mondo di Hollywood, le telecamere, i meravigliosi set, i premi, il successo, ma a differenza di molte sue coetanee non le interessa stare sotto ai riflettori: il suo sogno è scrivere una serie tv tutta sua e riuscire a mandarla in onda. Le sue grandi passioni, le serie televisive e la scrittura, sono nate entrambe sul letto di un ospedale, durante il difficile periodo in seguito all'incidente che le ha portato via i genitori e l'ha lasciata sfigurata per sempre. Per realizzare questo suo desiderio, nonostante le insicurezze e le paure, decide di buttarsi e trasferirsi a Los Angeles insieme alla nonna, che l'ha cresciuta dopo che i genitori sono morti. Dopo anni di gavetta come assistente, finalmente la fortuna bussa alla sua porta: la rete è interessata alla sua sitcom 'La prima cosa bella'. Ma sarà tutto come l'aveva sempre sognato?

Adoro Jennifer Weiner, è in assoluto una delle mie autrici preferite, ma mi sembra che sia estremamente sottovalutata rispetto ad altre sue colleghe del settore. La verità è che non ha assolutamente niente da inviare ad autrici come Sophie Kinsella. Per quanto mi riguarda se la battono a pari merito, anche se hanno due modi molto diversi di raccontare le loro storie: la Kinsella è frizzante e colorata, mentre la Weiner è dolce e delicata. Il libro più famoso di quest'autrice è sicuramente A letto con Maggie, che è stato portato al cinema con Cameron Diaz nel film In Her Shoes, ma è attiva da più di un decennio e questo è il suo decimo libro. Ma basta divagare. La prima cosa bella è una piccola perla, come tutti gli altri suoi lavori. La narrazione parte dal momento in cui la sitcom scritta dalla protagonista, Ruth, viene accettata dalla rete e segue passo passo la sua nascita, tornando indietro di tanto in tanto per raccontarci la vita e il percorso della protagonista. E' stato davvero interessante assistere al processo della nascita di una serie tv: è incredibile realizzare quanto lavoro c'è dietro ad una singola puntata di un telefilm. Seguiamo dietro le quinte tutto il lavoro di scrittori, registi e attori e ci troviamo ad affrontare insieme a Ruth una serie infinita di problemi. Il tasto dolente per la scrittrice sono sicuramente le modifiche che la rete insiste per fare: personaggi, attori, luoghi, trame, nessuno è al sicuro! La giovane deve quindi imparare a scendere a patti e capire quanto è disposta a sacrificare per quel sogno. Credo che il punto di forza dei libri della Weiner sia il fatto che tocca argomenti molto delicati con leggerezza e allo stesso tempo porta con sè brio e allegria. Le sue protagoniste non sono le solite ragazze bionde e bellissime, sono donne vere, con cui è molto semplice identificarsi perchè hanno spesso difetti fisici, qualche curva di troppo e problemi personali normalissimi. Anche per questo libro vale la sua solita filosofia. I temi delicati trattati sono molti. La protagonista ha perso i genitori in un incidente quando aveva solo tre anni ed è stata allevata dalla nonna, che si è sempre presa cura di lei. Il lutto è trattato in modo toccante e molto dolce: la nipote e la nonna sono accumunate dalla perdita di una persona che amavano immensamente, una figlia e una madre. La nonna è una donna così forte, così grintosa, che raramente Ruth si ricorda che ha sofferto come lei, se non di più. Come se la morte dei genitori non bastasse, Ruth ha passato praticamente tutta l'infanzia in ospedale, tra un intervento e l'altro, nel tentativo di ridare al suo viso una parvenza di normalità dopo le gravi ferite che ha subito nell'impatto. La sua infanzia è stata molto dura e crescendo le cose non sono andate meglio. Per lei è sempre stato difficile socializzare e farsi degli amici, soprattutto perchè anni di prese in giro e risate alle sue spalle l'hanno resa molto chiusa e insicura. Ruth sa che non sarà mai bella, sa che nessuno penserà mai che lei lo sia, per questo porta sempre un cappello o si tira i capelli sul viso per nascondere le sue ferite. Non si guarda mai allo specchio, se può evitarlo, perchè le sue cicatrici le ricordano ogni giorno la perdita dei genitori e la sua infanzia dolorosa. Sono molte le donne che portano sulla pelle il ricordo di un evento traumatico, un incidente, un aggressione, e ogni giorno della loro vita quelle ferite sono lì, il promemoria costante di un incubo. E' un argomento molto delicato che viene trattato in questo libro con molta dolcezza. Ruth può essere un simbolo di speranza: una donna ostacolata dalla vita in ogni modo, privata della sua bellezza e della sua femminilità, oltre che di un infanzia normale, di una famiglia normale, ma che nonostante tutto il dolore e la disperazione riesce a mettersi in pista con le sue sole forze, con il suo talento e la sua passione. Una passione che le ha salvato la vita. La scrittura è sempre stata la sua via di fuga dai problemi. Ogni volta che la vedeva giù, la nonna le metteva tra le mani un quaderno e le diceva semplicemente 'Scrivi'. Così Ruth ha iniziato, inventando trame alternative e nuove scene per i personaggi delle sue serie preferite. Ed è lì che è fuggita ogni volta che ne sentiva il bisogno. Ogni volta che si è sentita derisa, ogni volta che si è sentita sola, ogni volta in cui uno sguardo o un sorrisetto l'hanno fatta sentire diversa, brutta. Ruth è un personaggio incredibilemente forte e coraggioso. All'inizio mi ha fatto molta tenerezza il modo ingenuo in cui vede l'amore ed è stato davvero bello vederla scoprire cosa significa amare e soprattutto essere amati. Anche nonna Rachel è una donna incredibile, una vecchietta tutto pepe che nonostante l'età continua a vivere a pieno ogni giorno. Anche lei una volta arrivata ad Hollywood ha sfruttato la sua passione per le serie televisive e ha trovato lavoro come comparsa: ogni giorno si siede nella sala d'attesa dell'ospedale di Grey's Anatomy o nell'aula di tribunale di Law&Order e sferruzza fino all'ora di andare a casa, guadagnandosi di tanto in tanto perfino qualche battuta. E' solo grazie a lei che Ruth ha imparato a coltivare i suoi sogni e a non arrendersi mai. Lei è la roccia a cui la nipote si aggrappa per rimanere a galla. E' il faro che segue nella tempesta. Senza di lei sarebbe persa. I personaggi maschili sono decisamente in ombra, con queste due protagoniste così incredibili sotto ai riflettori, e in realtà è meglio così, perchè la maggior parte di loro non fa una bella figura: Rob è il primo uomo di cui Ruth si innamora e il primo che le spezza il cuore in modo tanto meschino da guadagnarsi l'odio perpetuo di qualsiasi lettrice donna, Gary è il fidanzato che l'abbandona appena teme che lei possa avere più successo di lui, e poi c'è Dave, Dave che all'inizio sembra il solito sciupafemmine, nonostante sia costretto su una sedia a rotelle, Dave che è sempre accompagnato da donne bellissime, Dave che è bello, ricco, di successo.. Ma non volete che vi sveli tutto no? Aggiungo solo che la Weiner ha anche una penna niente male per le scene hot, il che non guasta mai. Ho adorato questo libro. L'ho trovato dolce, divertente, ma soprattutto pieno di speranza: un messaggio positivo per tutte quelle donne che per qualche motivo si sentono fuori posto nel mondo.            Valutazione: ½ Bellissimo!

La nonna mi portava quaderni con la copertina turchese o rosa pallido, talvolta con sopra stampate le parole Il mio diario in caratteri dorati e svolazzanti, e scatole di pennarellini neri, rossi e blu a punta fine. «Scrivi» diceva. «Raccontami una storia.» Se rispondevo che ero stanca o che non sapevo cosa scrivere, come esprimere ciò che avevo in mente, mi metteva la penna in mano, apriva il quaderno a una pagina nuova e diceva: «Nessuno ti darà il voto. Provaci». 

giovedì 23 gennaio 2014

RECENSIONE: A spasso con Bob - James Bowen

Titolo: A spasso con Bob
Titolo originale: A Street Cat Named Bob

Autore: James Bowen 
Editore: Sperling & Kupfer 
Pagine: 238
Prezzo: 16,90 Euro
Anno: 2012


Trama: Quando James Bowen trova davanti alla porta del suo alloggio popolare un gatto rosso, rannicchiato in un angolo, impaurito e malato, non immagina quanto la sua vita stia per cambiare. James, ventisette anni, un passato di alcol e droga, non ha un lavoro né una famiglia su cui contare. Vive alla giornata per le vie di Londra, e raccoglie qualche spicciolo suonando la chitarra davanti a Covent Garden e nelle stazioni della metropolitana. L'ultima cosa di cui ha bisogno è un animale domestico. Eppure non resiste a quella palla di pelo, che subito battezza Bob. Pian piano James riesce a farlo guarire, e a quel punto lascia il gatto libero di andare per la sua strada, convinto di non rivederlo più. Ma Bob è di tutt'altro avviso: per nulla al mondo intende separarsi dal suo nuovo amico e lo segue ovunque. Instancabile. Finché a James non rimane che arrendersi. È l'inizio di una meravigliosa amicizia e di una serie di singolari, divertenti e a volte pericolose avventure che trasformeranno la vita di entrambi, rimarginando lentamente le vecchie ferite, anche quelle più profonde.   

Recensione 
James è un senzatetto tossicodipendente. E' finito per strada da ragazzo e in breve tempo la solitudine e la disperazione l'hanno trascinato nel tunnel della droga, dove è sprofondato sempre di più, giorno dopo giorno, facendogli perdere dieci anni della sua vita. Ora sta cercando di uscirne. E' riuscito ad ottenere un alloggio, si guadagna da vivere cantando per strada, cerca di rigare dritto.. ma la verità è che non ha nulla per cui lottare. Almeno fino al giorno in cui incontra un gattone rosso messo male quasi quanto lui. E' amore a prima vista. James decide di prendersi cura di quella palla di pelo, ribattezzato Bob, dando fondo ai suoi pochi risparmi per procurargli le cure di cui ha bisogno. All'inizio è convinto che sarà solo una cosa temporanea ma è chiaro che il gatto la pensa molto diversamente. Giorno dopo giorno i due stringono un rapporto sempre più solido e James capisce in fretta che Bob non ha nessuna intenzione di andarsene. La sua presenza nella sua vita farà tutta la differenza del mondo: finalmente ha qualcuno per cui lottare.

Ormai mi conoscete. Mettetemi un animale qualsiasi sulla copertina e schiaffateci sopra una bella etichetta con scritto 'Una storia vera' e non so resistere. Amo questo genere di storie e non credo che mi stancherò mai di leggerne perchè, anche se in un certo senso tutte si somigliano grazie alla presenza di un animale angelo custode, sono tutte diverse e ne rimango sempre profondamente colpita. Questo non è un libro straziante, nè strappalacrime, è una storia piena di speranza. James Bowen dipinge un quadro molto difficile e ci racconta com'è la vita di un senzatetto. Ci racconta la sua infanzia, la sua adolescenza, le scelte sbagliate che l'hano portato a rimanere solo e la droga che l'ha soggiogato, portandogli via la voglia di fare qualcosa per cambiare le cose, la voglia di lottare, la voglia di vivere. Dopo più di dieci anni passati per strada però qualcosa in lui si smuove e capisce che se non vuole passare così il resto della sua vita e che è ora di dire basta. Nonostante la sua buona volontà però è difficile per un senzatetto tossicodipendente crearsi una nuova vita. Il primo passo è la disintossicazione. Lui ci prova, ma non crede di riuscire ad arrivare fino in fondo. Cosa farà dopo? Chi mai assumerà un uomo che non ha mai lavorato, senza un diploma, senza esperienza, senza una casa? Senza droga, che altro avrà? Ciò che gli manca è la spinta decisiva, la promessa che se lui uscirà dal tunnel della droga, là fuori ci sarà qualcosa di bello per cui sarà felice di aver sofferto tanto. E in fondo al tunnel di James non c'è nulla. La solitudine che si respira tra le pagine di questo libro è così opprimente, così triste. James non ha davvero nessuno a cui chiedere aiuto. Il suo orgoglio gli ha fatto perdere qualsiasi rapporto con i genitori e non ha nessun amico. L'arrivo di Bob nella sua vita ha cambiato le cose in un modo così radicale che sembra quasi impossibile crederci. James ha sempre dovuto pensare solo a sè stesso e per la prima volta si è ritrovato praticamente costretto a prendersi cura di un'altra vita. Bob ha bisogno di cure, di cibo, ma soprattutto di amore. Solo lui sa le avventure che l'hanno portato tra le braccia del suo nuovo amico. Ma per Bob, come per James, non è il passato che conta, che sia rimasto solo dopo la morte del padrone, che sia stato abbandonato, che si sia perso, che sia nato in strada, tutto quello che ora importa è il futuro, un futuro in cui la solitudine non esiste più. La loro amicizia è sicuramente una delle più belle amicizie uomo-gatto di cui mi sia capitato di leggere. Il loro rapporto è incredibilmente forte perchè sanno bene che la loro vita dipende l'uno dall'altro. Ma non solo: grazie a Bob, James ha ripreso a relazionarsi davvero con la gente. Prima aveva la sensazione di essere invisibile, nessuno si fermava davvero ad ascoltarlo, nè a guardarlo, neppure quelli che gli allungavano qualche spicciolo, ma dopo l'arrivo di Bob le cose sono cambiate. La gente ha iniziato a fermarsi più spesso, un po' attirata dalla dolcezza del micio, un po' incuriosita dallo strano duo, ha iniziato a fargli domande, a salutarlo, ad affezionarsi a loro. Nonostante i frequenti spostamenti Bob attirava sempre una bella folla e questo non solo ha aiutato James finanziariamente, grazie alle entrate molto più generose, ma l'ha anche abituato di nuovo al contatto con le persone, a chiacchierare, a ridere, ad ascoltare storie. Bob l'ha aiutato a tornare a vivere, gli ha dato qualcosa per cui lottare. Come non rimanere colpiti da una storia come questa? Se siete curiosi su youtube potete trovare molti video dedicati a Bob e a James, che ormai sono delle vere celebrità. Presto potrebbe arrivare perfino un film su di loro!              Valutazione: Bellissimo! 

Bob è il mio più caro amico, è stato lui a guidarmi verso una vita diversa e migliore e in cambio non ha mai chiesto niente di difficile: vuole soltanto che io mi prenda cura di lui, cosa che faccio con immenso piacere. Tutti dobbiamo concederci una pausa, tutti hanno diritto ad una seconda occasione. Bob e io ci siamo presi la nostra.