mercoledì 23 novembre 2016

RELEASE PARTY | Il labirinto degli spiriti di Carlos Ruiz Zafón

Ciao a tutti! Con grande gioia sono qui per parlarvi di un libro che non vedo davvero l'ora di leggere, una delle uscite più elettrizzanti del 2016: Il labirinto degli spiriti di Carlos Ruiz Zafón, quarto capitolo dell'incredibile serie Il cimitero dei libri dimenticati, inaugurata con quello che è di certo il libro più famoso dell'autore L'ombra del vento. Per festeggiare questa uscita io e un gruppo di blogger abbiamo deciso di parlarvi ognuna a modo suo di questo autore, dei suoi libri, di come l'abbiamo scoperto e amato, di cosa rappresenti per noi e di quanto amiamo i suoi bellissimi libri. Il nuovo libro è uscito ieri, quindi non fatevelo scappare! Io ho appena iniziato una rilettura di tutta la serie, per prepararmi al nuovo libro, quindi ne approfitto per invitarvi a tenere d'occhio il blog e i social se siete appassionati lettori di Zafón, perchè vi coinvolgerò in questa rilettura con recensioni, citazioni, foto, blaterii vari e molto altro *w*

Vi annuncio inoltre che Mondadori ha organizzato tre imperdibili incontri con l'autore in Italia: uno si terrà a Milano il 4 dicembre alle ore 11 (Unicredit Pavillion, piazza Gae Aulenti), e gli altri due il 6 dicembre, a Orvieto alle 17.30 (Palazzo dei Sette) e poi di volata a Viterbo alle 21.30 (Palazzo dei Papi).  


Il labirinto degli spiriti di Carlos Ruiz Zafón
Il cimitero dei libri dimenticati #4
Mondadori (2016) | 832 pagine | 23 Euro

Barcellona, fine anni '50. Daniel Sempere non è più il ragazzino che abbiamo conosciuto tra i cunicoli del Cimitero dei Libri Dimenticati, alla scoperta del volume che gli avrebbe cambiato la vita. Il mistero della morte di sua madre Isabella ha aperto una voragine nella sua anima, un abisso dal quale la moglie Bea e il fedele amico Fermín stanno cercando di salvarlo. Proprio quando Daniel crede di essere arrivato a un passo dalla soluzione dell'enigma, un complotto ancora più oscuro e misterioso di quello che avrebbe potuto immaginare si estende fino a lui dalle viscere del Regime. È in quel momento che fa la sua comparsa Alicia Gris, un'anima emersa dalle ombre della guerra, per condurre Daniel al cuore delle tenebre e aiutarlo a svelare la storia segreta della sua famiglia, anche se il prezzo da pagare sarà altissimo. 


Il primo libro di Zafón che ho letto è stato, banalmente, L'ombra del vento. Con questo libro ho avuto un colpo di fulmine come mi è capitato poche volte. E pensare, che è finito tra le mie mani per colpa, o meglio dire grazie, alla professoressa di spagnolo! L'estate tra la quarta e la quinta superiore ci aveva assegnato come sempre alcuni libri da leggere. Ho cordialmente detestato qualsiasi libro abbia proposto nel corso degli anni. Nonostante fosse una professoressa piuttosto moderna che non si limitava a rifilarci i soliti classici ma spaziava anche fino ai contemporanei, cosa rara lo riconosco, io e lei avevamo gusti decisamente diversi. Ricordo ogni libro letto con lei e non saprei neppure da dove iniziare a sparare a zero sulle perle che sceglieva. L'ombra del vento è stato diverso. E' stato infilato nella lista delle letture solo perchè una mia lungimirante compagna di classe voleva inserirlo nella sua tesina alla maturità e ne aveva già discusso con la professoressa. Lei l'aveva quindi aggiunto al programma per discuterne meglio e noi ci eravamo trovati un libro in più da leggere. Amo leggere, tantissimo, ma i libri che mi sono stati imposti durante la carriera scolastica sono stati, salvo rare eccezioni, una vera palla al piede, che mi sono trascinata dietro per mesi e mesi, incapace di terminarli. Frequentavo il liceo linguistico, a conti fatti per l'estate mi ritrovavo sempre almeno una decina di libri da leggere in varie lingue. Immaginate quindi l'entusiasmo incredibile di avere l'ennesimo libro da aggiungere alla lista, e solo perchè una singola persona della classe ne aveva bisogno per la tesina. Sì lo ammetto, ho sbuffato. Conoscendo il tenore dei libri che ci ritrovavamo a leggere di solito, ci mancava solo l'ennesimo libro assurdo. Invece appena ho avuto tra le mani L'ombra del vento non sono più riuscita a metterlo giù. L'ho letto in un giorno, facendo tardi la notte, e a lettura finita mi sono sentita allo stesso tempo svuotata e piena di entusiasmo irrefrenabile, e non ho più chiuso occhio. E' stato un primo incontro intenso, che mi ha lasciato senza fiato. Ho pensato che fosse assolutamente geniale. Quando mi capitano libri così provo una profonda invidia per chi come lui sa creare trame così complesse e incredibili, piene di colpi di scena. I classici pezzi del puzzle che si incastrano alla perfezione. Non ho potuto far altro che consigliarlo a chiunque mi passasse a tiro! E per fortuna molte di queste persone mi hanno ascoltato *w* 

Ora che ti ho perso, so di aver perso tutto. Malgrado ciò, non posso permettere che tu scompaia dalla mia vita e mi dimentichi senza sapere che non ti serbo rancore, che fin dall'inizio sentivo che ti avrei perso e che tu non avresti mai visto in me quello che io vedevo in te.
Voglio che tu sappia che ti ho amato fin dal primo giorno e che continuo ad amarti, ora più che mai, anche se non voi sentirtelo dire.
Mentre ti scrivo, ti immagino su quel treno, con il tuo bagaglio di sogni e col cuore spezzato, in fuga da tutti noi e da te stesso. Sono tante le cose che non posso raccontarti, Juliàn.
Cose che entrambi ignoravamo e di cui è meglio che tu rimanga all'oscuro. Il mio desiderio più grande è che tu sia felice, Juliàn, che tutto ciò a cui aspiri diventi realtà e che, anche se mi dimenticherai, un giorno ti possa comprendere quanto ti ho amato.
da L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafón
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/libri/frase-145803?f=w:218>
 
Zafón è anche uno dei pochi autori che condivido con mia sorella. Io e lei siamo diversissime. Ci piacciono cose diverse. Musica diversa, film diversi, generi diversi. Io leggo tanti young adult, fantasy e libri per ragazzi, oltre a parecchia roba che fa piangere, lei invece sguazza tra i thriller e gli omicidi, ansia e angoscia come se non ci fosse un domani. Non è una grande lettrice e difficilmente accetta consigli da me, visto che i nostri gusti sono così diversi. Ma con Zafón ho insistito talmente tanto che alla fine ha ceduto. E l'ha amato. Zafón è stato capace di accontentarci entrambe, e vi assicuro che non è facile. Questa è la sua magia. La sua penna va oltre il semplice genere letterario, gusto personale o preferenza del lettore. Va dritta al cuore e lo conquista. Che tu sia un lettore forte che ormai pensa di non potersi più sorprendere, o un lettore saltuario che si limita a qualche lettura disinteressata. E' una magia che non conosce lingua, sesso, età. Zafòn è uno di quegli autori che consiglierei se avessi davanti un gruppo di persone varieganto e variopinto, di adulti, ragazzi, anziani, donne e uomini, con l'assoluta certezza che tutti torneranno da me sinceramente felici di questo consiglio, con una storia indimenticabile nel cuore. E sono sicura che quella magia si presenterà ancora, con questo nuovo libro. Mi fido così ciecamente di lui che lo consiglio anche a scatola chiusa. Dopotutto non mi ha mai deluso. Speriamo che la mia fiducia sia ben riposta!

Credo di avervi annoiati abbastanza con le mie chiacchiere (blablablabla) quindi la chiudo qui e vi lascio l'elenco dei blog partecipanti a questo carinissimo release party! Andate a dare un'occhiata ai loro post ed entrate nell'intrigante mondo di Carlos Ruiz Zafón. Adoro condividere il mio amore per un autore con altri lettori e spero che i nostri post contribuiscano a dare una spintarella a chi magari non ha mai letto nulla di Zafón a dargli una possibilità. E' un autore che merita tantissimo, e ve lo consiglio di tutto cuore! Se invece già lo conoscete, sono sicura che siete elettrizati quanto me all'idea di questa nuova incredibile uscita. *w* Buona lettura!

1 commento:

  1. Non sto nella pelle, quest'ultimo libro della serie deve essere mio <3 Ho amato all'inverosimile L'ombra del vento <3

    RispondiElimina