sabato 3 gennaio 2015

Ciao Darwin, book edition - Duello #5

Ciao a tutti! Oggi, tra un saldo e l'altro, ci avviamo oggi verso la conclusione del primo girone di duelli! Se la connessione mi è amica oggi saranno online gli ultimi due! Vi state divertento? Io molto, non vedo l'ora di scoprire chi sarà il vincitore. Ogni duello ho anche io il mio favorito, ma ancora non so se la pensate come me! Vedremo, vedremo! Fosse per me, avrei già in mente un vincitore, ma credo sarà una lotta molto dura! Ogni genere ha i suoi sostenitori e i suoi detrattori, quindi è una lotta davvero imprevedibile :)
 
I due generi estratti sono *rullo di tamburi* 
YOUNG ADULT VS EROTICO

Come partecipare?     
Scegliete la vostra fazione! Preferite le incredibili avventure che vivono i giovani protagonisti degli young adult o le piccanti acrobazie sessuali dei protagonisti degli eroitici? Una volta fatta la vostra scelta, seguite le istruzioni e date il vostro contributo portando a termine la prova. Ogni partecipante riceverà un punteggio da 1 a 5, e il migliore ne avrà ben 10. Sommando tutti i punteggi, avremo il genere vincitore che passerà alla fase successiva del gioco!  

LA PROVA 
Si sa che l'incipit di un libro spesso è quello che conquista il lettore e lo convince a scegliere una lettura piuttosto di un altra. L'incipit deve essere d'effetto, intrigante, efficace. Ma non è così facile catturare il lettore in poche righe. Oggi vi sfiderete proprio a colpi di incipit! Sceglietene uno tra i più belli ed intriganti che vi sia capitato di leggere, uno di quelli che convincono subito e fanno venir voglia di leggere il libro tutto d'un fiato! Riportatelo tra i commenti, e non dimenticate di citare titolo e autore!
 
I PREMI
Il commento migliore riceverà in premio uno di questi ebook, a seconda del genere che deciderà di sostenere. Per gli amanti degli young adult, Ogni giorno di David Levithan, la toccante storia di un amore che va oltre il corpo e le apparenze, invece per chi preferisce gli erotici, Menage proibito di Lora Leigh, un rovente triangolo amoroso. Il vincitore lo riceverà per email! RICORDATE: per poter vincere il premio finale (un buono Amazon da 10 €) dovete partecipare ad almeno sei dei dieci duelli! 

Avete tempo per partecipare fino al 5 gennaio! 
Sotto con i commenti, e che vinca il migliore! 

11 commenti:

  1. Questo duello mi è poco congeniale, comunque se proprio devo scelgo il genere Young adult e riporto l'incipit de "Il mio meraviglioso silenzio ",uno dei pochissimi Young adult che mi sono piaciuti:
    "Morire non è poi così male dopo la prima volta. Lo so per esperienza. La morte non mi spaventa più. È tutto il resto a spaventarmi."

    RispondiElimina
  2. Qui ci vado a colpo sicuro! Scelgo Young Adult :)
    Il mio incipit è tratto da Città di Carta di John Green
    "Un miracolo capita a tutti. Io la vedo così. Tipo, non sarò mai colpito da un fulmine, non vincerò un premio Nobel, non diventerò il dittatore di un piccolo Stato delle Isole del Pacifico, non mi verrà un tumore maligno a un orecchio, non morirò per combustione spontanea. Se però proviamo a vederle tutte insieme, queste cose altamente improbabili, salta fuori che a ognuno di noi prima o poi ne capita almeno una. Quasi di sicuro. Io potrei aver visto piovere rane. Potrei aver messo piede su Marte. Potrei essere stato inghiottito da una balena. Potrei aver sposato la regina d’Inghilterra o essere sopravvissuto per mesi in mare. Ma il mio miracolo è stato un altro. Il mio miracolo è stato questo: tra tutte le case di tutti i quartieri di tutta la Florida, mi sono ritrovato a vivere nella porta accanto a quella di Margo Roth Spiegelman."

    RispondiElimina
  3. Eccomiii!! Allora, scelgo Young Adult e l'incipit che riporto è quello di Teorema Catherine, di John Green:
    "Il mattino dopo aver conseguito il diploma di scuola superiore ed essere stato piantato per la diciannovesima volta da una ragazza di nome Catherine, Coling Singleton, noto ragazzo prodigio, si fece un bagno. Colin aveva da sempre preferito i bagni alle docce; una delle sue regole generali di vita era: "Non fare mai in piedi ciò che puoi fare anche sdraiato""

    RispondiElimina
  4. Questa volta passo...non leggo né l'uno né l'altro...!! XD

    RispondiElimina
  5. Questa sfida è facile!! Ovviamente scelgo YA: amo questo genere! Ho scelto l'incipit di Oltre i limiti di Katie McGarry.

    Echo
    “Mio padre è un maniaco del controllo, odio la mia matrigna, mio fratello è morto e mia madre ha… be’… dei problemi. Come crede che stia?”
    È così che avrei voluto rispondere alla domanda della signora Collins, ma mio padre dava troppa importanza alle apparenze perché replicassi con onestà. Perciò sbattei tre volte le palpebre e dissi: «Bene».
    La signora Collins, la nuova psicologa della Eastwick High, si comportò come se non avessi aperto bocca: spostò una pila di cartelline al lato della scrivania già stracolma e frugò tra i vari documenti, mettendosi a canticchiare quando trovò il mio fascicolo, spesso quasi otto centimetri; poi si premiò con un sorso di caffè, lasciando un’impronta di rossetto rosso sul bordo della tazza. L’odore di caffè scadente e di matite appena temperate riempiva l’aria.
    Alla mia destra, mio padre sbirciò l’orologio mentre, alla mia sinistra, la Perfida Strega dell’Ovest si agitava impaziente sulla sedia. Stavo perdendo la prima ora di calcolo, mio padre una riunione molto importante, e la mia matrigna di Oz…? Di sicuro stava perdendo la concentrazione.
    «Non trovate che gennaio sia fantastico?» domandò la signora Collins aprendo la mia cartellina. «Anno nuovo, mese nuovo, un nuovo programma a cui lavorare.» Senza aspettare una risposta, proseguì: «Vi piacciono le tende? Le ho fatte io».
    Con un movimento sincronizzato, mio padre, la mia matrigna e io ci volgemmo verso le tende a pois rosa appese alle finestre che davano sul parcheggio degli studenti. Facevano un po’ troppo Casa nella Prateria, un vero e proprio pugno in un occhio per i miei gusti. Nessuno di noi rispose, e il silenzio creò un pesante imbarazzo.
    Il Blackberry di mio padre vibrò. Con uno sforzo esagerato, se lo sfilò dalla tasca per controllare il display. Ashley tamburellò le dita sulla pancia arrotondata, mentre io leggevo le varie targhe dipinte a mano appese al muro, così da concentrarmi su qualsiasi cosa che non fosse lei.
    IL FALLIMENTO È IL TUO UNICO NEMICO. SE VUOI SALIRE NON GUARDARE IN BASSO. ABBIAMO SUCCESSO SOLTANTO SE CI CREDIAMO. SOPRA LA PANCA LA CAPRA CAMPA; SOTTO LA PANCA LA CAPRA CREPA.
    Ok… l’ultima frase non c’era, ma se ci fosse stata l’avrei trovata divertente.

    RispondiElimina
  6. Stavolta come genere scelgo "Young Adult",sicuramente lo preferisco al genere erotico :3
    Per l'incipit ho scelto il libro "Quando il diavolo mi ha preso per mano",è il primo che mi è venuto in mente e mi è rimasta in presso questo:
    "Molte persone hanno una brutta storia, però se si lagnano e raccontano la propria al primo venuto è una schifezza. O almeno una mezza schifezza. La roba che ferisce veramente la gente, ciò che quasi la distrugge… Quella nessuno la racconta. Mai."

    RispondiElimina
  7. Decisamente YA, uno dei miei generi preferiti! E per l'occasione ho scelto l'incipit di Wintergirls di Laurie Halse Anderson:

    "Me lo dice così, con le parole che le vengono fuori insieme alle briciole del muffin ai mirtilli e le virgole che si tuffano nella tazza del caffè.
    Me lo dice in quattro frasi. No, cinque.
    Non vorrei ascoltarla, ma ormai è troppo tardi. Le parole s’insinuano dentro di me e mi trafiggono. Quando arriva il momento peggiore del racconto

    … corpo ritrovato nella stanza di un motel, la ragazza era sola…

    … mi muro dentro e sbarro le porte. Annuisco come se ascoltassi, come se comunicassimo, ma non è così e lei non se ne accorge.
    Non è bello quando le ragazze muoiono. "

    RispondiElimina
  8. Nessuno dei due generi mi fa impazzire, ma scelgo YA.
    Ho scelto l'incipit de L'estate dei segreti perduti, E. Lockhart.

    "Benvenuti nella splendida famiglia Sinclair.
    Qui non ci sono criminali. Non ci sono drogati. Non ci sono falliti.
    I Sinclair sono atletici, alti e belli. Siamo una facoltosa famiglia di stirpe democratica. Abbiamo sorrisi smaglianti, menti squadrati e un temibile servizio a tennis. Non importa se i divorzi straziano i muscoli dei nostri cuori. Non importa se il fondo fiduciario si sta esaurendo e le fatture inevase si accumulano sul ripiano della cucina. Non importa se i flaconi di pillole affollano il comodino. Non importa se uno di noi è perdutamente, disperatamente innamorato.
    Un amore così estremo da richiedere un rimedio altrettanto estremo.
    Siamo Sinclair.
    Nessuno è spiantato."

    RispondiElimina
  9. Scelgo YA!
    Jason Carrillo fece il giro deisolato per la terza volta, cercando di decidersi a entrare nell'edificio. Quando finalmente scese dal marciapiede per attraversare la strada, una macchina sterzòbruscamebte e lo superò strombazzando. Jason fece un salto indietro e trattenne il fiato. Merda. Ci mancava solo che si facesse investire e finisse al pronto soccorso. I suoi avrebbero scoperto che non era andati al parco a giocare a basket come aveva detto.
    Aveva letto di quel gruppo di adolescenti gay sul giornale della scuola, prima dell'estate. Aveva strappato via il numero e l'aveva tenuto nel portafoglio per settimane. Ogni tanto lo prendeva, fissava le cifre e poi lo ripiegava, finché una sera in cui i suoi erano usciti con sua sorella e lui era solo in casa, aveva disteso il pezzetto di carta e fatto il numero.

    Rainbow boys - Sanchez

    :)

    RispondiElimina
  10. Ok confesso, a me il genere erotico piace. Sono pochi gli scrittori veramente in gamba in questo genere, ho letto di quelle schifezze.. Tiffany Reisz io l'adoro. Ho addirittura letto in inglese a causa sua tanto volevo leggere il seguito!
    Ok, quindi ecco l'incipit di "Peccato originale- il ritorno" il quarto libro della serie.

    "Quando Nora rinvenne aveva di nuovo quindici anni. Doveva essere così. Cos'altro poteva spiegare la sedia di ferro gelida sulla quale era seduta, l'implacabile metallo delle manette ai polsi e il terrore che provava?
    Sofferente e confusa, Eleanor Schreiber aprì gli occhi e sollevò la testa. Di fronte a lei, nella sala degli interrogatori della stazione di polizia, sedeva il nuovo prete del Sacro Cuore. Erano le tre di un sabato notte e quell'uomo era lì, davanti a lei, con il volto da ventinovenne ma gli occhi così antichi che forse avevano visto Gesù in carne e ossa [...] Il prete, padre Stearns per la chiesa ma Soren per lei, non diceva nulla. Si limitava a guardarla con un lieve sorriso che gli aleggiava sulle labbra."

    RispondiElimina
  11. In questo duello mi viene più che facile schierarmi dalla parte dello young adult visto che è in assoluto il genere che leggo di più! Gli erotici invece proprio non fanno per me :/ cioè per carità, magari apprezzo qualche scena hot nel giusto contesto, ma niente di eccessivo. Non ce la farei a leggere un libro incentrato solo sul sesso °-°

    Detto questo... bellissima questa sfida a colpi di incipit *__* ho scelto quello di The sky is everywhere di Jandy Nelson che mi ha molto colpito la prima volta che l'ho letto :D

    La nonna è preoccupata per me. Non soltanto perché mia sorella Bailey è morta quattro settimane fa o perché mia madre non si fa viva da sedici anni, e neppure perché tutt'a un tratto penso soltanto al sesso. È preoccupata perché una delle sue piante ha delle macchioline.
    Da quasi diciassette anni, vale a dire più o meno da quando sono nata, è convinta che questa comunissima piantina rifletta il mio benessere fisico, emotivo e spirituale. E anch'io ho finito per crederci.
    Adesso ce l'ho davanti, la nonna, con il suo metro e ottanta e il grembiule a fiori, che contempla corrucciata quei puntini neri sulle foglie.
    «In che senso potrebbe non farcela?», domanda allo zio Big, esperto arborista, spinellone di casa e, per finire, scienziato pazzo. Sa un po' di tutto, ma quando si parla di piante è un'autorità.
    A chiunque altro potrebbe apparire insolito, addirittura bizzarro, che lo sguardo della nonna, mentre fa questa domanda, sia rivolto a me, ma non lo è per zio Big, che mi sta fissando pure lui.
    «Questa volta il problema è grave.»

    RispondiElimina