giovedì 31 dicembre 2015

Random #29: Le 10 copertine più belle del 2015

Ciao a tutti! Siamo arrivati all'ultimo giorno dell'anno, e tra i post di fine anno non può assolutamente mancare quello dedicato alle copertine più belle di questo 2015! E' stato difficile scegliere, ma ecco la mia top 10 (in ordine casuale). Quali sono le vostre? :)

La nuova edizione di Harry Potter e la pietra filosofale ovviamente non poteva mancare. Fin dall'inizio mi ha stregato. L'ho da poco avuto tra le mani (è stato uno dei miei regali di Natale, vi mostrerò) e ne sono rimasta davvero incantata. Una perla. In copertina è stata messa una delle illustrazioni più belle e rappresentative, non poteva che essere lei la prescelta. All'interno la ritrovate in tutta la sua magnificenza spalmata su una doppia pagina. Magico. Un'altra copertina meravigliosa è quella di Qualcosa di molto speciale di Sandy Hall, che con la sua semplicità risulta davvero adorabile e delicata. Veramente speciale!

Non posso non inserire due copertine targate Paolo Barbieri che mi hanno davvero fatto innamorare. Una è quella di Percy Jackson racconta gli dei greci. Appena l'ho vista ho pensato che fosse perfetta! Stavolta la copertina italiana vince su tutta la linea! (Il libro poi è divertentissimo, leggetelo!). L'altra è quella di La principessa degli Elfi, nuovo libro di Herbie Brennan, ambientato al nostro Lucca Comics, che ha solleticato la fantasia dell'autore quando è stato ospite qualche anno fa. Ancora non l'ho letto ma lo farò presto!
Altre due copertine bellissime sono quelle del primo capitolo di due bellissime serie targate Newton Compton: Il mio splendido migliore amico di A.G. Howard e Un amore oltre le stelle di Melissa Landers. Lo so, i titoli lasciano a desiderare, non me ne parlate (infatti io continuo a chiamarli Splintered e Alienated) ma per stavolta chiuderò un occhio, perchè si tratta di due serie davvero meravigliose che sono felicissima siano arrivate finalmente in Italia e perchè mantenendo le copertine originali si sono fatti un po' perdonare. A volte devi volergli bene alla Newton *w* Quella di Splintered è davvero ipnotica, impossibile non restarne incantati. Quella di Alienated invece è più particolare, mi ha subito ricordato il film Upside Down, e ne sono rimasta stregata. Oltretutto, entrambi i libri sono meravigliosi, quindi ve li consiglio!  

Ben tre copertine della mia top10 sono targate De Agostini, e questo dice tanto di quanto quest'anno si siano impegnati, senza mai sbagliare un colpo nè nella scelta dei libri nè in quella delle copertine. Sono davvero molto felice di questo! Le tre copertine di cui vi parlo sono quelle di Raccontami di un giorno perfetto di Jennifer Niven, Il primo bacio a Parigi di Stephanie Perkins e Deathdate di Lance Rubin. Per me tutte e tre sono superiori alle copertine originali, stravincono su tutta la linea! Ho in particolar modo apprezzato il fatto che la CE abbia dato modo ai lettori di scegliere la copertina di Deathdate, idea davvero carina che ha portato questo fantastico risultato. Sarebbe da fare sempre! :)

Chiudiamo con un ospite fisso di questo genere di rubriche, che ogni anno finisce tra i migliori in qualsiasi categoria: Rick Riordan! Quest'anno con Il sangue dell'Olimpo si è conclusa la serie Eroi dell'Olimpo, serie che ho adorato alla follia, perfino più di Gli dei dell'Olimpo. Le bellissime copertine sono state tutte realizzate dal bravissimo Daniele Gaspari e con questa si è proprio superato. Per la prima volta il protagonista non appare girato da spalle, ma con il volto rivolto verso l'osservatore, anche se sempre nascosto dal cappuccio. Menzione d'onore anche per la Mondadori che, come la DeAgostini, ha pensato di far scegliere al pubblico la copertina e il titolo definitivi del libro tra due varianti. Bravi, ci piace quando chiedete agli esperti :P Preparatevi, perchè l'anno prossimo arriverà la nuova serie dedicata ai semidei, e spero davvero che la Mondadori continui ad affidare le copertine a questo bravissimo artista!  

martedì 29 dicembre 2015

Random #28: I peggiori libri letti nel 2015

Ciao a tutti! Iniziamo a tirare le somme per il 2015, e prima di parlarvi dei libri BELLIBELLIBELLI che ho amato alla follia, voglio togliermi il pensiero e dirvi quali invece ho trovato davvero BRUTTIBRUTTIBRUTTI. Per fortuna le letture deludenti sono state poche, quelle belle sono molte di più, quindi mi è andata bene. E a voi? Avete letto molti libri brutti? E quali sono? Tirate fuori i titoli, così vedo di evitarli D: Questi sono i quattro libri che più mi hanno deluso. Sotto col massacro D:

Bellezza crudele di Rosamund Hodge
Il già ribbattezzato 'Bruttezza Crudele' lol Probabilmente la lettura più deludente di tutte. Ne avevo sentito parlare bene, l'avevo inserito in wish list quando ancora non era prevista la pubblicazione in Italia, avevo sperato che arrivasse, ero stata felicissima di sapere che la Newton Compton avrebbe esaudito il mio desiderio e poi...il nulla. Nyx e la sua storia, fantomatico retelling de La bella e la bestia (che poi anche no), non sono non mi hanno conquistato, ma mi hanno proprio fatto girare le palle (di natale). Confuso nella trama, scialbo, poco originale, un art attack degno di Muciaccia, un copia incolla di favole e miti mixati malamente, con un triangolo amoroso senza senso e una protagonista odiosa. L'ho bocciato su tutta la linea! Io adoro i retelling, ne vado pazza e non mi stancano mai, di solito ottengono sempre voti alti e il mio amore incontrastato, ma questo è stato un vero fallimento.

Fangirl di Rainbow Rowell
Altra grande delusione targata 2015. Non mi aspettavo un disastro simile. Non era il mio primo approccio con l'autrice, visto che di suo avevo già letto e apprezzato Per una volta nella vita e Per l'amore basta un click. Questo libro è adorato e idolatrato dalle folle a apprezzatissimo da tutti. Sono uscite mille diverse edizioni per accontentare i fanatici. E' uscito addirittura un libro spin-off contenente tutta la fanfiction che la protagonista scrive. Su goodreads solo il 4% dei lettori ha dato un voto inferiore a 2 stelline e io purtroppo sono in quella piccola percentuale. Che vi posso dire, non mi è piaciuto proprio per niente. Forse dopo averne tanto sentito parlare le mie aspettative erano davvero dannatamente alte. Aveva tutte le potenzialità per essere qualcosa di adorabile e geniale, invece io nei suoi confronti ho provato solo tanta tanta noia e irritazione.

Vorrei che fossi tu di Lorenza Bernardi
Non so sinceramente cosa mi abbia spinto a leggere questo libro. Cercavo qualcosa di spensierato e ggggiovane da leggere d'estate, e tra gli ebook che ristagnavano nel mio database da tantissimo tempo, la mia scelta è ricaduta su di lui, che si è rivelato un libercolo alla Moccia senza infamia e senza lode. La protagonista riceve un sms da un numero sconosciuto, un evidente errore, ma in quell'sms si parla proprio di un libro che adora e così lei risponde e inizia un'amicizia con questo ragazzo misterioso. Nel frattempo conosce uno sgallettato a scuola che la tratta malissimo e lei lo odia profondamente. Indovinate un po'? Non c'è neanche bisogno che ve lo dica. Come sparare sulla croce rossa. Io leggo qualsiasi cosa e non mi faccio scoraggiare dal target, ma questo libro può piacere solo ad una dodicenne (e forse neppure, ormai sono anni luce avanti)

La bambola che imparò ad amare di Rafik Schami 
Questo libro sembrava molto dolce, una di quelle favole che piacciono a grandi e bambini, e per cui io ho debole. Poi c'era una bambola di mezzo, e sapete che le adoro. Invece è stata solo una gran delusione. Il libro è composto da una serie di anedotti in cui vediamo la piccola protagonista Nina alle prese con la sua bambola Minimè, una bambola speciale che sa parlare con i bambini e che ha vissuto mille avventure. I problemi sono stati essenzialmente due. Uno, Minimè è davvero insopportabile e non so come facesse Nina a sopportare il suo continuo vantarsi e i suoi capricci. Mi ha ricordato una bambola che avevo da piccola (e odiavo) che sfornava perle come 'Io sono la più bella hihihih' con una vocetta stridula lol Due, la storia è un po' senza capo nè coda, tanti piccoli racconti slegati l'uno all'altro e nessun vero e proprio messaggio o insegnamento finale. Alla fine lascia molto poco (oltre ad una grande irritazione) 

Vi auguro un buon 2016! (privo di libri brutti!)

lunedì 28 dicembre 2015

Presentazione a Bologna e intervista con Glenn Cooper + Giveaway Dannati autografato

Ciao a tutti! Come sono andate le feste di natale? Spero sia andato tutto bene e abbiate passato delle belle giornate (e magari ricevuto qualche libro!). Io ho passato un bellissimo natale e sono molto contenta :3 Ho ricevuto perfino qualche libro, ve li mostrerò presto! Ma torniamo al motivo del post. E' da diverse settimane ormai che vorrei pubblicarlo, ma ho pensato di tenerlo in serbo per il periodo natalizio, anche perchè in fondo troverete una sorpresa, un bel regalo di natale *_* A fine novembre Glenn Cooper è stato in Italia a presentare il suo nuovo libro, L'invasione delle tenebre, ultimo capitolo della trilogia Dannati. Io lo seguo ormai da molti anni, dal suo esordio, ed è sicuramente uno dei miei autori preferiti. Anche se viene spesso a trovarci e organizza un tour italiano per quasi tutte le sue uscite, non era ancora capitato in una città abbastanza vicina da permettermi di incontrarlo. Stavolta la fortuna mi ha assistito, perchè tra le tappe c'era Bologna, e non potevo assolutamente lasciarmelo sfuggire!

La presentazione si è svolta in una bella libreria del centro in cui non ero mai stata, molto grande, a più piani, molto caratteristica. E' stato creato un ampio spazio per il pubblico, con un palco leggermente sopraelevato rispetto alla platea. C'era molta gente, tutti con i loro libri in mano, chi il nuovo uscito, chi le vecchie glorie, pronti da far autografare alla fine della presentazione. Glenn Cooper è arrivato con qualche elegante minuto di ritardo ed è subito stato affiancato dalla traduttrice (bravissima, rimango sempre affascinata dal lavoro che fanno) e dalla scrittrice Marilù Oliva, che ha moderato l'incontro trovando un sacco di bei spunti e portando avanti la conversazione con una chiacchiera inarrestabile. L'incontro è andato avanti per oltre un'ora e gli argomenti toccati sono stati moltissimi. Si è parlato di come questo autore sia un uomo davvero versatile e colto: medico, archeologo, produttore e sceneggiatore, e ovviamente scrittore. C'è qualcosa che non sappia fare? lol Le sue passioni e le sue conoscenze traspaiono nei suoi libri e nei suoi protagonisti e in particolare in questa serie, Dannati, la fanno da padrone storia e scienza. Si è parlato molto della serie ovviamente, della trama, della struttura del mondo creato dall'autore, il suo personale e inquietantissimo Inferno, dei personaggi storici reali che appaiono e di come si sia documentato su di loro, e in particolar modo si è parlato dei suoi protagonisti, Emily e John, la scienziata e il soldato, la mente e il braccio. Una coppia che ci ha conquistati tutti, con le debolezze e le imperfezioni di ogni coppia normale. I temi inerenti al libro che sono stati trattati durante la presentazione sono svariati, la famiglia, il potere, la crudeltà dell'uomo, e sono stati accompagnati da alcuni stralci del nuovo libro letti dalla moderatrice. Poi è stato dato spazio alle domande dei lettori, dalle quali sono scaturite molte curiosità interessanti sul modo in cui lavora, i suoi libri e la sua vita. In particolare una delle cose mi ha più colpito è il fatto che Glenn racconta che la sua casa, una vecchia villa, è infestata, e che spesso lui e la sua famiglia sentono strani rumori e vedono la sagoma di una donna. Inquietante eh? x.x Magari un giorno potrebbe ispirarsi a questa storia per un libro lol L'incontro si è concluso con una sessione di foto (che erano scattate dal figlio) e autografi. Non si è risparmiato e ha accontentato tutti :)

Io non ho fatto domande durante la presentazione, perchè ogni mia curiosità aveva già trovato risposta qualche ora prima, durante l'intervista che Glenn Cooper e la Nord mi hanno gentilmente concesso. Ero davvero emozionata e felicissima di questa possibilità! Ho raggiunto con anticipo l'hotel in cui Glenn alloggiava e la gentilissima Barbara mi ha accolto e mi ha portato in un salottino delizioso, con un grande tavolo tondo e diversi divanetti allineati lungo le pareti. Dopo qualche chiacchiera con lei e con la bravissima traduttrice, e dopo aver conosciuto anche il figlio di Glenn, finalmente mi sono ritrovata davanti ad uno dei miei autori preferiti! L'emozione è stata immensa! Purtroppo nella mia zona sono poche le presentazioni con gli autori, figuriamoci di questo calibro, quindi ero completamente impreparata e stavo morendo dall'imbarazzo e dalla felicità lol Lui si è dimostrato subito molto gentile e alla mano, mi ha chiesto di me del mio blog e poi è partita l'intervista. Eccola in esclusiva per voi!

Hai un rapporto speciale con l'italia. Nei tuoi libri usi spesso città italiane come ambientazione, possiamo leggere i tuoi lavori in anteprima mondiale, le vendite vanno benissimo, e sei addirittura cittadino onorario di Solofra, in Campania. Come è nata questa bella amicizia?  
Sì, è vero. Quando ho iniziato a scrivere non avrei mai immaginato che l'Italia sarebbe diventato il mio primo mercato. Sembra che i miei libri catturino l'attenzione dei lettori italiani più di altri nel mondo. Sono molto contento di tornare ogni volta in Italia, ho molti amici qui, tra cui anche gli amici di Solofra, quindi mi fa molto piacere. 

Nei libri, e in particolare nell'ultima trilogia, Dannati, utilizzi spesso personaggi storici reali, re, artisti, condottieri.. Quanta attenzione dedichi a documentarti su questi personaggi e il loro periodo storico, e quanto dei personaggi dei tuoi libri è basato su fatti reali, e quanto è invenzione fine alla trama?
Faccio tantissima ricerca sul contesto storico in cui hanno vissuto questi personaggi per poter essere molto preciso quando li descrivo nei miei libri. In particolare in questo libro la ricerca è stata un po' diversa, nel senso che ho cercato di capire quale fosse la loro personalità, così da poter avere spazio per immaginare come avrebbero reagito questi personaggi storici in un contesto diverso che è quello dell'Inferno. Quindi questo esercizio mi ha interessato molto e ho fatto molta ricerca leggendo soprattutto biografie storiche.

Qual è tra i tuoi libri quello a cui ti senti più legato? E quello che è stato il più difficile da scrivere?
Quale ti è piaciuto di più? (Glenn che ribatte alle domande con altre domande lol)
La biblioteca dei morti.
Tutti i libri hanno un significato diverso. La biblioteca dei morti è un libro che amo molto perchè è stato il mio primo e quindi quello che ha avviato la mia carriera di scrittore. Il libro che ho trovato più soddisfacente è La mappa del destino perchè parla al 100% di archeologia che è stata la mia materia di studio all'università e quindi quella che amo di più. Il libro più difficile invece Il calice della vita, perchè per questo libro ho dovuto fare moltissime ricerche, ho letto, completamente o in parte 300 libri, ed è ambientato in epoche temporali diverse quindi è stata una sfida.

Tra i tuoi protagonisti troviamo archeologi, soldati, scienziati, detective, perfino una suora, scelte che rispecchiano i tuoi interessi per l'archeologia, la spiritualità, la storia e la scienza. Ma qual'è il personaggio in cui hai messo più di te stesso? 
La maggior parte dei miei personaggi hanno molto di me. Will Piper, John Camp, anche se non sono uguali comunque sono simili tra loro e sono simili a me, c'è parte di me in loro. Sicuramente non ho proiettato le mie qualità nella suora. Ma loro sono molto più bravi nelle scene di combattimento di quanto non sia io. (lol)

Oggi sono moltissimi i libri che oltre ad arrivare al cinema approdano in tv. Ti piacerebbe un giorno vedere sul piccolo schermo il tuo Will Piper o qualche altro tuo personaggio con un telefilm tutto suo? O preferiresti il cinema?
Finora sono stati fatti dei tentativi con produttori hollywoodiani e europei di trasformare in particolare la trilogia de La biblioteca dei morti in un film o in una serie tv, ma per ora senza successo. Se succederà bene, sarò contento. Spero che l'esito sarà positivo, ma comunque è qualcosa che sfugge un po' al mio controllo. Bisogna stare anche molto attenti a quello che si desidera, ce lo insegna Clive Cussler con la sua esperienza. Dal suo libro è stato tratto un film con Matthew McConaughey (n.d.r. Sahara, 2005, di Breck Eisner) e in realtà lui ha ritenuto che lo sceneggiatore avesse violato il suo libro e quindi è iniziata una causa in tribunale che è durata dodici anni, quindi bisogna stare molto attenti.

Preferisci lavorare ai libri autoconclusivi o alle serie?
Finora ho scritto due serie. Con La biblioteca dei morti non avevo progettato inizialmente di scrivere una trilogia, lo è diventata accidalmente, invece con Dannati avevo intenzione di scrivere una trilogia. Poi ho scritto anche altri libri standalone. Scrivere una serie è molto impegnativo perchè se ad un certo punto non sei più soddisfatto della storia o dei personaggi ormai hai preso un impegno e quindi devi andare avanti e terminarla, ed è un grosso impegno. Infatti il mio prossimo progetto sarà un po' una sorta di ibrido, una via di mezzo, perchè il protagonista sarà lo stesso, ma i libri saranno scollegati tra loro.

Qual'è la tua giornata tipo?
Lavoro a tempo pieno. Sette giorni su sette. Soprattutto quando sto per terminare un libro, gli ultimi mesi scrivo molto più intensamente. Ma lavoro molto anche nella fase precedente, quando preparo un libro, nella fase di lettura, che è un momento molto importante e anche molto piacevole, perchè leggere è più facile che scrivere. 

Hai già accennato qualcosa sul tuo prossimo progetto, ma puoi anticipare di cosa tratterà il libro?
Il protagonista sarà un professore americano di storia della religione e dell'architettura, particolarmente interessato alla chiesa in europa, quindi poichè è un esperto ed è un personaggio conosciuto si trova coinvolto in una serie di misteri esoterici, uno per libro. Forse incontrerà anche alcuni personaggi dei libri precedenti.
Mi piace!
Ok, affare fatto. Ora devo farlo davvero.

Finita l'intervista Glenn ha gentilmente autografato tutti i miei libri (TUTTI! Ho girato tutto il giorno con un borsone con dentro 8 LIBRI). E mi ha lasciato questa bellissima dedica sul mio libro preferito *^* E' stata un'esperienza incredibile! Mi sono sentita una vera giornalista per un giorno. Grazie ancora a Glenn Cooper e a Barbara per questa opportunità! *_*

E ora, per concludere, una bella sorpresa per voi! Ho una copia di Dannati, il primo libro della nuova trilogia, AUTOGRAFATO da Glenn Cooper appositamente per voi! 

Come fare a vincerlo? Semplicissimo!
- Essere follower del blog
- Lasciare in un commento la vostra mail
- Raccontarmi qual è il vostro libro preferito tra quelli di Glenn Cooper, o in alternativa se non avete mai letto nulla di questo autore, qual è quello che più vi ispira
Facoltativo: condividere il banner, condividere sui social

 <a href="http://ilibrisonounantidotoallatristezza.blogspot.it/2015/12/presentazione-bologna-e-intervista-con.html" target="_blank"><img src="http://i68.tinypic.com/209t400.jpg" border="0" alt="Image and video hosting by TinyPic"></a>


Immagina di trovarti all’improvviso in un mondo simile al nostro, ma completamente diverso. Un mondo dove sono confinati tutti i malvagi vissuti sulla Terra dall’inizio dei tempi. Un mondo dove tu sei l’unico «vivo». Quel mondo è l’Inferno e tu hai un solo obiettivo: tornare a casa. Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e… in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati…

Il giveaway chiederà il 31 gennaio! In bocca al lupo!

E il vincitore è... *rullo di tamburi*
Giovanni Pisciottano
 

lunedì 21 dicembre 2015

Una giornata alla redazione della DeAgostini

Ciao a tutti! Come sapete qualche giorno fa sono stata a Novara ospite della DeAgostini! Un sogno! Vi anticipo che è stata sicuramente una delle più belle esperienze dell'anno, anzi, diciamo pure di sempre! In più mi sono ritrovata con tre compagni di avventura davvero fantastici e simpaticissimi, Silvy, Rosa e Luigi, con cui mi sono divertita tantissimo :) Ma andiamo con ordine!
 
Tutto è cominciato quest'estate, quando la DeAgostini ha lanciato un simpatico concorso sui social sfidandoci a realizzare una recensione di soli 60 secondi per Raccontami di un giorno perfetto di Jennifer Niven, loro titolo di punta per questo 2015. In molti abbiamo accettato la sfida! Nonostante la timidezza per me è stato davvero divertente e ho trovato un modo originale per parlare del libro creando un acrostico coi nomi dei protagonisti. Partendo con un semplice video fatto con il cellulare, il mio ragazzo è riuscito a montare qualche effetto e ad inserire le lettere dell'acrostico che uscivano mentre parlavo e poi..l'abbiamo inviato! I primi di settembre la redazione ha annunciato il vincitore..anzi, i vincitori! Perchè invece di uno, avevano deciso di premiare ben quattro partecipanti! Uno di questi, per mia grande gioia, ero proprio io! Dopo qualche tempo abbiamo ricevuto le prime informazioni sul nostro soggiorno, e la gentilissima Barabara si è prodigata per organizzare tutto al meglio, tra treni, aerei, taxi e camere di hotel, tutto offerto da loro. Non sono stati carini? *w*

La data prescelta è stata quella del 18 dicembre, così il giorno prima ci siamo tutti messi in viaggio. Io sono partita in treno da Ferrara, ho preso la coincidenza a Bologna, e a Milano Centrale ho infine incontrato Silvy (di We Found Wonderland in Books), ovviamente davanti alla Feltrinelli! Conoscevo già Silvy perchè ci siamo incrociate all'evento organizzato a marzo per Jennifer Niven e ovviamente seguivo il suo blog, quindi ci siamo trovate molto bene insieme. Da lì abbiamo preso l'ultimo treno, quello che ci avrebbe portati a Novara. Una volta raggiunta la città, abbiamo cenato con un panino veloce e sfinite abbiamo preso un taxi dirette al bellissimo Hotel La Bussola. 

Siamo rimaste molto colpite dalla bellezza degli interni, era davvero molto accogliente, colorato e caldo, pieno di decorazioni natalizie. Quasi da film! Le nostre camere poi, erano meravigliose! Ci siamo subito fiondate all'interno e ci siamo rilassate. Sky in tv, Wifi, ciabattine e..poi ho visto lei..una delle cose più belle di questo viaggio..LA DOCCIA! Era talmente bella che abbiamo continuato a parlarne per tutto il tempo (e ancora ne parliamo). C'erano otto getti che partivano dalla parete, come se un angelo ti massaggiasse la schiena. Sembrava una doccia mandata dal cielo. Non sarei più voluta uscire! Ma ad un certo punto ho dovuto lol Ma non la dimenticherò mai, giuro ç_ç Dopo qualche chiacchiera, un saluto a Luigi (di Everpop) e Rosa (di La Fenice Book) che sono arrivati più tardi rispetto a noi con l'aereo da Napoli qualche capitolo letto al calduccio del lettone super comodo, alla fine sono crollata.

La mattina dopo siamo scesi per fare colazione e ci siamo abbuffati di ogni ben di dio disponibile. C'era davvero di tutto, dal caffè, alle uova strapazzate, dalle torte ai biscotti, cereali, latte, marmellate di ogni tipo. Non sapevo cosa scegliere ma alla fine me la sono cavata con una brioche alla crema, una fetta di torta con la marmellata di albicocca, fette biscottate e succo di frutta! Ero piena come un uovo, ma avrei potuto riempire la borsa con tutto quel cibo buonissimo *w* Inoltre mi è piaciuto tantissimo accompagnare la colazione con una fitta conversazione sui libri, cosa che non mi capita mai nel 'mondo reale'. Abbiamo discusso di libri letti e da leggere, amati ed odiati, di libri che vorremmo arrivassero in italia e ovviamente dei nostri blog. E' stato davvero stimolante *w*

Con i pancini pieni e l'entusiasmo alla stelle, siamo usciti a prendere il taxi per andare in redazione, che dopo un breve tragitto ci si è presentata davanti nella sua sfolgorante bellezza *_* Siamo entrati e ci siamo presentati alla reception (non senza fare figuraccie, ovviamente lol). Siamo stati forniti di un badge (che facevano davvero super vip, mi sono sentita importante!) e dei dati per accedere al wifi. Poi dritti in redazione! (dopo aver strisciato il badge. che emozione!). Appena entrati siamo stati travolti da una serie di presentazioni a raffica e abbiamo conosciuto tutta la redazione, tra cui Valentina (la santa donna che si occupa di noi blogger e risponde pazientemente alle nostre richieste) e Francesca, che avevo già incontrato in occasione dell'incontro con Jennifer Niven a Milano. 
Proprio Francesca ci ha accolto, mostrandoci la redazione e conducendoci in una saletta dove abbiamo passato la maggior parte del tempo. La prima cosa che ho pensato è che è incredibile che un lavoro così grande venga svolto da solo una ventina di persone! Ci immaginiamo centinaia di persone che corrono da tutte le parti, invece il grosso del lavoro lo fa un gruppo davvero molto piccolo! La redazione è molto accogliente, sembra di stare in famiglia. Francesca e i suoi colleghi hanno iniziato a parlarci del lavoro che c'è dietro ad ogni libro, seguendo il suo percorso. Ci hanno raccontato delle migliaia di manoscritti che ricevono dall'america, di tutte le cose che prendono in considerazione ogni volta che ne accettano o scartano uno, delle sanguinose aste per aggiudicarsi i libri più ambiti, di tutto il lavoro che occorre ad un libro per essere pronto alla pubblicazione, tra traduttori, correttori di bozze, editor e redattori. Abbiamo parlato anche di tiratura e di vendite. I nostri discorsi non hanno ruotato solo intorno alla narrativa per ragazzi e per adulti ma anche alla  loro vastissima produzione di libri per bambini. Sì è parlato quindi di illustratori, giochi e formati dei libri. Il lavoro dietro ad ogni libro è eccezionale e dopo questa esperienza lo apprezzerò di certo di più. Ma anche a noi sono state rivolte delle domande e abbiamo parlato dei libri che più abbiamo amato, e di come lavoriamo sui nostri blog. Inoltre abbiamo proposto varie serie ancora inedite che ci piacerebbe leggere in italia, e chissà! :)

 
Una delle parti più interessanti della giornata è stata sicuramente quella passata nella sezione grafica a parlare di copertine! Ci hanno spiegato come nasce una copertina e come viene sviluppata, ci hanno mostrato i materiali su cui lavorano e le mille sfumature che una copertina può avere. In particolare, ci hanno mostrato la cover, ancora in lavorazione, di un libro che uscirà più avanti, uno dei titoli di punta del 2016. Le copertine che hanno realizzato erano moltissime, e tutte per un solo libro! Immagini e font diversi e tantissime alternative create per trovare la soluzione perfetta! Abbiamo dato le nostre opinioni e speriamo di essere stati utili *w* Abbiamo visto anche le cover speciali super lavorate di due serie che tra poco usciranno in edizione bestseller, talmente belle che di sicuro andranno a ruba, e le copertine di un altro paio di libri che usciranno quest'anno, su cui purtroppo non posso dirvi nulla :/ Segreto! Vi anticipo però che sono tutte bellissime! E che i libri in uscita promettono davvero bene *w* Io di certo li leggerò!

Dopo aver pranzato nella loro mensa con un'allegra tavolata, siamo tornati in redazione per un ultimo round, e stavolta si è parlato di marketing e promozione, dei rapporti con i giornali, le tv, le radio e ovviamente i blog! Anche qui dietro c'è veramente tanto lavoro, ogni cosa è studiata e ragionata con mesi e mesi di anticipo, con strategie studiate a tavolino e tanto impegno. Valentina poi ci ha parlato del suo lavoro e del suo rapporto con noi blogger (e di come ci sopporta pazientemente lol), e di come il nostro lavoro li aiuti. Per concludere, abbiamo girato alcuni brevi ed imbarazzanti video (che spero si siano autodistrutti per errore lol) e siamo stati riempiti di regalini, tra cui materiale promozionale dei prossimi libri in uscita (ve ne parlerò a tempo debito). Abbiamo portato a casa anche alcuni libri, io in particolare mi sono accaparrata una bellissima prima edizione di Il primo bacio a Parigi della Perkins, e tutti siamo stati omaggiati di una copia in anteprima di un libro che uscirà a febbraio, di cui inizierò a parlarvi dopo le feste :)

Abbiamo concluso con una bella foto di gruppo, tanti ringraziamenti e tanti sorrisi :)
(stendiamo un velo pietoso sul fatto che sono venuta male in ogni foto, tant'è)
Ringrazio immensamente la Deagostini per questa esperienza indimenticabile!:)

domenica 20 dicembre 2015

I sogni son desideri #30

Ciao a tutti! Come la settimana scorsa nelle nostre librerie non è arrivato niente di che (a meno che non vi piacciano i libretti rosa e gli erotici, ma non indago oltre) così solletico la vostra curiosità con alcuni libri provenienti dalla mia wishlist di libri stranieri, che ci offre sempre di che fangirleggiare *w* Tra streghe, nerd, reality show, battaglie tra la vita e la morte, quali sono i titoli che vi piacerebbe arrivassero da noi? :)

The Game of Love and Death di Martha Brockenbrough
Antonio e Cleopatra. Elena di Troia e Paride. Romeo e Giulietta. E ora... Henry e Flora.  Per secoli Amore e Morte hanno scelto i loro giocatori. Hanno deciso le regole, lanciato i dadi, e hanno osservato da vicino, pronti ad intervenire, a caccia del successo. E Morte ha sempre vinto. Sempre. Ci sarà mai una volta, un luogo, una coppia, il cui amore davvero rovescierà la bilancia? Vi presento Flora Saudade, afroamericana che sogna di diventare la prossima Amelia Earhart di giorno e di cantare nei jazz club di Seattle di notte, e Henry Bishop, nato qualche quartiere e un milione di mondi di distanza, bianco col futuro assicurato, una benestante famiglia adottiva nel mezzo della Grande Depressione. I giocatori sono stati scelti. I dadi sono stati lanciati. Ma quando un umano fa le sue mosse da solo, nessuno può dire cosa accadrà dopo.

Weird Girld and What's His Name di Meagan Brothers
Nella piccola città di Hawthorne, North Carolina, Lula e Rory, due sfigati studenti delle superiori, condividono tutto—fandom sci-fi e fantasy, l'ossessione per i vecchi episodi di X-Files, e quella sensazione che non saranno mai al posto giusto. Lula e Rory non hanno segreti l'uno per l'altra; dopotutto, lei sa che lui è gay, e lui capisce perchè lei venera la madre che l'ha abbandonata. Ma poi non solo Lula scopre che Rory ha fatto il provino per entrare nella squadra di football, ma che sta avendo una storia con il suo capo, un uomo divorziato di mezza età. Con la loro amicizia distrutta, Lula inizia a farsi domande sulla sua stessa identità, e quando sparisce nel bel mezzo della notte, Rory deve cavarsela da solo.

Seriously Wicked di Tina Connolly
La madre adottiva di Camelia vuole che lei cresca per diventare proprio come lei. Il problema è che sua mamma è sul serio una strega malvagia. Cam è abituata a fermare i pazzi piani di sua madre per il dominio del mondo, ma quando la strega evoca un demone, lui si libera—e possiede Devon, il nuovo ragazzo carino appena arrivato a scuola. All'improvviso Cam ha problemi più grossi della promozione in algebra. I suoi amici stanno venendo zombificati. Il loro drago è stanco di nascondersi nel garage. E per essere un ragazzo timido, Devon sta sicuramente baciando parecchie ragazze. Come se non bastasse una fenice nasconsta a scuola esploderà la notte del Ballo di Halloween. Per fermare il demone prima che distrugga l'anima di Devon, Cam dovrebbe tentare un incantesimo da sola. Ma, se è disposta a lanciare un incantesimo come una strega..significa che anche lei è malvagia? 

Something Real di Heather Demetrios (Something Real #1)
La diciassettenne Bonnie Baker è cresciuta in tv—lei e i suoi dodici fratelli sono le star del famoso reality Show Baker’s Dozen. Dopo la cancellazione dello show e lo scandalo che lo ha coinvolto, Bonnie ha cercato di vivere una vita normale, lontano dai riflettori. Ma tutto sta per andare in pezzi.. perchè Baker’s Dozen sta per tornare in tv. La mamma di Bonnie e i produttori dello show non le permettono di andarsene e presto la vita che si era costruita con tanta cura, con veri amici (e forse perfino un vero fidanzato), rischia di essere distrutta dallo show. Bonnie deve fare qualcosa di drastico se vuole che la sua vita diventi davvero sua—anche se questo significa essere più in vista che mai.   

Beckon Me di Cindy Thomas (Beckoners #1)
Tutto ciò che la diciannovenne Karina Mitchell sa della morte cambia nell'istante in cui lei e la sua migliore amica, vengono colpite. Ma le anime non muoiono. Vanno oltre. Solo quella di Rainey non l'ha fatto e ora il suo fantasma tormenta Karina. Quando Karina inizia il suo secondo anno al college e si trasferisce nell'appartamento che avrebbe dovuto dividere con Rainey, scopre un paio di scioccanti verità sul suo affascinante e misterioso vicino dagli occhi blu, Eli. Uno: Karina è stata scelta per diventare una Beckoner—una guida immortale che aiuta le anime ad arrivare in sicurezza dall'altra parte. Due: lei è la ragione per cui l'anima di Rainey non riesce ad andare oltre—Rainey l'ha seguita e ha mancato la sua occasione. Tre: Eli è bellissimo. Quel genere di bellezza del tipo da-perdere-la testa, da-morire, da-farti-dimenticare-di-te-stessa. E viene fuori che anche lui è un Beckoner. Malgrado la sua attrazione per Eli, la decisione di diventare una Beckoner non è facile—significherebbe rinunciare alla sua mortalità.. la sua anima. Ma se non lo fa, la sua migliore amica soffrità un'eternità nelle mani dei crudeli Ceptors, creature oscure che si cibano delle anime lasciate indietro. Dopo tutto, è colpa sua se Rainey la tormenta. Il tempo sta finendo, e Karina deve decidere: amore e lealtà valgono il sacrificio della sua anima?

sabato 19 dicembre 2015

Cover Battle #31: Scarlet di Marissa Meyer

Ciao a tutti! Sono stanca e felice! Ieri ho passato la giornata nella redazione della DeAgostini con tre colleghi blogger, come premio per il concorso lanciato quest'estate (ricordate?). E' stata una giornata bellissima, super interessante e ricca di sorprese. Ho visto nuove cover in lavorazione, scoperto nuovi titoli in uscita e mi sono tanto divertita :) Nei prossimi giorni dedicherò a quest'esprerienza un bel post (anche se non posso spifferarvi tutto tutto, per ora lol)! Intanto, vi lascio con le bellissime cover di Scarlet di Marissa Meyer! In aprile uscirà Cress (che sto leggendo ora) e non sto nella pelle all'idea di vedere la nostra copertina, ho grandi speranze *w* Ma non corriamo, manca ancora tempo. Torniamo a Scarlet! Le mie preferite sono l'italiana e la tailandese, ma sono tutte bellissime! Quali sono le vostre? :)

Originale / Tedesca / Spagnola
 Italiana / Tailandese
 Polacca / Portoghese / Russa
 Cinese / Coreana
 Turca / Ungherese / Vietnamita