domenica 27 luglio 2014

Lettori si nasce #11

Ciao a tutti! Oggi vi parlo di un libro che è entrato nella mia libreria molti anni fa, quando ero una bambina, e che ancora custodisco gelosamente, un po' provato dalle tante letture, con la copertina a brandelli, le pagine ingiallite e tracce delle orecchie che facevo da piccola per tenere il segno (non si fa, piccola io!). Il ragazzo piuma è uno dei due soli libri di Nicky Singer, autrice inglese dedita tanto ai libri per ragazzi quanto a quelli per adulti, arrivati nel nostro paese. E' uscito nel 2001, in Italia nel 2002, e ha segnato il debutto dell'autrice nella letteratura per ragazzi. Da questo libro sono stati tratti un musical e una serie per la BBC. La prima volta che l'ho letto l'ho trovato bizzarro, ma lettura dopo lettura l'ho amato sempre di più! E' una storia davvero bella, commovente e toccante. Se non conoscete questo libro, dovete rimediare!

Titolo: Il ragazzo piuma
Autore: Nicky Singer
Editore: Fabbri Editori 

Anno: 2002

Trama: Robert, detto Norbert, ha dodici anni ed è un vero disastro. Ha gli occhiali, quando qualcuno non glieli porta via, e questo succede spesso. A scuola è perseguitato da Niker, il bullo della classe. Non riesce ad attirare l'attenzione di Kate. A casa è solo, molto solo. Quando parte un progetto di collaborazione con gli anziani di una casa di riposo, Robert finisce in coppia con Edith, una vecchia ostile e insolente. Ma qui comincia per lui un'avventura inquietante, sulle tracce di un ricordo, che lo porta ad arrampicarsi fino all'ultimo piano di una casa abbandonata: un luogo sinistro che la leggenda vuole teatro di un dramma. Qual è il segreto di Edith? Perchè la vecchia chiede a Robert un mantello di piume? E come si fa a volare? 


Questa è la storia di Robert, un dodicenne imbranato e un po' sfigato, magrolino, con gli occhiali, che tutti prendono in giro per la sua poca intraprendenza chiamandolo Norbert No Palle. Tiranneggiato dai compagni di classe, solo, emarginato, cosa potrebbe andare peggio? Un giorno alla sua classe viene proposto un progetto in collaborazione con gli anziani della casa di riposo, storie passate viste con gli occhi del futuro, anziani e giovani che si scambiano racconti ed esperienze. Quello sarà l'inizio di qualcosa di meraviglioso, che insegnerà a Robert ad essere coraggioso e a credere in sè stesso. Alla casa di riposo conosce Edith, una signora eccentrica dal passato misterioso. Edith vede in Robert qualcosa che nessuno ha mai visto prima, il coraggio nascosto dietro gli occhialoni e l'aria impaurita, la voglia di fare capire a tutti chi è davvero, e gli chiede di fare due cose per lei. La prima è di entrare nell'appartamento all'ultimo piano di Chace House, una vecchia casa abbandonata da brividi. Per un fifone come lui, è una prova davvero dura. Di quella casa raccontano storie spaventose. Ma come negare qualcosa ad una vecchietta malata? Robert l'accontenta, vivendo l'esperienza più spaventosa della sua vita, ed esce da quella casa diverso, più coraggioso. Ma non è finita. Edith racconta a Robert una storia, la storia di una fenice, e poi gli chiede di costruire per lei un mantello di piume. Anche se il ragazzino pensa che tutta la faccenda sia folle e che la vecchietta stia iniziando ad uscire di testa, non riesce a dirle di no, e quel compito diventa presto di importanza vitale per lui, che nel profondo si convince che se riuscirà a terminare il mantello per Edith, lei sopravivrà. E' ancora più certo di questo quando la donna peggiora drasticamente, proprio dopo che uno dei bulletti che lo tormenta danneggia il suo lavoro, strappando alcune piume, che vanno perdute. Ormai è certo che la vita di Edith sia legata a quelle piume, a quei fili che le sue dita tozze e inesperte cuciono senza sosta. Ma Robert non si darà per vinto e lotterà con tutte le sue forze scoprendo un coraggio e una tenacia mai mostrati prima. Due storie che si intracciando, due anime così diverse ma così simili che si salveranno a vicenda. Robert è un ragazzino in cui molti di noi si potrebbero rivedere, ha tutte le problematiche che alla sua età abbiamo affrontato un po' tutti: l'insicurezza per l'aspetto fisico, le diatribe con i compagni, le prese in giro, gli scherzi, le bugie ai genitori, i sospiri per la ragazzina dei sogni. Ma soprattutto, a quell'età non sappiamo ancora chi siamo, e tanti aspetti del nostro carattere devono ancora svilupparsi a pieno. In questo libro Robert è un ragazzino insicuro e chiuso, ma la sua amicizia con Edith e le prove che si ritrova ad affrontare lo fanno crescere e cambiare. Edith è stata di sicuro di grande impatto su di lui, l'ha influenzato positivamente, l'ha spinto a superare i suoi limiti e a rischiare. A credere. Una storia davvero bella, commovente. Da amare.

2 commenti:

  1. Oh, la storia sembra così tenera! *__* il pensiero dell'eccentrica amicizia fra un ragazzino solo e una vecchina un pò brontolona, per un istante, mi ha fatto pensare a "up"! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero molto dolce come libro! Devo assolutamente rileggermelo prossimamente :) Oh Up lo adoro, in effetti quando mettiamo insieme ragazzini e burberi vecchietti se ne vedono sempre delle belle!

      Elimina