sabato 17 maggio 2014

Chi ben comincia #6

Ciao a tutti! Oggi vi propongo l'incipit di un libro che ho appena finito di leggere, The Ghost and the Goth, primo capitolo della surreale trilogia che racconta dell'improbabile idillio tra Alona, bellissima cheerleader passata da poco a miglior vita, e Will, capace di vedere i fantasmi. Ho trovato la storia molto carina. Alona e Will sono diversissimi, e non solo perchè lei è morta e lui è vivo. In vita lei non avrebbe mai rivolto la parola ad uno come lui, ma la morte ti fa riconsiderare le priorità no? Lui è l'unico che può aiutarla a capire perchè si trova ancora qui e non è andata oltre. Ma lei non è l'unico problema di Will. Tutti i morti del circondario lo implorano di aiutarli ed è difficile ignorarli e vivere una vita normale. Lo psicologo che lo segue aspetta solo una sua mossa falsa per farlo internare, così lui è costretto a tenersi tutto dentro, non può parlare del suo dono con nessuno..a parte i morti. Non un capolavoro, ma godibile e divertente, anche se forse un po' lento e parecchio complicato a livello di lessico. Ecco il prologo!





 Chi ben comincia.. 
The Ghost and the Goth di Stacey Kade 

Pubblicazione in Italia ancora non prevista  




Era piuttosto facile sgattaiolare fuori da scuola. Lo sapevo grazie ad esperienze passate. Questa volta, tutto ciò che devevo fare era aspettare finchè Mrs Higgins non avesse accompagnato tutti alla pista all'aperto e poi scivolare dietro gli spalti e costeggiarli fino all'altra apertura nella rete metallica.
Tornare dentro, invece..quella sarebbe stata una rogna. Ma me ne sarei occupata una volta tornata indietro. Come sempre.
Tremai nella fresca brezza del mattino. Erano le sette, o poco prima, del primo giorno di maggio, e non faceva ancora caldo abbastanza per andarsene in giro con la stupida maglietta leggera e i pantaloncini corti che ci facevano indossare per ginnastica. Almeno sulla pista le gradinate bloccavano il vento e la cenere nera trattenuta dal caldo del giorno prima. Lì fuori, non avevo altro che la rabbia a riscaldarmi.
Come può averlo fatto di nuovo? Non ci è andata? Non sarebbe mai dovuto accadere. Non ci sarebbe stato un lieto fine per lei, non questa volta. Ed ero davvero stanca di ricevere chiamate da lui a proposito di lei, e velate domande su di lui da lei.
Presi ritmo, dirigendomi verso i campi da tennis. Dopo un veloce sguardo alle mie spalle per assicurarmi di aver messo abbastanza distanza tra me e la pista, aprii il cellulare, che tenevo nascosto in una mano per evitare di far arrabbiare Mrs. Higgins, e selezionai la composizione veloce. Numero uno, ovviamente.
Il telefono suonò dall'altra parte, e lo immaginai illuminarsi speranzoso nella cucina buia, sul bancone di granito appiccicoso. Lei non avrebbe risposto. Questo non avrebbe intralciato  il suo piano, ma almeno avrebbe saputo che ero io a chiamare. Avrebbe stretto al petto il cordless del piano di sopra, controllato il numero da cui arrivava la chiamata, sperando fosse lui e non io.
Sperai che qualcuno mi uccidesse prima che mi capitasse di arrivare a desiderare così disperatamente l'attenzione di qualcuno. Sul serio, era patetico. E lei stava rovinando delle vite. Per essere più precisi, la MIA vita. Ora, non solo avrei dovuto mentire di nuovo a Mrs. Higgins sul motivo per cui avevo abbandonato la lezione—qualcosa che non ero contraria a fare nella giusta circostanza e per il giusto motivo, e questo non era il caso—ma avevo anche mancato l'appuntamento prima dell'inizio delle lezioni con Chris e Misty, il mio ragazzo e la mia migliore amica, il che avrebbe richiesto un'altra bugia. Si sopportavano solo per il mio bene e odiavano quando non ero lì per aribitrare. Peggio ancora, era il giorno dedicato ai ragazzi dell'ultimo anno, e ora l'armadietto di Chris, a differenza quello del resto dei suoi amici atleti, sarebbe rimasto disadorno fino all'ora di pranzo, quando avrei finalmente avuto un po' di tempo per decorarlo.
Non che a lei importasse qualcosa. Non le importava di nessuno a parte se stessa.
Nel tempo che occorse alla segreteria telefonica per attivarsi, mi ero davvero incazzata. Camminai pesantemente dietro ai campi di tennis verso Henderson Street, in attesa del fastidioso bip. Quando arrivò, urlai nel telefono così che potesse sentirmi dal suo nido di lenzuola intrecciate e spiegazzate al piano di sopra. "So che mi puoi sentire, e non posso credere che mi stai facendo questo un'altra volta. Non hai un briciolo di orgoglio? Ha chiamato me, me, non te. Mio Dio, supera questa cosa e—"
Un'esplosione di aria calda mi raggiunse, distraendomi per un secondo dalle urla, e capii che ero finita sulla strada senza nemmeno accorgermene. In quel momento, sentii il rumore di un clacson, puzza di gomma bruciata, e vidi il piatto, luminoso naso giallo aranciato di un autobus scolastico avvicinarsi alla mia faccia ad una velocità inarrestabile.
Dio, gli autobus sono così brutti quando li vedi così da vicino.
Livello di difficoltà 8/10

Titolo: The Ghost and The Goth (The Ghost and the Goth #1)
Autore: Stacey Kade
Editore: Hyperion Book
Pagine: 304
Prezzo: 8,99 $
Anno: 2011 


Trama: Alona Dare, ultimo anno, capitano delle cheerleader, reginetta per tre anni di fila, votata come quella con più probabilità a sposare una star del cinema.. e morta. Will Killian, ultimo anno, emarginato, soprannominato "Will Kill" dalla folla popolare per l'aura ultraterrena che gli aleggia intorno, votato come quello con più probabilità a rapinare una banca.. e può parlare coi fantasmi! 

8 commenti:

  1. Leggere questa trilogia è stato estremamente divertente! E' diventata una delle mie letture preferite anche se forse la storia è un pò prevedibile per certi aspetti. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto solo il primo libro finora, e mi ha divertito molto, la proseguirò di sicuro :)

      Elimina
  2. Il livello di difficoltà mi frena un pochino ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato un po' difficile, sicuramente è stato quello che mi ha dato più difficoltà finora, ho incontrato davvero molte parole che non conoscevo e questo mi ha parecchio rallentato. Non aiuta il fatto che lo stile dell'autrice non sia particolarmente scorrevole. Ma vale la pena dargli una possibilità :)

      Elimina
  3. Io lo avevo iniziato mesi fa e non mi sembrava tanto difficile... cioè lo leggevo bene XD però mi sono fermata perché ogni capitolo mi sembrava lunghissimo °__° un parto! Aspetto la tua recensione per decidere se continuare o meno XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato un po' difficile ç_ç Forse non ha aiutato che lo stile fosse un po' lento, come dici tu i capitoli spesso sembrano non finire mai xD Però alla fine è carino :)

      Elimina