venerdì 17 ottobre 2014

Chi ben comincia #13: Splintered di A.G. Howard

Ciao a tutti! Oggi ho pensato di tradurvi l'incipit di un libro di cui è stato fortunatamente annunciato un prossimo arrivo in Italia. Dovremo aspettare ancora qualche mese, ma dopo tanto averne sentito parlare anche noi potremo leggere Splintered, primo capitolo di un interessante retelling di Alice nel paese delle meraviglie. Sono un po' preoccupata perchè a pubblicarlo sarà la Newton Compton, che non si occupa molto di questo genere, e si vede già dal titolo annunciato, Il mio splendido migliore amico. Ovviamente, con tutte le cose che potevano usare, vanno sempre a battere sul lato sentimentale per farlo sembrare l'ennesimo new adult. Sigh. PERCHE'??? Ma siamo fiduciosi. Intanto vi lascio con l'incipit :)

Titolo: Splintered (Splintered #1)
Autore: A.G. Howard
Editore: Amulet Books
Pagine: 400
Prezzo: 8,95 $
Anno: 2013
 
Trama: Alyssa Gardner sente i sussurri di insetti e fiori, proprio come sua madre, finita in un ospedale psichiatrico anni prima. Questa maledizione di famiglia risale alla sua antenata Alice Liddell, che ha ispirato Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll. Alyssa potrebbe essere pazza, ma riesce a tenere i suoi poteri sotto controllo. Per ora. Quando la salute mentale della madre peggiora, Alyssa viene a sapere che quello che credeva essere finzione si basa su una realtà terrificante. Il vero paese delle meraviglie è un luogo molto più oscuro e contorto di quanto Lewis Carroll abbia dato ad intendere. Lì, Alyssa deve superare una serie di prove, tra cui prosicugare l'oceano di lacrime di Alice, movimentare un tea party addormentato e sottomettere un vizioso Bandersnatch, per correggere gli errori di Alice e salvare la sua famiglia. Deve anche decidere di chi fidarsi: Jeb, il suo splendido migliore amico e cotta segreta, o il bellissimo ma sospetto  Morpheus, la sua guida attraverso il paese delle meraviglie, che potrebbe avere oscure intenzioni
 
Uscirà a febbraio 2015 per Newton Compton
 
"Colleziono insetti da quando avevo dieci anni; è l'unico modo in cui posso fermare i loro sussurri. Conficcare uno spillo nelle viscere di un insetto lo zittisce piuttosto in fretta.
Alcune delle mie vittime sono allineate in bacheche sul muro, mentre altre sono dentro barattoli sistemati su una mensola per un uso futuro. Grilli, scarabei, ragni.. api e farfalle. Non sono schizzinosa. Una volta che diventano chiacchieroni, la caccia è aperta.
Sono piuttosto facili da catturare. Tutto quello che serve è un barattolo di plastica sigillato pieno di sabbia per lettiera e qualche buccia di banana sparsa sopra. Fai un buco sul coperchio, inserisci un tubicino di pvc, e ottieni una trappola per insetti. Le bucce della frutta li attraggono, il coperchio li intrappola, e l'ammoniaca della sabbia li soffoca e li preserva.
Gli insetti non muoiono invano. Li uso nella mia arte, sistemando i loro corpi in nuove linee e forme. Fiori e foglie secchi e pezzi di vetro aggiungono colore e trama alle fantasie formate su sfondi si gesso.  I miei capolavori.. i miei macabri mosaici. 
La scuola è finita a mezzogiorno oggi per gli studenti più grandi. Ho passato le ultime ore lavorando al mio nuovo progetto. Un barattolo di ragni è sistemato tra gli attrezzi che ingombrano la mia scrivania.
Il dolce profumo dell'asteracea arriva attraverso la finestra della mia camera. C'è un campo di erbe vicino a casa mia che attrae un genere di ragno-granchio che cambia colore—come camaleonti a otto zampe—per muoversi indisturbato tra i i fiori gialli o bianchi.
Svitando il tappo del barattolo, tifo fuori trentacinque dei piccoli aracnidi bianchi con delle lunghe pinzette, attenta a non schiacciare i loro addomi o a non spezzare le loro zampe. Con spilli piccoli e lunghi, li assicuro ad uno sfondo di plastica tinto di nero già ricoperto di scarabei selezionati per il loro luccichio cangiante come il cielo stellato. Quello che sto immaginando non è il solito spruzzo di stelle; è una costellazione che si avvolge in lievi punti di luce. Ho centinaia di scene contorte come questa in testa e non ho idea da dove arrivino. I miei mosaici sono l'unico modo per tirarli fuori."
Livello di difficoltà 6/10

10 commenti:

  1. Un bellissimo libro, secondo me, suggestivo e intrigante nonostante i vari (e numerosi) difetti. A me è piaciuto tanto: non vedo l'ora che esca in Italia, per poter ascoltare cosa ne pensano gli altri lettori italiani! ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo di aver letto la tua recensione! Io sono davvero curiosissima, spero non mi deluda, i pareri sembrano piuttosto positivi :)

      Elimina
  2. A me invece non ha convinto.. mm. Cioè, l'ho trovato carino e ben congegnato/immaginato, ma non mi ha entusiasmato lo stile di scrittura e beh i troppi luoghi comuni YA :/
    Ovviamente il titolo non ci azzecca nulla, assurdo! Comunque lo rileggerò in italiano, curiosa di come abbiano reso alcune cose :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono molto molto curiosa, vedremo come andrà :D

      Elimina
  3. Ok. a me i ragni fanno un tantinello ribrezzo, cercherò di non farmi influenzare troppo da questo incipit xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inquieta parecchio pure me come incipit, nonostante non abbia particolari problemi con gli insetti. Mi immagino questa ragazza tutta intenta a giocare all'allegro chirurgo con gli insetti. Brrrr.

      Elimina
  4. Questo incipit è troppo promettente :3 io il libro ce l'ho in lingua che me l'ha regalato un'amica *^* il titolo italiano non si può sentire D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto cercando di sperare che almeno tengano la copertina, o facciano qualcosa di simile, basta modelle gnocche tutte uguali D:

      Elimina
  5. Dall'incipit sembra interessante :)
    Ovviamente il titolo italiano è terribile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può sentire :'( Tremo al pensiero della copertina.. Metteranno un'altra di quelle ragazze scialbe e gnocche che mettono sempre T.T

      Elimina