martedì 16 gennaio 2018

Il meglio e il peggio del mio 2017

Ciao a tutti e buon anno! Avete iniziato bene il 2018? Ultimamente sono un po' sparita, lo so, ma non temete, niente di grave. Solo tanti pensieri e la testa un po' scollegata. Il 2017 è stato un anno strano e apatico. Ho avuto momenti belli, pieni di ottimismo, in cui ero carica come una molla, e altri, troppi, in cui mi sono lasciata scorrere le giornate addosso chiusa a riccio e preda della mia stessa tristezza. Se riguardo indietro e penso all'anno trascorso vedo tante belle cose: tre fiere letterarie, una divertentissima trasferta a Torino insieme alle colleghe blogger, incontri con gli autori, amicizie, un viaggio a Londra che è stato un sogno, tanti eventi a tema Harry Potter, la mia divisa da Corvonero finalmente realizzata.. Ma fuori dal mondo dei libri non è stato uno dei miei anni migliori per molti aspetti. Ma anno nuovo, vita nuova, si dice così vero? Quindi al lavoro! Nei prossimi giorni vi parlerò anche del mio progetto dello scorso anno 101 things to do in 365 days, a cui ho deciso di apportare qualche modifica e di ampliarlo a 1001 days come l'idea originale ;)


Come tradizione, con la fine dell'anno si fanno bilanci e io ho preparato un bel recap con le letture migliori e peggiori. Non ho letto quanto avrei voluto e ho beccato più ciofeche del solito, ma ho letto anche tanti tanti bei libri, quindi posso ritenermi soddisfatta. A voi come è andata? :)

Libri letti nel 2017: 74 (21.728 pagine)
Riletture: 11
Media delle valutazioni: 3 stelline e mezzo

 IL MEGLIO DEL 2017
Serie che proseguono, serie che iniziano, serie che finiscono. Anche quest'anno le serie, fantasy, ma non solo, mi hanno accompagnato dandomi grandi soddisfazioni, tanto che ben otto libri su dodici appartengono a questa categoria. Non mancano Rick Riordan e Marissa Meyer, ovviamente, e a fargli compagnia ci sono due autori scoperti l'anno scorso che si sono riconfermati con mia grande gioia, ovvero Joshua Khan e Ryan Graudin. Un quartetto che mi ha causato non poche lacrime. Una bella riconferma anche da Veronica Roth, anche se non ero sicurissima di inserirla tra i miei preferiti in assoluto. É stata una dura lotta. Due nuove serie che mi hanno rapito il cuore e che devo proseguire al più presto (subito! ora!) sono l'incredibile The Midnight Sea di Kat Ross e Neve come cenere di Sara Raasch. Una folgorazione. Le migliori scoperte dell'anno! L'unica serie non fantasy ad apparire tra i miei preferiti del 2017 è quella dedicata alla ghost writer Vani di Alice Basso! Dopo averne sentito tanto parlare sono caduta anche io nella sua rete e ne sono felice! 
Ho letto anche tanti autoconclusivi tra cui ho voluto premiare quattro libri che considero delle perle di superba bellezza. Una cosa che questi quattro libri hanno in comune sono le lacrime che mi hanno fatto versare. Parlano di cose diverse, appartengono a generi diversi, ma mi hanno fatto tutti piangere, mi hanno emozionato moltissimo. Ormai libri del genere sono sempre meno. A parte l'italiano Antonio Polosa, che già conoscevo per la serie Gheler l'esploratore e ho apprezzato anche con Derioma, un libro stranissimo che attraversa molti generi di letteratura fantastica con una storia intricata quanto appassionante, gli altri autori sono stati tutte nuove scoperte, di cui continuerò senza dubbio a seguire i lavori. Emily Henry con il suo Tutto l'amore che mi manca mi ha distrutto il cuore: una storia complessa e un amore oltre il tempo e lo spazio. Eliza and her monsters di Francesca Zappia (che dovrebbe uscire anche da noi quest'anno) ha tirato fuori la fangirl che c'è in me, raccontando una dolcissima storia ambientata nel mondo dei forum, i fandom, il disegno, dove la passione è al centro di tutto. Infine Krystal Sutherland mi ha sorpreso, dando vita ad uno young adult dolceamaro che vale davvero la pena di leggere. 
 
IL PEGGIO DEL 2017
Per una bizzarra coincidenza  tutti i libri che ho selezionato hanno almeno un tocco di fucsia in copertina, nonostante i generi e le case editrici diverse, quindi credo che il messaggio sia: diffidate del fucsia lol Quest'anno purtroppo ho beccato diversi young adult molto deludenti, capeggiati da Paper Princess, uno dei libri più discussi dell'anno, che si guadagna sicuramente il titolo di più brutto in assoluto. Ancora mi vengono i brividi. Credo che sia addirittura uno dei più brutti di sempre. Più che brutto sarebbe giusto dire senza senso e sbagliato. Non riesco a concepirlo neppure come perla trash. Anche il mio primo incontro con Jen Klein e Dana Reinhardt non è stato dei migliori, anche se non pessimo come quello con la stella di Wattpad Lindsey Summers. Ma anche lontano dal mondo young adult mi sono imbattuta in alcune cocenti delusioni. Le più terribili? Sicuramente Aspettami fino all'ultima pagina di Sofia Rhei, una bellissima copertina sprecata e una premessa interessante maltrattata, e Ti chiamo sul fisso, con una Rainbow Rowell ormai scarica e lontana dai suoi primi adorabili lavori. Una noia abissale. Tanta noia anche con Madame Claudel è in mare di guai, di cui ancora mi irrita questo titolo italiano totalmente ingannatore che fa pensare ad un divertente libro su una nonnina combina guai per poi propinarci tutt'altro. E poi è brutto dirlo, visto che parlava di una storia molto triste, ma penso che Cose che non voglio dimenticare sia stata una lettura davvero tremenda. L'autrice è stata in grado di farmi odiare la sua protagonista a tal punto che neppure il fatto che fosse malata è riuscito a smuovermi. Bonus extra: Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer. Non l'ho inserito perchè probabilmente è una lettura talmente lontana da ciò che leggo di solito che sarebbe stato fuori luogo, ma... boh. Non ci ho trovato un senso. Forse sono io che non l'ho capito, non lo escludo.
Che ne dite? Siete d'accordo? Avete amato libri che io ho odiato o viceversa? Fatemelo sapere! Ora non mi resta che augurarvi un 2018 pieno di libri bellissimi e senza ciofeche ;)

5 commenti:

  1. Ciao! Io devo assolutamente proseguire con le serie di Riordan, purtroppo mi sono fermata alla prima con Percy Jackson :/ spero di riuscirci nel 2018!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un ottimo proposito per il 2018! Ti assicuro che migliora sempre di più, infatti la mia preferita è la seconda serie, Eroi dell'Olimpo :) Non è per niente una di quelle serie lunghe che perde slancio, è sempre più sorprendente!

      Elimina
  2. Paper Princess stavo per nominarlo come lettura peggiore dell'anno, poi ho letto Il karma dell'amore inaspettato e niente, gli ha soffiato il posto xD

    RispondiElimina
  3. La saga della Meyer e quella della Basso vorrei iniziarle, mi fa piacere vedere che le hai apprezzate! Invece Aspettami fino all'ultima pagina sembrava promettere bene, peccato non abbia sfruttato il suo potenziale 😕

    RispondiElimina
  4. "Madame Claudel è in mare di guai" mi incuriosiva molto, peccato si sia rivelato così deludente.

    RispondiElimina