mercoledì 24 febbraio 2016

Random #33: Quattro serie immeritatamente interrotte

Quando si parla di serie ormai lo sappiamo, dobbiamo stare attenti! Il rischio che vengano interrotte è sempre dietro l'angolo! ç_ç Quanti libri avete nella vostra libreria che sono rimasti soli soletti, orfani dei loro seguiti? Il problema è grosso ed è diventato un vero fenomeno con tanto di iniziative organizzate dai lettori che nel corso degli anni si sono ribellati a questa pratica al grido di #odioleserieinterrotte. Ma siamo finiti in un circolo vizioso. Siamo in molti ad evitare di acquistare il primo capitolo di una nuova serie, aspettando di vedere come procede la pubblicazione prima di dare all'editore la nostra fiducia, ma così facendo riduciamo le vendite e le possibilità della serie di proseguire. Un po' come un cane che si morde la coda lol Personalmente sono un'acquirente molto molto attenta e prima di comprare un libro ci penso molto, soprattutto se parliamo di una nuova serie, ma è capitato anche a me di finire con qualche libro solitario in libreria e con seguiti in lingua nella wishlist. Ecco quattro serie interrotte che ho amato moltissimo e che secondo me avrebbero meritato di essere pubblicate fino alla fine! Quali sono le vostre?
 
Appassionante trilogia sui viaggi nel tempo, la Fanucci purtroppo ha pubblicato solo il primo capitolo nel 2011.

Manhattan, 2009. Il diciannovenne Jackson Meyer è dotato della facoltà di viaggiare nel tempo. Una mattina, due uomini fanno irruzione nella camera della sua fidanzata Holly e le sparano; Jackson assiste impotente alla scena e, in preda al panico, salta nel tempo, ma si ritrova bloccato nel 2007, senza più riuscire a tornare nel presente. Così decide di rivivere il passato per cambiarlo, in modo che Holly non sia più in pericolo. Tornando ancora più indietro negli anni, Jackson scopre importanti segreti su di sé e la sua famiglia: le persone che ritiene più vicine sono in realtà pericolosamente diverse da quello che sembrano... Ma non è tutto: Jackson effettua due viaggi in un futuro non meglio precisato, in cui una misteriosa bambina di nome Emily gli mostra una New York totalmente devastata, mentre Manhattan sembra galleggiare in una dimensione surreale e perfetta. Jackson sarà costretto a prendere decisioni sconvolgenti che potranno compromettere per sempre la sua vita e quella di chi ama profondamente..


Originalissima trilogia distopica, uno dei primi che ho letto e che mi ha fatto appassionare al genere, purtroppo Giunti ha pubblicato solo il primo libro nel 2013.

In un mondo alternativo, ogni persona nasce con due diverse personalità, due anime. Con il passare del tempo, in modo naturale, l'anima dominante prende il sopravvento e quella recessiva viene dimenticata, scompare come un amico immaginario che ci ha tenuto compagnia solo nell'infanzia. Il sopravvivere delle due anime dopo la pubertà è illegale e visto dalla società come un'aberrazione da correggere. Ma in Addie, nonostante i suoi sedici anni, è ancora presente Eva, la sua seconda anima ancora attiva. E' proprio Eva la voce narrante che ci fa vivere le emozioni dal suo punto di vista. Rannicchiata nella mente di Addie, Eva interagisce con l'altra parte di sé: come due vere sorelle si amano, si proteggono, ma possono diventare anche gelose l'una dell'altra. Nonostante tutti i tentativi per difendere e nascondere l'esistenza della debole Eva, il segreto di Addie viene scoperto e le due vengono rinchiuse in un agghiacciante centro per ibridi non resettati. L'unico modo per sopravvivere entrambe è una fuga impossibile.


A volte anche le duologie subiscono questo triste destino, nonostante la loro brevità. E' il caso di questa serie urban fantasy di cui la Newton Compton ha pubblicato solo il primo capitolo nel 2012.

Suo padre lo faceva prima di essere ucciso dal fantasma che stava cercando di annientare. E ora Cas, armato del misterioso pugnale athame, continua la missione: viaggia di città in città insieme alla madre, una strega, e al suo gatto fiuta-fantasmi, alla ricerca di spiriti malvagi. Quando arrivano a Thunder Bay per eliminare quella che la gente del posto chiama “Anna vestita di sangue”, Cas non si aspetta nulla di diverso dal solito. Si trova invece di fronte a una ragazzina posseduta dalla rabbia e vittima di maledizioni, uno spirito diverso da quelli che è abituato a distruggere. Indossa ancora il vestito che aveva quando fu assassinata, nel 1958. Dal giorno della sua morte, Anna uccide chiunque osi entrare nella dimora vittoriana vecchia e cadente in cui un tempo viveva. Gli spiriti delle sue vittime penetrano il legno marcio delle pareti, strisciano sul pavimento ammuffito e viscido delle cantine, senza trovare pace… Per qualche strano motivo però, Anna non uccide Cas. Anzi, si rivela l’unica in grado di aiutarlo a trovare il fantasma maligno che lo ha privato del padre. Così, insieme agli altri strani amici del giovane, streghe e stregoni in erba, formeranno una squadra disposta ad affrontare ogni pericolo. Ma Cas dovrà risolvere un problema ancora più difficile di questo: quale sarà infatti il destino di Anna?


Neal Shusterman non ha molta fortuna in Italia, infatti ben due delle serie, entrambe molto promettenti, sono state interrotte. Una è questa quadrilogia di cui la Piemme ha pubblicato solo il primo capitolo nel 2010. (Per la cronaca, l'altra serie, la trilogia di Everlost, è stata un pelo più fortunata, e si è fermata al secondo libro) 

La seconda guerra Civile, che passò alla storia come la Guerra Morale, fu un conflitto lungo e sanguinoso, combattuto negli Stati Uniti su un'unica questione: l'accettazione o meno dell'aborto. Per mettervi fine, venne approvata una serie di emendamenti nota come Legge sulla Vita, che accontentò sia lo schieramento abortista, sia quello antiabortista. La Legge stabilisce che la vita umana è intoccabile dal momento del concepimento fino a quando un bambino compie tredici anni. Fra i tredici e i diciotto, però, i genitori possono decidere di abortire in modo retroattivo a condizione che, tecnicamente, la vita dell'adolescente non finisca. A questo scopo, tutti gli organi del ragazzo verranno impiantati in persone in attesa di trapianto, le quali manterranno una memoria del donatore. Il processo tramite cui il ragazzo viene allo stesso tempo eliminato e tenuto vivo si chiama Divisione. È una pratica largamente accettata dalla società. Connor ha sedici anni, Lev tredici e Risa quindici. Tutti e tre hanno uno stesso destino: essere Divisi. Tutti e tre vogliono sfuggire a questo destino, e sono pronti a combattere.

 

7 commenti:

  1. Anna vestita di sangue l'ho acquistato l'anno scorso prima di sapere che la serie non sarebbe stata portata a termine -.-' e per questo è ancora lì che aspetta nella libreria del Kobo.

    RispondiElimina
  2. Comprendo benissimo la sensazione del "perchè no?" che ti assale quando scopri che non potrai mai leggere il seguito di una serie che ti è piaciuta... e non solo per senso di completezza estetica sulla libreria! Non conoscevo nesssuna di queste, ma l'ultima serie un pochino mi ispira! :)

    RispondiElimina
  3. è proprio un problema ultimamente. Io una volta non guardavo niente, se avevo voglia di leggere un libro lo leggevo e basta. Ora invece faccio attenzione, sono rimasta fregata tante volte. Anche se per il 2016 ci sono belle notizie, con Laini Taylor, Marissa Meyer e Sarah J.Maas di cui disperavo molto. Speriamo sia una contro/tendenza.
    Di quelle che hai segnalato tu non ne ho lette nessuna, anche se ho i libri delle prime due, speriamo anche per quelle, io non leggo in inglese

    RispondiElimina
  4. Ho letto i primi volumi delle prime tre serie e, anche se ora come ora non le continuerei, è sempre orribile quando vengono interrotte.

    RispondiElimina
  5. Ciao! Non ho letto nessuna di queste serie e visto che sono interrotte potrei dire per fortuna, ma è comunque brutto leggere di serie mai portate a termine :/

    RispondiElimina
  6. Le due serie di Shusterman è un vero peccato che siano #interrotte. (Tra l'altro c'era anche una petizione per far riprendere la traduzione della trilogia Everlost). Purtroppo le ce guardano più aò guadagno che al rispetto dei propri lettori U_U

    RispondiElimina
  7. Io grazie alle serie interrotte ho iniziato a leggere in inglese :) Perchè non è possibile che ogni volta finisce tutto sul più bello!! E' vergognoso!!

    RispondiElimina