lunedì 7 novembre 2016

Cover Reveal #21: Il martello di Thor di Rick Riordan + incipit

Ciao ragazzi! Questo mese esce uno dei super titoli di questo 2016. Dico solo Rick Riordan. Ebbene sì, finalmente l'attesa sta per finire. Magnus Chase sta per tornare! In questi giorni è stata rivelata la cover italiana del secondo capitolo della serie, in uscita a fine mese, e sono qui a mostrarvela. Che ne pensate? Quella del primo capitolo non mi aveva fatto impazzire per via del modello un po' troppo ingessato. Questa invece devo dire che mi piace parecchio. E' più viva ed energica, e il modello è un po' più sciolto. E gli sfondi catastrofici mi piacciono sempre xD Non ci resta che aspettare il suo arrivo trionfale in libreria! Preparatevi perchè il blog ospiterà il blogtour del libro e ci sarà anche una Celebration Week tutta dedicata a Rick :3

Il martello di Thor di Rick Riordan
Magnus Chase e gli dei di Asgard #2
Mondadori | 18 € | 29 novembre 2016

Il martello di Thor è scomparso di nuovo. Il dio del tuono ha l'allarmante abitudine di perdere la sua arma, la più potente dei Nove Mondi. Ma stavolta il martello non è solo smarrito, è finito nelle mani del nemico. Se Magnus Chase e i suoi amici non riusciranno a recuperarlo in fretta, il mondo mortale sarà senza difese contro un attacco dei giganti. Inizierà il Ragnarok. I Nove Mondi bruceranno. Sfortunatamente, l'unica persona che può negoziare per il ritorno del martello è il peggior nemico degli dei, Loki, e il prezzo che pretende è molto alto! 

Vi lascio l'incipit del romanzo tradotto da me!

LEZIONE IMPARATA: Se porti una Valchiria a prendere un caffè ti dovrai accollare il conto e un cadavere.
Non vedevo Samirah al-Abbas da almeno sei settimane, così quando di punto in bianco mi ha chiamato dicendo che dovevamo parlare di una questione di vita o di morte, ho acconsentito subito. 
(Tecnicamente sono già morto, il che significa che tutta la faccenda di vita e vi morte non conta, ma comunque, Sam sembrava ansiosa.)
Non era ancora arrivata quando raggiunsi il Thinking Cup in Newbury Street. Il posto era affollato come sempre, quindi mi misi in coda per il caffè. Pochi secondi dopo, Sam volò dentro—letteralmente—proprio sopra le teste degli avventosi del locale.
Nessuno battè ciglio. I normali mortali non sono bravi a processare le cose magiche, il che è positivo, perchè altrimenti i bostoniani passerebbero la maggior parte del loro tempo correndo in giro spaventati da gigianti, troll, orchi e einherjar armati di asce e latte macchiato.
Sam atterrò vicino a me con l'uniforme della scuola—scarpe bianche, pantaloni cachi e una maglia a maniche lunghe con il logo della King Academy. Una hijab verde le copriva i capelli. Un'ascia le pendeva dalla cintura. Ero piuttosto sicuro che l'ascia non facesse parte del codice di abbigliamento standard.
Per quanto fossi felice di vederla, notai subito che la pelle sotto i suoi occhi era più scura del solito. Barcollava.
“Hey,” dissi. “Hai un'aria orribile.”
“E' bello vedere anche te, Magnus.”
“No, voglio dire…non orribile del tipo diverso dal solito orribile. Solo orribile tipo esausta.”
“Dovrei portarti una pala così puoi scavarmi la fossa ancora più in profondità?”
Alzai le mani in segno di resa. “Dove sei stata nell'ultimo mese e mezzo?”
Strinse le spalle. “Il carico di lavoro di questo semestre mi sta uccidendo. Faccio da tutor ai ragazzini dopo la scuola. E poi, come ricorderai, ci sono il mio lavoro part-time con la raccolta delle anime dei morti e le missioni segrete per Odino.”
“Voi ragazzi di oggi e i vostri impegni.”
“E in cima a tutto questo…c'è la scuola di volo.”
“Scuola di volo?” Trascinavamo i piedi in avanti nella fila. “Cioè aereoplani?”
Sapevo che il sogno di Sam era diventare un pilota professionista un giorno, ma non avevo realizzato che stesse già prendendo lezioni. “Puoi farlo a sedici anni?”
I suoi occhi brillavano di eccitazione. “I miei nonni non avrebbero mai potuto permetterselo, ma i Fadlans hanno questo amico che gestisce una scuola di volo. E hanno finalmente convinto Jid e Bibi—”
“Ah.” sorrisi. “Quindi le lezioni sono state un regalo di Amir.”
Sam arrossì. E' l'unica adolescente che conosco con un promesso sposo, ed è carino come si agiti quando parla di Amir Fadlan.
“Quelle lezioni sono state il più premuroso, il più gentile..” sospirò malinconicamente. “Ma a parte questo. Non ti ho portato qui per parlare dei miei impegni. Dobbiamo incontrare un informatore.”
“Un informatore?”
“Questa potrebbe essere la svolta che stavo aspettando. Se la sua informazione è buona—”
Il cellulare di Sam vibrò. Lo ripescò dalla tasca, controllò lo schermo, e imprecò. “Devo andare.”
“Sei appena arrivata.”
“Affari da Valchiria. Un possibile codice tre-otto-uno: morte eroica in corso.”
“Te lo stai inventanto.”
Non è vero.”
“Quindi.. quando qualcuno crede di stare per morire ti manda un messaggio 'Scendi! Ho bisogno di una Valchiria!' seguito da un mucchio di faccine tristi?
“Mi sembra di ricordare di aver portato la tua anima nel Valhalla. Tu non mi hai messaggiato.”
“No, ma io sono speciale.”
Limitati a prendere un tavolo fuori,” disse lei. “Incontra l'informatore. Sarò di ritorno prima che posso.”
“Non so neanche come sia il tuo informatore.”
“Lo riconoscerai quando lo vedrai,” promise Sam. “Sii coraggioso. E prendimi uno scone.”
Volò fuori dal negozio come Super Muslima, lasciandomi da pagare il nostro ordine.

6 commenti:

  1. Ciao :D
    La copertina di questo libro è di una figaggine assurda *-*
    Eh l'incipit è già uno spasso. Non vedo l'ora di leggere questo libro e scoprire cosa combineranno Magnus, Sam e gli altri xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che non resteremo delusi *_*

      Elimina
  2. Non vedo l'ora di leggere questa serie! Adoro Rick Riordan ;)

    RispondiElimina
  3. Sono rimasta troppo indietro con i libri di Riordan! Troppo! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimedia! E' che lui ne sforna ad una velocità allucinante xD

      Elimina