venerdì 28 ottobre 2016

RECENSIONE: Shadow Magic - Joshua Khan

Shadow Magic di Joshua Khan
Shadow Magic #1
DeAgostini (2016) | 416 pagine | 14,90 Euro

Secoli or sono sei principi dalla discendenza sopranaturale fondarono altrettanti regni. Nei secoli il sangue magico che scorre nelle vene dei loro discendenti si è indebolito sempre di più, fino a ridursi ad una mera scintilla. Ma non serve magia per farsi la guerra. La faida più sanguinosa è quella tra le casate Shadow e Solar, che finalmente ora hanno raggiunto una tregua grazie ad un accordo matrimoniale. Lily è l'ultima degli Shadow e nonostante sia solo una ragazzina il peso del suo regno è tutto sulle sue spalle. Deve sposare Gabriel. Non sarebbero in grado di respingere altri attacchi. Ma davvero non c'è altro modo? Se c'è qualcuno in grado di aiutarla, quello è senz'altro Thorn. E' solo un giovane scudiero, appena arrivato nel regno dopo essere stato comprato al mercato degli schiavi dal boia di corte, ma in lui, inaspettatamente, c'è l'animo del vero guerriero. Insieme, forse, riusciranno a cambiare le cose..

 Recensione  
Quando Shadow Magic di Joshua Khan è uscito in patria, alcuni mesi, fa era finito dritto dritto nella mia wishlist perchè a parlarne bene era stato Rick Riordan in persona. Lo aveva consigliato sui suoi social e aveva anche scritto un lungo post su Goodreads, attirando la mia attenzione. Di lui mi fido ciecamente quindi nn potevo certo ignorare un suo consiglio lol DeAgostini non si è fatta sfuggire l'occasione e si è accaparrata il libro facendomi super felice. Le aspettative erano altissime! Ero praticamente sicura che l'avrei adorato, ma non credevo a tal punto! Tanto per darvi un'idea di cosa stiamo parlando, questa perla è entrata a far parte della top 10 dei migliori libri del 2016! E sapete che io 5 stelline non le do facilmente. Quest'anno sono stati solo otto (finora) i libri che si sono guadagnati questa valutazione tra gli oltre sessanta che ho letto. Quindi capirete che è un libro davvero speciale. Da dove posso iniziare? Shadow Magic è il primo capitolo di una nuova serie fantasy middle grade che sarà composta, salvo cambiamenti, da tre volumi. Si tratta del libro d'esordio per questo autore inglese, che sarà stalkerizzabile al Lucca Comics & Games questa settimana (avete tutto il mio odio lol). E che esordio! Non saprei neppure dire cosa mi sia piaciuto di più perchè è tutto assolutamente fantastico! Il worldbuilding mi ha completamente rapito. La storia è ambientata in un mondo di fantasia, le cui fondamenta posano sulle spalle di sei nobili fratelli dai natali sopranaturali, figli di un re umano e di una creatura magica, e dotati quindi di grandi poteri da lei ereditati. Sono stati i primi maghi della storia, fondatori delle sei Grandi Case della magia, e hanno dato ognuno vita ad una stirpe di discendenti dai poteri magici, che però si sono indeboliti di generazione in generazione. Il mondo quindi è diviso in sei regni, ognuno governato da un Lord diretto discendente di uno di quei Sei Principi, e ognuno caratterizzato dal predominio di un determinato elemento naturale che si riflette anche nei poteri magici dei suoi governanti, poteri trasmessi solo nella linea di successione maschile. Nel corso dei secoli ci sono state diatribe e guerre tra tutti i regni, ma a farsi lotta più duramente sono sempre state le casate Shadow e Solar, arcinemiche fin dall'inizio. Ed è con una promessa di matrimonio tra i loro eredi che comincia questa storia. Lilith è l'ultima discendente degli Shadow. Ha solo tredici anni, ma dopo lo sterminio della sua famiglia per mano di una banda di briganti è rimasta sola e ha sulle spalle il destino di un regno intero. Dovrebbe sposare Gabriel, borioso e viziato rampollo dei Solar. Lily però ha un bel caratterino, e si oppone con tutte le sue forze. La dicotomia di questo personaggio è molto interessante. Da una parte Lilith, Lady Shadow, la solitaria signora di Castelo Cupo, l'ultima discendente della casata, condannata a sacrificarsi, a sottomettersi, con un matrimonio di interesse per salvare il suo popolo. Dall'altra Lily, vivace tredicenne curiosa e avventurosa, piena di voglia di vivere, di scoprire il mondo e di sfuggire dalle etichette e dagli obblighi. Quello che la gente si aspetta che lei sia, si scontra duramente con la sua vera natura e con i suoi desideri. Durante la narrazione il suo punto di vista si intreccia con quello di Thorn, un ragazzo forte, coraggioso e caparbio. Tormentato da terribili eventi del suo passato, è alla ricerca di risposte. Quando facciamo la sua conoscenza non se la sta vedendo molto bene: è stato catturato da un mercante di schiavi che l'ha messo in vendita. A comprarlo è un uomo per niente rassicurante, Tyburn, il terribile boia degli Shadow, un uomo che si dice sia senza pietà e senza cuore. Lo porta con sè a Castel Cupo per farlo lavorare come suo scudiero e qui la sua storia si intreccia con quella di Lily. I due stringono subito una salda amicizia (che forse potrebbe essere anche qualcosa di più?) e non si fanno scoraggiare dalle differenze sociali tra loro. A completare il terzetto (perchè in ogni fantasy che si rispetti c'è un terzetto!) c'è K'leef, un nobile giovane della famiglia Geniis, che giunge a Castel Cupo con la delagazione dei Solar, come loro ostaggio per diatribe tra i due regni. I personaggi principali sono davvero riuscitissimi, ben caratterizzati e interessanti. Impossibile non amarli. Intorno a loro tre si dirama una tela di personaggi secondari più o meno importanti. Il boia Tyburn, la governante di Castel Cupo Mary, la domestica Rose, lo scudiero Wade, lo zio Pandenomium, il promesso sposo Gabriel. E non dimentichiamo Ade, la 'piccola' mascotte di Castel Cupo lol Sono molti e tutti meravigliosamente tratteggiati, con sfumature di colore che ricreano l'intero arcobaleno. Nessun personaggio è solo abbozzato, neppure i meno importanti. La trama è incredibile. Ben studiata, ricca di colpi di scena inaspettati che mi hanno elettrizzato sempre di più. Ad un certo punto non sono più riuscita a metterlo giù, tanto ero rapita, dovevo assolutamente finirlo. L'ho divorato in meno di un giorno! Sono davvero ammirata dal lavoro che è riuscito a fare questo autore. Ha scritto un fantasy molto classico, ma è riuscito a farlo completamente suo con elementi originali e particolari che rendono questo libro una lettura davvero imperdibile. Anche se ormai sono passati diversi giorni da quando ho finito il libro, se ci ripenso sento una scossa elettrica. Che lettura entusiasmante! Una nota va fatta anche sulle meravigliose illustrazioni che arricchiscono la storia, opera di Ben Hibon, che tra le altre cose è anche il regista che ha realizzato La storia dei Tre Fratelli per il film di Harry Potter e i doni della morte, e che qui ha scelto uno stile cupo e gotico perfetto per questo libro. Anche se l'avventura a sè si può considerare autoconclusiva, di certo questa saga ha in serbo molte sorprese incredibili, come possiamo intuire dall'ultimo capitolo, e non vedo l'ora di scoprirle! Ve lo consiglio davvero di cuore! Soprattutto se amate il fantasy e le atmosfere alla Tim Burton. L'appuntamento con il seguito, Dream Magic, è ad aprile 2017. Come farò ad aspettare tanto?    


  Imperdibile!

Lei era Lily. Aveva tredici anni, le piaceva arrampicarsi sugli alberi e una volta aveva un cagnolino che si chiamava Crema.
Lei era Lady Shadow. Era l'erede di Castel Cupo. I suoi antenati erano stati maestri di magia nera. Sapeva evocare i morti.
Lily e Lady Shadow. Totalmente diverse, ma lei era entrambe.

4 commenti:

  1. L'ho visto in libreria e mi ispirava tantissimo <3 purtroppo ho già speso un po' ultimamente per i libri quindi magari lo leggerò fra qualche tempo (spero prima di aprile quando uscirà il seguito XD). Comunque bellissima recensione :3

    RispondiElimina
  2. ciao Vanessa, mi è davvero piaciuto tanto questo libro *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo, sono una nuova follower, mi è piaciuta molto la tua recensione e voglio assolutamente continuare a seguirti <3 Se vuoi fare un salto da me ne sarò sempre felicissima, piacere di conoscerti! ^_^

      Elimina
  3. Ciao! A primo impatto non avrei dato peso a questo libro, ma ora sono curiosa di leggerlo e lo inserisco subito in WL!

    RispondiElimina