lunedì 6 marzo 2017

Novità della settimana (6/12marzo)

Ciao a tutti! Se mi seguite su facebook sapete che sono ammalata e per questo ho un po' latitato questa settimana. Mi sono beccata una bella bronchite con i fiocchi, giusto in tempo per il compleanno! Non è una cosa meravigliosa? *modalità sarcasmo attivata* La cosa positiva è che rispetto agli ultimi giorni ora sto un po' meglio. Ma la tosse è davvero pesante e mi tiene sveglia la notte. Sigh. Spero passi presto. Comunque, torniamo a noi! Novità! Settimana tranquilla, ma interessante. C'è qualcosa che vorreste leggere? :)

Titolo: Il romanzo perfetto della mia vita sbagliata         
Autore: Melanie Sumner    
Editore: Mondadori          
Prezzo: 16 Euro         
Data d'uscita: 7 Marzo 2017

Trama: Aristotele, detta "Aris", ha dodici anni e mezzo e un progetto ambizioso: scrivere in trenta giorni il romanzo che la farà entrare nella storia della letteratura e tirerà la sua famiglia fuori dai guai. Non è una sfida da poco, ma a solleticare la sua ispirazione c'è un cast di personaggi perfetti e in carne e ossa: Max, fratellino strampalato e dai molti talenti, e Diane, mamma single pericolosamente attratta dalla disoccupazione, determinata a battersi per mille nobili cause, ma non per la ricerca dj un compagno. Eppure, Aris lo sa, il candidato perfetto è lì davanti ai suoi occhi: Penn, amico di famiglia, tata tuttofare e, soprattutto, insostituibile IMP, "Influenza Maschile Positiva". E cosa c'è di meglio di un romanzo d'amore? Ma quando si scontra con un aspetto inquietante della sua storia familiare, sepolto da tempo tra le pagine sgualcite di un diario, Aris capisce che il lieto fine non è scontato, proprio come nei migliori romanzi. Una storia piena di ironia, che ci insegna a sorridere di ogni cosa.

Titolo: La gabbia dei fiori        
Autore: Anosh Irani     
Editore: Piemme         
Prezzo: 18,50 Euro       
Data d'uscita: 7 Marzo 2017

Trama: Madhu ha avuto molti nomi, molte identità, ma nessuna è mai riuscita a definirla davvero. Nata maschio, da sempre con l'anima di una donna, Madhu è una hijra – appartiene al terzo sesso, né maschio, né femmina. Di certo è lei il cuore pulsante di Kamathipura, l'infernale distretto a luci rosse di Bombay, anche adesso che ha quarant'anni e, come tutte le hijra, ha smesso di prostituirsi e vive di espedienti, con un posto di riguardo nella grande famiglia che sono i bordelli del quartiere. I bordelli ai quali ha dato tutta se stessa, con generosità, avidità e calore. E poi, un giorno, arriva Kinjal, una bambina di dieci anni, venduta a tradimento da una zia. Una bambina che va preparata al destino che l'aspetta, e verrà affidata proprio a Madhu. Ma accingendosi al devastante compito che le spetta, forse per la prima volta Madhu si ritroverà incapace di controllare le proprie emozioni, abbandonandosi ai ricordi di una vita troppo a lungo sospesa tra due estremi, tra l'orrore e l'innocenza, tra gli abusi e l'amore, tra lo squallore e la bellezza. Rischiando di perdere il fragile equilibrio che l'ha tenuta per anni al di qua del male, come una funambola, Madhu farà di tutto per salvare l'infanzia di Kinjal, tenendola al sicuro come sotto una houle de neige, insegnandole l'amicizia, il sorriso, e la capacità di vedere il bello, sempre. Dopo sei anni da "II bambino con i petali in tasca", Anosh Irani torna con un romanzo incandescente, che tocca temi fortissimi, eppure lo fa con leggerezza, e perfino ironia, rendendo ancor più toccante l'indimenticabile storia che ci racconta.

Titolo: Lo sguardo di Odo        
Autore: Yann Martel     
Editore: Frassinelli         
Prezzo: 17 Euro      
Data d'uscita: 7 Marzo 2017

Trama: Lisbona, 1904: Tomas, un giovane uomo sconvolto dal dolore per la scomparsa della moglie e del figlio, legge su un vecchio diario la notizia di uno straordinario manufatto che, se scoperto, porterebbe a ridefinire la storia dell'uomo, e a ripensare il nostro rapporto con la natura e con il divino. E si mette a cercarlo. Trentacinque anni dopo, un patologo portoghese, appassionatissimo lettore dei gialli di Agatha Christie, si trova a vivere una notte surreale, in cui è costretto a fare i conti con i momenti più difficili della sua vita, momenti che scopriremo essere direttamente connessi, in modo tragico e beffardo, alla ricerca di Tomàs. Cinquanta anni più tardi, un senatore canadese, per sfuggire al dolore del ricordo della moglie morta, si rifugia in un piccolo paese nella regione delle Alte Montagne del Portogallo, dove però si presenta con uno strano compagno, uno scimpanzé. E sarà a questo punto che la ricerca iniziata da Tomàs quasi un secolo prima troverà la sua inaspettata conclusione.

Titolo: La biblioteca segreta di Timbuctù        
Autore: Joshua Hammer     
Editore: Rizzoli         
Prezzo: 19 Euro        
Data d'uscita: 9 Marzo 2017

Trama: Quando nel 1826 l’esploratore Alexander Gordon Laing arrivò a Timbuctù, primo europeo a mettervi piede, scoprì che la capitale del Mali era da secoli il cuore intellettuale dell’Africa subsahariana, un luogo di straordinaria ricchezza culturale nel quale era fiorito un tesoro inestimabile di testi religiosi, di algebra, fisica, medicina, giurisprudenza, botanica, geografia, astronomia, persino di educazione sessuale. Testi preziosi anche perché vergati con varietà di stili calligrafici, di inchiostri e colori. È questo immenso patrimonio di manoscritti – recuperati rocambolescamente in tutta l’Africa da Abdel Kader Haidara, archivista e bibliotecario – che improvvisamente, nel 2012, si ritrova minacciato dall’avanzata della jihad. I fondamentalisti prendono Timbuctù, impongono la Sharia, distruggono le vestigia degli antichi templi e diventa chiaro che anche i manoscritti saranno dati alle fiamme. Per salvarli Abdel Kader recluta un manipolo di coraggiosi bibliofili e organizza un’incredibile operazione alla Monuments Men: oltre 350.000 manoscritti vengono nascosti in casse e bauli, portati al sicuro su carretti trainati da muli, contrabbandati oltre i posti di blocco. E quando a Timbuctù arrivano i militari francesi, nel gennaio 2013, la gran parte del tesoro è in salvo. La biblioteca segreta di Timbuctù è una straordinaria storia vera, che si legge come un romanzo e che afferma il valore della cultura come unico baluardo possibile contro la barbarie del fondamentalismo.  

Titolo: Consigli pratici per uccidere mia suocera       
Autore: Giulio Perrone     
Editore: Rizzoli         
Prezzo: 18 Euro        
Data d'uscita: 9 Marzo 2017

Trama: Leo era sposato con Marta - seducente, comprensiva, i piedi ben piantati per terra - e con lei aveva un sogno, aprire una libreria. Poi ha conosciuto Annalisa - tenerissima, vitale, lo sguardo sempre rivolto al futuro - e ha mandato all'aria il suo matrimonio, iniziando con lei una nuova vita che sembrava finalmente appagarlo. Ma mettere radici non è il suo forte, tantomeno fare scelte definitive e impegnarsi troppo a lungo in qualcosa. Lo sa chiaramente, eppure non riesce a essere diverso. Così ha sentito Marta al telefono, si sono rivisti, hanno fatto l'amore, e adesso Leo si ritrova nella paradossale situazione di avere come amante... la propria ex moglie. Dividersi tra due donne che ti vogliono per sé e che si odiano può essere eccitante, all'inizio, ma alla lunga diventa una discesa infernale tra bugie, scuse improbabili, sensi di colpa e la consapevolezza di stare rimandando, insieme alle decisioni importanti, anche la possibilità di realizzare i propri sogni. Per Leo è arrivato il momento di scegliere - già, ma quale delle due? - e di certo non lo aiuta avere come unici modelli un padre che ha il vizietto del gioco e racconta d'essere stato la controfigura di Dustin Hoffman nel Laureato, e un datore di lavoro che lo assilla per sapere in che modo eliminare propria suocera... 

8 commenti:

  1. trovo interessante La biblioteca segreta di Timbuctù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra molto intrigante :) Vedremo!

      Elimina
  2. Pare molto carino il libro di perrone.
    Lo metterò in lista da leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conoscevo prima di questo libro, sembra simpatico :)

      Elimina
  3. mi ispira tantissimo la biblioteca segreta di timbuctu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' diffidente verso i libri che hanno nel titolo libri/bliblioteche e cose simili, ma chissà :D

      Elimina
  4. Vorrei leggere "La biblioteca segreta di Timbuctù" e "La gabbia dei fiori" sembrano molto interessanti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gabbia dei fiori non sembra male :)

      Elimina