mercoledì 30 luglio 2014

Chi ben comincia #9

Ciao a tutti! Oggi, tra un acquazzone e l'altro, vi propongo l'incipit di un libro che mi ispira moltissimo e che devo assolutamente decidermi a leggere: Invisibility. Si tratta di un paranormal romance autoconclusivo scritto a quattro mani da Andrea Cremer, autrice delle serie Nightshade, e David Levithan, autore di Ogni giorno. Promette davvero bene, cosa ne pensate? :)

 
 
Chi ben comincia..  
Invisibilty di Andrea Cremer
e David Levithan  
 
Pubblicazione in Italia ancora non prevista 



Sono nato invisibile.
Non ho idea di come siano andate le cose. Mia madre è andata all'ospedale, aspettandosi la nascita di un altro normalissimo bambino visibile? O credeva nella maledizione, sapeva quello che stava per succedere e mi ha avuto in segreto? E' strano da immaginare, perfino per me: un bambino invisibile, nato nel mondo. Come sarà stato il momento in cui sono stato stretto tra le braccia di mia madre, e non c'era niente da vedere, ma solo da sentire? Non me l'ha mai detto. Per lei, il passato è sempre stato invisibile, come lo sono io. Si è lasciata sfuggire che c'era di mezzo una maledizione—parole arrabbiate sussurrate a mio padre, non fatte per le mie orecchie. Ma era così. Non c'erano altri perchè. Non c'erano altri come. C'era solo il cosa, e quello era la mia vita.
Invisibile. Sono invisibile.
Vorrei continuare a chiedere ai miei gentori perchè. Vorrei continuare a chiedere ai miei gentori come. Ma non posso. Non ci sono più.
Mio padre se n'è andato quando ero piccolo. Era troppo per lui.
Mia madre ha tirato avanti il più a lungo possibile. Quindici anni. E poi il suo corpo non ha più retto. Un vaso sanguigno nel cervello. 
Sono solo da quasi un anno ora.
Non posso essere visto, non importa quanto duramente ci provi. Posso essere toccato, ma solo se mi concentro. E posso sempre essere sentito, se scelgo di parlare. Queste, immagino, sono le regole della maledizione. Ci sono abituato, ma non le capisco.
Quando ero piccolo, avevo automaticamente un peso, ma più diventavo cosciente della mia situazione, e più dovevo concentrarmi per restare. Non evaporo—tutto è ancora al suo posto, quindi non cado dai pavimenti o non attraverso i muri. Ma toccare—quello richiede uno sforzo.
Per il mondo, non sono solido, ma il mondo è solido per me. 
Livello di difficoltà 6/10

Titolo: Invisibility
Autore: Andrea Cremer e David Levithan
Editore: Philomel
Pagine: 358
Prezzo: 9,99 $
Anno: 2013

Trama: Stephen è stato invisibile per tutta la vita a causa di una maledizione che suo nonno, un potente cursecaster, ha lanciato su sua madre prima che lui nascesse. Così, quando Elizabeth si trasferisce dal Minnesota a New York, nel condominio in cui vive anche Stephen, nessuno è più sorpreso di lui dal fatto che lei possa vederlo. Tra i due inizia una storia d'amore, e quando Stephen si confida con lei circa la sua situazione, i due decidono di tuffarsi a capofitto nel mondo segreto dei cursecaster e dei spellseeker per scoprire un modo per spezzare la maledizione. Ma le cose non vanno come previsto, in particolare quando il nonno di Stephen arriva in città, sfogando la sua rabbia su chiunque incontri. Alla fine, Elizabeth e Stephen devono decidere quanto sono disposti a sacrificare affinchè Stephen torni visibile, perché la risposta potrebbe significare la differenza tra la vita e la morte. Almeno per Elizabeth.  

4 commenti:

  1. Che trama curiosa, il ragazzo invisibile.. Decisamente originale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Conoscendo Levithan mi aspetto una cosa mooolto carina *_*

      Elimina
  2. Prospetta moolto molto bene. Mi piace il fatto che venga affrontata l'invisibilità come problema, come croce da portare, e non più come desiderio. Subito aggiunto alla mia wishlist! (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha incuriosito per questo, perchè di solito l'invisibilità è un potere figo, ma quando non si ha controllo su di essa, diventa un dramma. Sono curiosissima di vedere come si sviluppa questa storia! :)

      Elimina