giovedì 16 maggio 2013

Dal libro al film #6: La Gabbianella e il Gatto

Oggi ho scelto un film meraviglioso che mi fa piangere ogni volta che lo vedo: La Gabbianella e il gatto! Tratto dal poetico libro di Luis Sepúlveda, questa è una storia che grandi e piccini possono apprezzare!

Titolo: La Gabbianella e il Gatto
Regista: Enzo D'Alò
Anno: 1998 
Prodotto da:  Lanterna Magica 
Durata: 76 min   
Budget: 5 milioni di euro  
Incasso totale: 6 milioni di euro
Cast:  Carlo Verdone, Luis Sepúlveda, Domitilla D'Amico 
Tratto da: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepúlveda
 

Trama: Kengah, una gabbiana avvelenata da una macchia di petrolio, riesce ad affidare in punto di morte il proprio uovo al gatto Zorba, strappandogli tre promesse: quelle di non mangiare l'uovo, di averne cura finché non si schiuderà e di insegnare a volare al nascituro. La gabbianella orfana viene battezzata Fortunata dalla comunità dei gatti, e coinvolta da Zorba nel compito difficile di allevare questa inattesa 'figlia'. La piccola Fortunata si trova di fronte uno strano compito: quello di imparare a conoscersi e capire di non essere un gatto, prima di imparare a volare. E intanto, al fianco degli amici felini, si trova a dovere fronteggiare il pericolo rappresentato dai ratti che aspettano l'occasione per uscire dalle fogne, prendere il potere e proclamare l'avvento del Grande Topo. Dopo molte difficoltà e imprevisti, l'agguato dei roditori viene respinto. Ora la gabbianella può imparare a volare e, finalmente, ricongiungersi in aria con i suoi veri compagni.

Dal libro al film: similitudini e differenze
Oggi ho scelto un film che sicuramente tutti conoscerete e che è uno dei miei preferiti. Da bambina l'avrò visto centinaia di volte, ed è sempre un piacere riguardarlo. In realtà il film è davvero molto fedele al libro e a volte riporta addirittura le stesse battute e le stesse parole. La gabbiana Kengah, travolta dalla marea nera, sta per morire, ma con le ultime forze si trascina sulla terraferma e depone un uovo. Un gattone nero l'assiste e le promette di crescere il piccolo e di insegnargli a volare. Zorba con i suoi amici gatti cerca di fare del suo meglio, ma i problemi non sono pochi. Fortunata, la gabbianella, è convinta di essere un gatto e quando  capisce che non è così scappa. Il vero problema sono i topi, che vogliono liberarsi dei gatti e conquistare il mondo. Per ottenere questo decidono di rapire la gabbiana per attirarli in trappola. Una volta sedata la rivolta dei topi, rimane però un ultimo problema: insegnare alla piccola a volare. Le differenze tra libro e film sono poche e si tratta per lo più di dettagli. Tanto per dirne qualcuna: nel film Zorba abita con una signora anziana, mentre nel libro appartiene ad una famiglia con tre bambini, nel film appare un gattino cucciolo di nome Pallino,mentre nel libro il suo ruolo è coperto da una scimmia, nel film ci sono alcuni topi che prendono in giro Zorba e che cercano di mangiarsi Fortunata, mentre nel libro sono due gatti boriosi. La differenza più grande comunque è il ruolo dei topi nella storia: nel film loro sono i cattivi che vogliono conquistare il mondo e i gatti si impegnano in una dura lotta per fermarli, nel libro invece sono piuttosto marginali e danno solo qualche grana di tanto in tanto. Di fatto nel libro si parla soprattutto di Fortunata e della sua crescita, mentre il film, oltre a questo, da molto spazio anche alla minaccia dei topi. Tra i doppiatori ci sono una serie di nomi noti: nei panni del gatto Zorba troviamo il simpatico Carlo Verdone, uno dei topi è doppiato da Roberto Ciufoli, indimenticabile componente della Premiata Teleditta che ci ha fatto tanto ridere durante i la prima metà degli anni 2000 e il poeta è doppiato da Luis Sepulveda in persona, con il suo inconfondibile accetto. La storia è semplice, ma comunica alcuni bellissimi messaggi: insegna ad amare anche chi è diverso da noi e lancia anche un importanto monito ambientalista verso il problema delle petroliere che ogni anno uccidono milioni di uccelli, tartarughe, lontre, foche, un problema che purtroppo nei quasi 20 anni trascorsi dalla pubblicazione del libro non è molto migliorato e che ha bisogno di essere più discusso. Un libro e un film ancora attuali che possono sensibilizzare i bambini, ma anche i più grandi, nei confronti di problemi di così tragico impatto per la natura. Un film commovente, dolce e poetico.

Curiosità 
- Il regista del film Enzo D'Alò ha diretto anche Momo alla conquista del tempo e Pinocchio
- Il brano principale della colonna sonora, So volare, è stato scritto e interpretato da Ivana Spagna, che canta anche la canzone iniziale Canto di Kengah
- Gli altri brani della colonna sonora sono interpretati da Leda Battisti, Samuele Bersani, Gaetano Curreri e Antonio Albanese.
- Il film incassò oltre 12 miliardi di lire ed è tutt'oggi il film più famoso del regista.
- Con 10 miliardi di lire di budget, è stato il film d'animazione italiano più costoso
- Si dice che i disegnatori abbiano usato ben 2 tir di matite per realizzare i disegni per il film
- Nell'anno di uscita del film solo 15 film su 156 italiani in programmazione hanno superato 1 milione di euro (2 miliardi di lire dell'epoca), tra questi c'è La Gabbianella e il Gatto, piazzato appena dietro il celebre La vita è bella di Benigni

E' vero che i gatti mangiano gli uccelli,fa parte della loro natura, ma noi non potremmo mai mangiare te,perchè ti vogliamo bene, e ti vogliamo di bene ancora di più proprio perchè sei diversa da noi

3 commenti:

  1. Quando ero piccola ADORAVO La gabbianella e il gatto. Ne andavo letteralmente pazza, con tutti quei gattoni!! E ogni volta che arrivavo alla fine, piangevo irrimediabilmente. Il libro non l'ho mai letto ma ogni volta che entro in libreria e lo vedo lì mi fa venire i lacrimoni. *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il libro è molto commovente, ma il film di più però ç_ç Quante lacrime! Ieri solo cercando un video da includere nel post ho piano un sacco per alcune scene che mi sono finite sotto gli occhi T.T

      Elimina
  2. Adoro questa storia *-* è così dolce e triste e bella!!! Consigliatissima a tutti ^-^

    RispondiElimina