giovedì 26 gennaio 2017

Chi ben comincia #23: Holding Up The Universe di Jennifer Niven

Ciao a tutti! Oggi condivido con voi l'incipit di un libro MERAVIGLIOSO che ho appena letto e che presto arriverà anche in Italia così potrete tutti leggerlo e amarlo. Si tratta del nuovo libro di Jennifer Niven, che ci ha fatto tutti innamorare con Raccontami di un giorno perfetto. Sarà all'altezza di quel primo capolavoro? La mia risposta è assolutamente sì! I temi trattati sono un po' più leggeri e meno tragici, ma la delicatezza e la dolcezza rimangono le stesse. Libby e Jack sono dei degni successori per Violet e Finch, mi sono innamorata perdutamente di loro, in particolare di Libby, che ho ammirato tantissimo per la sua forza e per quel modo tostissimo che ha di fregarsene di tutto e tutti. E insieme sono l'amore. Adorabile, adorabile, adorabile. Non vedo l'ora che possiate leggerlo tutti! Intanto, l'incipit :3 

Holding Up The Universe di Jennifer Niven
Autoconclusivo
In arrivo prossimamente in Italia con DeAgostini 
 
Tutti pensano di conoscere Libby Strout, la ragazza che è stata chiamata “Adolescente Più Grassa d'America''. Ma nessuno si prende il tempo di guardare oltre il suo peso per conoscerla davvero. Dopo la morte della madre, è rimasta a raccogliere i pezzi nella privacy della sua casa, affrontando il cuore spezzato di suo padre e il suo stesso lutto. Ora, Libby è pronta: per la scuola, per i nuovi amici, per l'amore, per ogni possibilità la vita ha da offrirle. ''In quel momento, ho capito il ruolo che voglio avere qui alla MVB High. Voglio essere la ragazza che può fare qualsiasi cosa''
Tutti pensano di conoscere anche Jack Masselin. Sì, fa lo spaccone, ma è anche un esperto nell'arte di dare alla gente quello che vuole, e adattarsi. Quello che nessuno sa è che Jack ha un segreto: non può riconoscere i visi. Anche i suoi stessi fratelli sono estranei per lui. E' il ragazzo che può riprogettare e ricostruire tutto in modi nuovi e fighi, ma non può capire cosa c'è che non va nella sua testa. Quindi dice a se stesso: sii affascinante. Sii divertente. Non avvicinarti troppo a nessuno. Fino a che non incontra Libby. Quando i due finiscono coinvolti in un gioco scolastico crudele—che li fa finire alle consulenze di gruppo e ai servizi alla comunità—Libby e Jack sono entrambi imbufaliti, e poi sorpresi. Perchè più tempo passano insieme, meno si sentono soli.. Perchè a volte quando incontri qualcuno, cambia il mondo, il loro e il tuo.
 


Non sono una persona di merda, ma sto per fare una cosa di merda. E tu mi odierai, e anche altre persone mi odiaranno, ma lo farò lo stesso per proteggere te e anche me stesso. 
Ti sembrerà una scusa, ma ho una cosa chiamata prosopagnosia, che significa che non riesco a riconoscere i visi, neanche quelli delle persone che amo. Neanche quello di mia mamma. Neanche il mio.
Immagina di camminare in una stanza piena di estranei, persone che non significano niente per te perchè non conosci i loro nomi o le loro storie. Poi immagina di andare a scuola o a lavoro, nella tua stessa casa, dove dovresti conoscere tutti, solo che anche qui le persone sembrano degli estranei. 
Per me è così: entro in una stanza e non conosco nessuno. In qualsiasi stanza, ovunque. Me la cavo notando il modo di camminare. I gesti. La voce. I capelli. Imparo gli identificatori. Dico a me stesso, Dusty ha le orecchie a sventola e i capelli rossicci, e poi memorizzo questo fatto per aiutarmi a trovare mio fratello, ma non riesco davvero a richiamare un'immagine di lui e delle sue grandi orecchie e dei suoi capelli a meno che non sia di fronte a me. Ricordare le persone è come un superpotere che tutti sembrano avere tranne me.
Sono stato diagnosticato ufficialmente? No. E non solo perchè immagino sia oltre il livello del Dr. Blume, pediatra del paese. Non solo perchè negli ultimi anni i miei genitori hanno dovuto affrontare più merda del dovuto. Non solo perchè è meglio non essere quello strano. Ma perchè c'è una parte di me che spera che non sia vero. Che magari migliorerà e se ne andrà da sola. Per ora, questo è il mondo in cui l'affronto:
Fai un cenno/un sorriso a tutti.
Si affascinante.
Sii popolare.
Sii dannatamente esilarante.
Sii l'anima della festa, ma non bere. Non rischiare di perdere il controllo (questo succede già abbastanza da sobrio).
Stai attento.
Fai tutto quello che occorre. Sii il signore degli idioti. Qualsiasi cosa ti eviti di diventare la preda. Sempre meglio cacciare che essere cacciato.
Non ti sto dicendo tutto ciò come una scusa per quello che sto per fare. Ma magari lo puoi tenere a mente. E' l'unico modo di impedire ai miei amici di fare qualcosa di peggio, è l'unico modo di finire questo stupido gioco. Sappi solo che non voglio ferire nessuno. Non è per questo. Anche se è quello che accadrà.

Cordialmente tuo,
Jack
PS. Sei l'unica persona che sappia cosa ci sia che non vada in me.

6 commenti:

  1. Questo è senza alcun dubbio un romanzo che leggerò quest'anno, sempre se si degnano di farlo uscire xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriva arriva, siamo fiduciosi. Mancano solo i dettagli :3

      Elimina
  2. Che bello *_*
    Ho amato follemente il primo della Niven, e sono felicissima che presto uscirà tradotto anche da noi, perchè sono proprio curiosa di leggere questo romanzo!!

    RispondiElimina
  3. Da un lato non vedo l'ora di leggerlo, dall'altro ho paura che non possa reggere il confronto con Raccontami di un giorno perfetto. Però la curiosità è troppo forte e la Niven è la Niven XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente mi è piaciuto perfino di più! E' adorabile, dolcissimo. La protagonista femminile ha una forza e una grinta incredibili, contagiosi. I temi sono un po' più 'leggeri'. Non sono problematiche semplici comunque, anzi, ma paragonate a quelle di Violet e Finch diciamo che a Libby e Jack va molto meglio xD

      Elimina