mercoledì 16 aprile 2014

RECENSIONE: The Extraordinary Secrets of April, May and June - Robin Benway

Titolo: The Extraordinary Secrets of  April, May and June Autore: Robin Benway 
Editore: Razorbill
Pagine: 281     
Prezzo: 8,99 $  
Anno: 2010


Trama: Mentre i loro genitori stanno divorziano, le sorelle April, May e June riacquistano poteri speciali dalla loro infanzia, poteri che si rivelano molto pratici per attraversare indenni quell'inferno che è il liceo. Poteri che le aiutano a far fronte all'anno più difficile della loro vita. Ma se avessero un obbiettivo più grande? April, la più grande e la più apprensiva, può vedere il futuro. La sorella di mezzo, May, riesce letteralmente a sparire. E la piccola June sa leggere la mente di tutti, tranne la sua. Quando April ha una visione catastrofica, le ragazze si uniscono per salvare la situazione e riunire la loro famiglia. Capiscono che non importa cosa accadrà, con o senza poteri ci saranno sempre l'una per l'altra. Perchè c'è solo una cosa più forte della magia: la famiglia.

Recensione 
April, May e June sono tre sorelle come tante. Bisticciano, ridono, si prendono in giro, si rubano i vestiti, litigano, desiderano essere figlie uniche, vorrebbero uccidersi a vicenda ma non saprebbero vivere le une senza le altre. Quando i loro genitori divorziano si ritrovano a dover affrontare una nuova vita, in una nuova città, in una nuova scuola, senza amici, senza padre, senza la rete sicura dei genitori a rassicurarle. Ma poi accade l'incredibile: tutte e tre sviluppano incredibili ed inspiegabili poteri paranormali. April, la maggiore, vede il futuro, May, la mezzana, riesce a rendersi invisibile, e June, la piccola di casa, è capace di leggere il pensiero. Superato lo shock iniziale, le sorelle imparano piano piano a controllare le proprie capacità e a sfruttarle a loro vantaggio. Un giorno però April ha una visione terribile, una visione in cui appaiono sirene, ambulanze, poliziotti...e June. Per salvare la sua sorellina, April è pronta a tutto, ma scoprirà a sue spese che è impossibile cambiare ciò che è scritto nel destino..

Lo so, ho tonnellate di recensioni arretrate a cui dovrei dedicarmi, ma appena ho terminato questo libro ho capito che non avrei avuto pace fino a che non ve ne avessi parlato come merita. E' proprio il caso di dire che mi ha stregato! Ma partiamo dall'inizio! Le protagoniste di questo libro sono tre sorelle dotate di poteri paranormali. April, la maggiore, è quella intelligente. Ha sempre il naso infilato nei libri, è brillante, studiosa, la sua scrivania è sempre ingombra di libri, le sue mensole ospitano l'intera serie di Harry Potter, insomma, una secchiona un po' nerd. Con le sue sorelle tende molto a prendere il comando, un po' perchè è la più grande, un po' perchè è quella più matura e lungimirante. Il suo dono è quello di saper vedere il futuro. Le visioni le arrivano nei momenti più disparati, durante il sonno, ma anche durante il giorno, e spesso sono influenzate dalle persone che incontra. Vede il loro futuro, ma anche il suo. A volte ha visioni che riguardano il giorno dopo, altre invece un futuro lontano. May è quella ribelle. Non le interessa molto la scuola, infrange spesso le regole, è solitaria, asociale, scontrosa. E' anche un'inguaribile sognatrice. Nel tempo libero, nella solitudine della sua stanza, lavora ad un album pieno di foto di Parigi, il suo sogno. Ha la capacità di rendersi invisibile. Questo suo potere la aiuta a riflettere su sè stessa, sulla sua abitudine di isolarsi e tenere tutti lontani, perchè spesso si sente invisibile anche quando non lo è. June infine è quella carina. E' la più giovane e la più frivola. E' sempre solare e allegra, tra le sorelle è sicuramente la più socievole e amichevole. Da molta attenzione al suo aspetto, cerca a tutti i costi di essere popolare e di farsi delle amiche. Il suo potere le permette di leggere il pensiero. Trova subito il modo di sfruttarlo a suo vantaggio captando i pensieri delle sue compagne, e usando le informazioni per creare empatia con la sua favorita, o per liberarsi di quelle che invece le stanno antipatiche svelando i loro segreti. Le tre sorelle hanno un rapporto davvero molto bello. Essendo così diverse tra di loro i litigi sono all'ordine del giorno, è impossibile non sorprenderle a battibeccare su qualsiasi cosa, ma quando si parla di cose serie sono sempre pronte ad ascoltare, dare una mano, un consiglio, un aiuto. Le ho adorate tutte e tre, ma la mia preferita è decisamente April, in cui mi sono molto rivista. Si, tra nerd ci si riconosce. Il libro segue tutti e tre i loro punti di vista, un capitolo a testa, così che abbiamo la possibilità di conoscerle davvero a fondo. Grazie a questo espediente, la loro caratterizazione è particolarmente ben riuscita. Una delle cose migliori di questo libro, è il romance. Mi sono letteralmente sciolta. Da una parte abbiamo Julian, a cui all'inizio April si avvicina solo perchè lo vede nella catastrofica visione che riguarda sua sorelle June. Come non innamorarsi di una sconosciuta che si precipita da te intimandoti di stare alla larga da sua sorella? All'inizio April è piuttosto intimorita, diffidente, nonchè molto scontrosa. Pensa che sia lui il cattivo, quello che farà del male a June, così cerca di tenerlo lontano da lei. Julian si rivela fin da subito tutt'altro che cattivo. E' un adorabile sfigato. La chimica tra loro è meravigliosa e anche se April all'inizio esce con lui solo per 'tenerlo d'occhio' è innegabile che sotto sotto ne sia attratta. Non ci crede nessuno che vuole solo tenerlo d'occhio. Raccontalo a qualcun'altro. Anche perchè in una delle sue primissime visioni lui le appare come mamma l'ha fatto intento in attività particolarmente piacevoli in sua compagnia. Chiamala scema. Dall'altra parte abbiamo May e il suo tutor di Storia Europea, Henry. Il loro rapporto inizialmente è a dir poco burrascoso. Lui è una brochure universitaria ambulante: ogni suo capo di abbigliamento, forse perfino le mutande, è targato Stanford, spillette e adesivi fanno capolino un po' ovunque. E' studioso, tranquillo, un po' nerd. Ma tra una guerra d'indipendenza, qualche testa mozzata e un colpo di stato, May lo conoscerà meglio, scoprendo che sotto tutte quelle spillette, c'è il ragazzo perfetto per lei. Li ho adorati. Entrambi i rapporti si sviluppano gradualmente, partendo dal rifiuto totale, il che rende le cose più interessanti, anche se è scontato come finirà. Li ho amati, ho sospirato e riso e li ho amati. Ho già detto che li ho amati? Mentre le sue sorelle sono alle prese con l'amore, June invece cerca di farsi qualche nuova amica. Il suo obbiettivo principale è Mariah, la più popolare di tutte. Mariah è una ragazza piuttosto superficiale e sciocca, ma tutti le stanno attorno perchè è bellissima e amatissima. Forse volerla come amica fa anche di June una ragazza un po' superficiale, ma chi può biasimarla? A quell'età qualche stupidaggine per entrare nella grazia delle compagne l'abbiamo fatta un po' tutti. June però sa dov'è il limite, mentre Mariah no. Beve, salta le lezioni, fa tutto quello che vuole. E' fidanzata con Blake, che le mette le corna ogni volta che si distrae, per questo fa anche un po' pena. Un'altra cosa che dovete sapere su Mariah è che è sorella di Henry, l'adorabile Henry di May. Geneticamente incomprensibile. L'unico personaggio che non sono riuscita ad inquadrare bene è Avery, una ragazza che frequenta la loro scuola in cui si imbattono di continuo: a scuola, per strada, nel negozio di elettronica dove lavora, alle feste, sembra essere ovunque. Avrà un ruolo nella catena di eventi che porterà al finale, ma in realtà non viene mai puntata l'attenzione su di lei. La storia è costruita in modo intrigante, non c'è mai un attimo di noia e la narrazione e caratterizzata da un'irresistibile ironia. Nella prima parte vediamo le ragazze alle prese con i loro nuovi poteri: cercano di controllarli, ma anche di capire cosa farne e perchè è capitato proprio a loro. La seconda parte invece è tutta incentrata sulla catastrofica visione di April, che cerca in tutti i modi di tenere al sicuro June con l'aiuto di May. Mi è piaciuto tutto. Mi sono piaciuti i personaggi, la storia, gli intrecci amorosi, i colpi di scena, il finale. Ho riso e pianto, ho sghignazzato e sorriso, mi sono sciolta, mi sono emozionata, mi sono esaltata, ho fangirleggiato e alla fine ho chiuso il libro soddisfatta come capita raramente. Cos'altro vi devo dire? Leggetelo e amatelo.                  Valutazione: Imperdibile! 

"Siamo state derubate! Oh mio dio chiamate la polizia! Controllate se hanno preso qualcosa dalla mia stanza!" Mi voltai immediatamente e guardai nella mia stanza per essere sicura che nessuno avesse rubato i miei libri di Harry Potter.

8 commenti:

  1. Aaah aspettavo questa recensione con ansia! *-*
    Che dire? Questo libro sembra adorabile. E poi mi ricorda tanto Streghe :') E' già mio!

    RispondiElimina
  2. Mai sentito nominare prima...ma adesso voglio assolutamente leggerlo! :D

    RispondiElimina
  3. Mmm sai che sono indecisa? Da un lato mi sembra carina la trama e mi fido abbastanza visto che ne parli bene, dall'altro boh, mi sembra fin troppo la solita storia °__° o no? Consigliami U_U

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. (Ho appena realizzato che è la stessa autrice di Also Known as, che agogno da pazzi.. XD *Vuole ancora di più!*)

      Elimina
  5. Devo assolutamente iniziare a leggere in lingua, mi perdo troppi libri! D:

    RispondiElimina
  6. ho conosciuto il libro grazie a te, e adesso per merito della tua recensione mi è venuta una voglia incredibile di leggerlo!^^ penso proprio che mi cimenterò in questa lettura, anche se in inglese, il prima possibile

    RispondiElimina
  7. April che controlla subito se le hanno rubato gli Harry Potter, già l'adoro :3
    Quoto Mel, ricordano Streghe anche a me e non può essere che un bene :D
    Bellissima recensione Vanessa <3 sai come convincerci *w*

    RispondiElimina