venerdì 4 aprile 2014

RECENSIONE: Silver - Kerstin Gier

Titolo: Silver (Silver #1)  
Titolo originale: Silber 
Autore: Kerstin Gier
Editore: Corbaccio  
Pagine: 324     
Prezzo: 16,40 Euro   
Anno: 2014

Trama: Porte con maniglie a forma di lucertola che si spalancano su luoghi misteriosi, statue che parlano, una bambinaia impazzita che si aggira con una scure in mano… I sogni di Liv Silver, quindici anni, negli ultimi tempi sono piuttosto agitati. Soprattutto quello in cui si ritrova di notte in un cimitero a spiare quattro ragazzi impegnati in un inquietante rituale esoterico. E questi tipi hanno un legame con la vita vera di Liv, perché Grayson e i suoi amici sono reali: frequentano la stessa scuola, da quando Liv si è trasferita a Londra. Anzi, per dirla tutta, Grayson è il figlio del nuovo compagno della mamma di Liv, praticamente un fratellastro. Meno male che sono tutti abbastanza simpatici. Ma la cosa inquietante – persino più inquietante di un cimitero di notte – è che loro sanno delle cose su Liv che lei non ha mai rivelato, cose che accadono solo nei suoi sogni. Come ciò possa avvenire resta un mistero, esattamente il genere di mistero davanti al quale Liv non sa resistere..

Recensione 
Come dice Sailor Greco, i genitori non vanno uccisi, vanno sopportati, e questo Liv lo sa bene! E' una vita che sua madre la trascina da un angolo all'altro del globo per seguire il suo lavoro. Ma stavolta, pare proprio che sia intenzionata a restare: ha conosciuto un uomo, a Londra, ed è pronta a trasferirsi con figlie, bambinaia, cane e tutta la baracca a casa di lui, già dotato a sua volta di due figli adolescenti. E proprio il suo nuovo fratellastro, Grayson, è protagonista di un  bizzarro sogno in cui appare con altri tre bellissimi ragazzi. Non ci sarebbe niente di strano, nonostante il cimitero e gli strani riti esoterici, se non fosse che il primo giorno di scuola Liv ritrova quei tre ragazzi sconosciuti per i corridoi della scuola, fianco a fianco con Grayson. Ancora più strano è che lei sappia cose su di loro che non dovrebbe sapere, così come loro sanno cose su di lei che lei ha rivelato solo in sogno. Ben presto Liv scopre un mondo incredibile, fatto di porte magiche, di sogni, di segreti..     

Kerstin Gier ormai è una garanzia. Dopo la meravigliosa trilogia delle gemme, una serie che mi è piaciuta davvero moltissimo, non potevo non darle almeno una chance. Questo primo capitolo delle sua nuova trilogia forse non sarà all'altezza di Red, ma funziona alla grande, e riempie il cuore di buone speranze nei confronti della serie. Stavolta la protagonista è una ragazza di nome Liv alle prese con una situazione familiare a dir poco intricata. Dopo una vita passata in giro per il mondo, sua madre sembra aver trovato finalmente un posto in cui desidera restare: Londra. Per questo la famigliola, che comprende anche Mia, la sorellina minore, Lottie, la bambinaia, e la fedele cagnolina Butter ( o meglio, Princess Butter formerly known as Doctor Watson), organizzano l'ennesimo trasferimento. Ormai sono talmente abituate a traslocare, che lo fanno ad occhi chiusi. Liv e Mia però scoprono presto che se vogliono quella stabilità che tanto sognavano, dovranno aggiungere qualche nuovo fattore all'equazione: un nuovo fidanzato per mamma, un fratellastro super sexy, una sorellastra poco collaborativa, e una convivenza decisamente inaspettata. La situazione viene sviluppata con la solita ironia che ormai contraddistingue quest'autrice, con battibecchi e frecciatine irresistibili. Liv e sua sorella Mia sono davvero adorabili, armate di tanta ironia, brillanti, sempre con la risposta giusta sulla lingua. Due sorelle con un rapporto molto stretto, capaci di ridere e scherzare, ma anche di parlare di cose serie, nonostante la differenza di età. Sono cresciute con una madre distante, poco presente, e hanno dovuto imparare a contare l'una sull'altra. Al loro fianco nella vita di tutti i giorni c'è Lottie, una buffa governante/bambinaia che le ha cresciute, le ha seguite in giro per il mondo, si è occupata dei loro bisogni, e non le ha più abbandonate, nonostante ormai siano troppo grandi per avere bisogno di una bambinaia. E' una di famiglia e le ragazze non ne vogliono proprio sapere di rinunciare a lei. La loro nuova famiglia allargata comprende anche Ernest, un uomo che tutto sommato non dispiace alle due sorelle, nonostante non siano particolarmente contente della fretta con cui la loro mamma ha deciso di sposarlo. Più problematici sono Grayson e Florence: lui, taciturno, un po' musone, lei, bellissima, impetuosa e decisamente poco felice della recente intrusione. Ma proprio Grayson avrà un ruolo fondamentale. Arriviamo finalmente a parlare dei sogni. L'idea è molto intrigante e affascinante, anche se un po' complessa da spiegare, soprattutto perchè al puzzle mancano ancora parecchi tasselli: ognuno di noi ha una porta dietro cui si nascondono i sogni e gli incubi, il luogo in cui ci rifugiamo di notte durante il sonno. Solo poche persone hanno la consapevolezza dell'esistenza di queste porte, solo pochi sono in grado di uscire dalla propria ed entrare in quella degli altri. Trovo quest'idea tremendamente affascinante, ma anche un po' inquietante. Nei sogni si nascondono i nostri desideri più profondi, i nostri ricordi, le nostre paure. Se qualcuno avesse accesso a quello spazio così privato, potrebbe distruggerci in qualsiasi modo, una volta appresi i nostri pensieri più reconditi. Non posso dirvi di più, ovviamente, ma ho adorato quest'idea! Spero solo che venga sviluppata un po' meglio nei prossimi libri, perchè ho ancora parecchie domande senza risposta a tal proposito. Ho adorato tutto di questo libro: i personaggi, la trama, l'ambientazione, l'ironia dell'autrice. E vogliamo parlare di Secrecy? Intrigante! Un blog che racconta tutti i segreti degli studenti della scuola, una collega della più celebre Gossip Girl. Peccato che non sono una brava investigatrice. Nel dubbio, io dico che è Dan Humphrey lol C'è solo una cosa che mi ha fatto arricciare il naso: Grayson e i suoi tre amici. Per quanto l'autrice cerchi di differenziarli uno dall'altro caratterialmente, il fatto che siamo tutti e quattro biondi, popolari, bellissimi ed affascinanti, mi ha un po' spiazzato. Ho fatto davvero fatica ad inquadrarli uno ad uno, continuavo a confonderli, perchè così simili. Avrei preferito che fossero meglio caratterizzati sia psicologicamente, che fisicamente. Per questo purtroppo non sono riuscita ad apprezzarli più di tanto e tantomeno a godermi la liaison romantica di Liv con uno dei quattro fustacchioni, per quanto dolce e carina. A parte questo difetto comunque, la storia mi ha davvero appassionata e confido che ci sarà un miglioramento su quelle poche pecche di cui il primo capitolo ha sofferto. Kerstin Gier non delude mai!                                               Valutazione: Bellissimo!

I sogni sono il posto migliore dove conoscere una persona, 
con le sue debolezze e i suoi segreti.    

6 commenti:

  1. Io penso che mi dedicherò a questa lettura quando uscirà l'intera trilogia, data la mia esperienza poco emozionante con la trilogia delle gemme.
    ps.: volevo segnalarti il giveaway che è appena iniziato nel mio blog ^^
    http://libridicristallo.blogspot.it/2014/04/giveaway-partecipa-e-vinci-con-libri-di.html

    RispondiElimina
  2. A me purtroppo non è piaciuto :/ ho trovato la storia molto debole, come i personaggi. L'unica che si salva Liv, divertentissima!. Sono rimasta malissimo perché amo la Gier e volevo che questo libro mi piacesse :(

    RispondiElimina
  3. Anche io penso che Silver non sia all'altezza di Red, così come Liv, pur essendo simpatica e svampita, non regge il confronto con la cara Gwen... però questo non mi ha impedito di gustarmi una piacevolissima lettura :)

    Comunque è proprio nello stile della Gier non anticipare nulla e svelare pochissimo, maledetta! XD

    RispondiElimina
  4. Lo ho pronto pronto nel tablet (che praticamente è il mio e-book reader) da leggere!
    Ho amato la trilogia delle gemme, simpatica e divertente, e sono sicura mi piacerà anche questo! :3 bella recensione :3

    RispondiElimina
  5. Concordo, nonostante qualche difettuccio (che confido la Gier sistemerà nei prossimili romanzi U.U) è stata proprio una bella lettura e ho grandi aspettative riguardo al seguito :3

    RispondiElimina
  6. Ahhhh che bella recensione ^^ lo devo iniziare proprio in questi giorni... non vedo l'ora!!!

    RispondiElimina