lunedì 15 maggio 2017

Shadow Magic Week | Day #1 ~ Benvenuti a Geenna

Ciao a tutti! Vi ricordate di Shadow Magic di Joshua Khan? L'anno scorso l'avevo amato alla follia e ve ne avevo parlato fino allo sfinimento! Primo capitolo di una nuova ed emozionante serie fantasy middle grade targata De Agostini, questo bellissimo libro si era aggiudicato ben cinque stelline, finendo nella mia top 10 dei migliori libri del 2016! Ho aspettato l'uscita del suo seguito dall'istante in cui ho chiuso il libro e finalmente quel momento è arrivato! Dream Magic sarà in libreria a partire dal 16 maggio! Siete pronti? Io sono carichissima e non vedo l'ora di divorarlo! Sono sicura che le mie aspettative non saranno deluse! Ma, visto che non mi piace fangirleggiare da sola, ho deciso di dedicare tutta la settimana a questa meravigliosa serie, nella speranza di reclutare nuovi adepti. In questi sette giorni vi parlerò di tutto ciò che ho amato del mondo creato da Joshua Khan! Iniziamo dalle basi, con la presentazione del fantastico worldbuilding della serie, una delle cose che più mi ha colpito.  
Shadow Magic è ambientato in un mondo molto vasto che comprende i Nuovi Regni e le Grandi Case della magia. Mentre i primi per noi rimangono territorio inesplorato (per ora) scopriamo invece parecchio sulle Grandi Case, sei regni fondati secoli or sono da altrettanti principi fratelli. I Sei Principi sono stati anche i primi maghi della storia, i più potenti. I loro poteri sono stati trasmessi generazione dopo generazione ai loro discendenti in linea patriarcale, ma nel corso del tempo si sono indeboliti sempre di più. I poteri di ogni famiglia sono fortemente influenzati da un elemento. C'è la Casa Shadow di Geenna, i cui sovrani traggono forza dalle tenebre, dalla morte, dal buio, con armate di fantasmi e zombie. C'è la Casa Solar di Lumina, i loro più temibili avversari, il cui potere deriva dalla luce, dal sole. E poi la Casa Geniis, domatori di fiamme, la Casa Corallo, padroni del mare, la Casa Tifon, signori del vento e la Casa Cernunnos, dominatori della terra. Come non rimanere affascinati? Non vedo l'ora di conoscere meglio questi regni!
 
«Chi sono quelli?» Mentre la luce delle candele svelava nuove parti della biblioteca, si resero conto improvvisamente che si trovavano al centro di un cerchio di statue.
Non statue qualunque, ma titaniche divinità di pietra, ciascuna alta più di due metri.
K’leef le osservava pieno di soggezione. «I Sei Principi.»
Gli antichi fondatori delle sei Grandi Case della magia, i primi maghi che il mondo avesse mai conosciuto, e i più potenti.
«Io… io non ho mai visto niente del genere» sussurrò Thorn. «Sono i tuoi antenati?»
Lily annuì. «E anche di K’leef. E di Gabriel.»
«Abbiamo ereditato i poteri magici da loro» aggiunse K’leef.
«È vero che erano fratelli?» chiese Thorn. «Figli di un re barbaro e di un’elfa?»
«Non era un’elfa. Era figlia di un principe dei demoni» disse Lily.
«Vi sbagliate entrambi» la interruppe K’leef. «Era uno spirito del deserto. Era stata intrappolata in una bottiglia e, quando lui la liberò, lei se ne innamorò. E trasmise la magia ai suoi tre figli. È questa la vera storia.»
«E scommetto che la Casa Corallo giurerà che era una sirena.» Lily si strinse nelle spalle. «Elfa, demone, o spirito, significa solo che veniva dall’Altromondo, un posto di pura magia.»

Nel primo libro l'azione è tutta a Geenna, il regno governato dagli Shadow, di cui Lily, la protagonista, è l'ultima discendente. Al centro del regno sorge Castel Cupo, la fortezza della famiglia reale. Intorno ad esso si stagliano pianure nebbiose, montagne maestose, piccoli villaggi, fortezze minacciose, boschi, laghi e fiumi che si allungano fino a raggiungere il porto e il mare. E non dimentichiamo La collina dei Lamenti, l'adorabile campo dedicato alle esecuzioni dei condannati a morte, e La città del Silenzio, il cimitero di famiglia, più grande dello stesso Castel Cupo. La meta ideale per una vacanza!

"Geenna. Un Paese di foreste avvolte nella foschia e di montagne rocciose, dove non brillava mai il sole e i morti camminavano." 
"Geenna non era ricca. Aveva montagne scoscese le cui cime si perdevano nella nebbia in ogni periodo dell’anno, ed estati brevi. Il terreno era duro e sassoso, troppo povero per l’agricoltura, e la popolazione era scarsa e sparpagliata. Il suo potere non si era mai fondato sugli eserciti o sulla ricchezza. Il suo potere stava nella magia. Iblis Shadow, il padre di Lily, era stato un grande mago e la sua magia aveva protetto i confini del regno.
Ma lui era morto, lasciando il Paese quasi completamente indifeso."

Tim Burton comprerebbe subito un'allegra casetta da queste parti, ne sono sicura! Nei prossimi libri ci sarà ancora molto da esplorare e non vedo l'ora di conoscere più a fondo questo incredibile mondo!

2 commenti:

  1. Non vedo l'ora di conoscere anche il resto di questo magico mondo!
    Certo amando Lily ho molto apprezzato il suo regno ma devo dire che se dovessi poter scegliere andrei a vivere in un posto un po' più assolato xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che non è proprio il massimo dell'allegria ahaha Però ha il suo fascino oscuro :)

      Elimina