domenica 23 aprile 2017

Clock Rewinders #116 // Marzo

Ciao a tutti! Lo so, ormai aprile è quasi finito e io sto ancora qui a preparare il recap di marzo, ma meglio tardi che mai no? :P Come al solito trovate tutti i post del mese, se vi siete persi qualcosa, e tutte le mie letture! Da questo mese niente più angolo delle novità, ma trovate tutte quelle più succulente sulla pagina facebook, seguitemi! *w* E ora date un'occhiata a cosa ho combinato in marzo ;)

I post del mese
- Top Ten Tuesday: #9, #10, #11
- Cover Details: mantelli, armi, orologi
- Chi ben comincia: Passenger di Alexandra Bracken.
- I sogni son desideri: #39.
- Cover Battle: L'universo nei tuoi occhi.
- Italians do it BETTER: #11, #12

Giveaway: Commenta e vinci 'FLOWER' di Elizabeth Craft e Shea Olsen, Commenta e vinci 'REMEBER' di Ashley Royer 


La foto del mese
 
Le mie letture 
Ho adorato Wonder di R.J. Palacio, quindi non potevo non leggere le adorabili novelle che sono uscite in seguito. Il libro di Julian segue il punto di vista del 'cattivo' della storia, il bulletto Julian. L'ho apprezzato molto perchè ha approfondito questo personaggio, che in fondo non è cattivo. E' solo un bambino insicuro. Mi è piaciuto soprattutto il personaggio della nonna. Quattro stelline. Il libro di Christopher invece mi ha annoiato un po'. Christopher è un caro amico di Auggie che si è trasferito, quindi vive tutta la vicenda da lontano. E' comunque una bella riflessione sull'amicizia. Tre stelline

''La cosa buona della vita è che qualche volta possiamo sistemare i nostri errori. Impariamo da loro. Miglioriamo.''
Il libro di Julian, R.J. Palacio

''Quando dei buoni amici hanno bisogno di noi, facciamo quello che possiamo per aiutarli, giusto? Non possiamo essere amici sono quando è conveniente. Le buone amicizie valgono un po' di impegno in più.''
Il libro di Christopher, R.J. Palacio 

Per l'angolo dei viaggi temporali oggi vi parlo di due libri molto carini! A Week of Mondays di Jessica Brody è una dolce commedia in cui la protagonista rimane incastrata in un loop temporale. Non importa cosa faccia, alla fine viene sempre scaricata dal suo ragazzo alla fine di quel maledetto lunedì. Niente di particolarmente originale, ma carino e romantico. Tre stelline e mezza. Rilettura per Tempest di Julie Cross, primo capitolo di una serie con protagonista un ragazzo capace di viaggiare nel tempo. Mi era piaciuto la prima volta e si è riconfermato. Ora sono pronta per proseguire (purtroppo in lingua, visto che da noi è interrotta). Quattro stelline.

''La verità è che non siamo mai una cosa sola. Abbiamo molti titoli e molte etichette, ma troppo spesso finiamo intrappolati dentro un'unica definizione. Il cocco del professore, l'impeccabile, la cheerleader, l'atleta, la principessa, il campione di basket, il criminale... la fidanzata della rock star. Sia che siamo noi a scrivere quella definizione o che ce la diano gli altro, in qualche modo diventa la nostra unica identità. Ci perdiamo a tal punto che dimentichiamo tutti i pezzi che ci rendono chi siamo.''
A Week of Mondays, Jessica Brody 

''Abbiamo riso di nuovo e siamo andati avanti così tutta la notte. Holly era seduta al bancone della cucina, ad ascoltare le mie battute, mentre io preparavo delle uova strapazzate. Era bellissima, avvolta nel mio accappatoio blu, con i capelli bagnati e le guance ancora rosse. Ora che ci ripensavo, avrei potuto prolungare quel momento per settimane ed essere felicissimo. Forse anche per mesi. Niente è andato per il verso giusto. Eppure è stato perfetto..''
Tempest, Julie Cross 

Due riletture che volevo fare da tempo! Ogni giorno di David Levithan è un libro strano, con un protagonista senza una vera identità, che si sveglia ogni mattina in un corpo diverso. La prima volta il finale mi aveva lasciato l'amaro in bocca perchè lo credevo autoconclusivo, ma ora sapendo che fa parte di una trilogia è tutta un'altra cosa. Veramente particolare. Quattro stelline. Deathdate di Lance Rubin l'ho riletto in vista dell'uscita del seguito e mi è piaciuto come la prima volta. Una storia originale, divertente e super appassionante! E se tutti sapessimo la data della nostra morte? Che ansia! Cinque stelline

''Ecco ciò che fa l’amore: fa venir voglia di riscrivere il mondo. Fa venir voglia di scegliere i personaggi, costruire la scenografia, guidare la trama.  La persona che ami è seduta di fronte a te, e tu vuoi fare tutto ciò che è in tuo potere perché quell’attimo duri in eterno. Quando siete voi due soli in una stanza, puoi fingere che non cambierà mai, e che andrà avanti così per sempre.''
Ogni giorno, David Levithan 

''Sono Denton Little, il ragazzo che morirà all'ultimo anno di liceo. Sono sempre stato quel ragazzo.''
Deathdate, Lance Rubin 

E' la volta di una dolcissima antologia inedita in Italia, Silver Screen Kisses, una raccolta di cinque racconti scritti da altrettante autrici. La cosa carina di questa raccolta è che ogni racconto è ispirato ad un film romantico, come Il matrimonio del mio migliore amico e C'è posta per te, ma sono tutti ambientati nella stessa cittadina, con un divertente crossover tra i personaggi. Adorabile! Quattro stelline. Adorabile è la parola giusta per descrivere anche Sogni di carta di Melania D'Alessandro, una bellissima favola che ha per protagonisti Archimede e il suo topolino Gulliver, che gestiscono insieme la libreria Sogni di carta, un posto magico e speciale. Quattro stelline.

"Sono sicura che questo non fosse sulla tua lista di preferente su come terminare la serata''  “Sedere con te sul divano era sulla mia lista, ma in quello scenario erano compresi dei baci.”
Silver Screen Kisses, Janette Rallison 

''E chi riforniva la strana libreria di tutti i suoi unici e in-sostituibili tomi? Non ci crederete, ma nessun furgone giungeva davanti al negozio, non ce n’era bisogno: quasi ogni mattina Archimede si recava nel piccolo ripostiglio sul retro, apriva la porta di legno verniciata di bianco del bugigattolo e trovava sul pavimento una pila di volumi pronti per essere sistemati sugli scaffali. Archimede aveva imparato a non farsi troppe domande riguardo la libreria, d’altronde il nonno gli aveva detto che era un luogo speciale, prima di affidargliela, e lui sapeva che quando si trattava di libri niente era da considerarsi impossibile."
Sogni di carta, Melania D'Alessandro 

Chiude la carrellata Sanspell di Elizabeth Pulford, primo capitolo della trilogia Bloodtree Chronicles. Carino, ma un po' confuso. Sia perchè i punti di vista sono molti e non è immediato capire chi stia parlando, sia perchè la storia è ambientata tra un mondo reale e un mondo inventato il cui confine non è chiaro, una sorta di storia nella storia. E prima che qualcuno si decida a dare qualche spiegazione passa parecchio tempo. Spero che proseguendo le cose saranno un po' più chiare. Ha un buon potenziale Tre stelline.   

''Nella nostra famiglia'' disse Tuesday ''ci sono sette sorelle. Ogni sorella ha un talento speciale. Tre hanno un'impetuosa immaginazione: January, June e July. Loro lavorano con le parole. Tre hanno meravigliose visioni: Monday, Tuesday e Sunday. Loro creano le immagini. Mentre la più giovane, Eve, la più amata delle sorelle, tesse gli incantesimi nelle storie.'' Sanspell, Elizabeth Pulford

Nessun commento:

Posta un commento