sabato 9 marzo 2013

Dal libro al film #1: Lorax

Questa è la prima nuova rubrica che introduco. Ogni volta che vedo un bel film mi chiedo sempre se per caso non sia tratto da un libro altrettanto bello, e viceversa. Nel 99% dei casi il libro è meglio,su questo non ci piove, ma è sempre interessante vedere come un libro viene portato sul grande schermo. Oggi inizio parlando di un film recentemente uscito e tratto da un libro per ragazzi di qualche anno fa,uscito per la prima volta nel 1971 e pubblicato in Italia nel 2012,in occasione dell'arrivo del film d'animazione: Il Lorax di Dr Seuss. Forse penserete che sia solo una storia per bambini, ma in realtà è qualcosa di molto più profondo e tocca un argomento molto importante. Vi consiglio di leggerlo e di guardare il film anche se ormai siete adulti, vi farà riflettere, divertire e anche versare qualche lacrimuccia ;)


Titolo: Lorax - Il guardiano della foresta
Titolo originale: The Lorax

Regista:
Chris Renaud e Kyle Balda 

Anno: 2012
Prodotto da: Universal Pictures Illumination Entertainment
Durata: 86 min
Budget: 70 milioni di dollari
Incasso totale: 348 milioni di dollari 
Doppiatori originali: Danny DeVito,Zac Efron, Taylor Swift
Tratto da: Il Lorax di Dr. Seuss


Trama:  Ted è un ragazzino, gentile, perbene e molto intelligente che vive con una nonna, che sembra, un po’ suonata, e una madre piuttosto invadente, nella ridente cittadina di Thneedville. Ted è anche molto innamorato. Audrey è la fortunata, una ragazza sensibile e caratterialmente molto vicino a lui, solo un po’ più grandicella. Proprio per questo il piccolo uomo è sempre alla ricerca di  qualcosa che possa tornargli utile per conquistare definitivamente il cuore dell’amata. Ma sarà lei a dirle quel che vuole: un albero. Eh sì, perché il nostro eroe, vive in un mondo completamente sorvegliato, in una prigione di massima sicurezza dove tutto è finto. Il cibo, i prati e gli alberi. Gli abitanti di Thneedville vivono in una sorta di mega centro commerciale dove tutto si compra, anche l’aria fresca per respirare. Sarà, quindi, l’amore per Audrey che lo spingerà a fuggire da quella ‘città prigione’, andare oltre i confini, e scoprire che un altro mondo esiste. Ovvero l’universo sorvegliato da Lorax, un buffo e un po’ scorbutico, guardiano della Valle di Truffula dove ci sono alberi pelosi, animali, campi nei quali correre. Dove tutto è vero. E dal rapporto tra Ted e Lorax, ha inizio la storia...

Dal libro al film: similitudini e differenze 
In questo caso ci troviamo davanti ad un'ottima trasposizione cinematografica. I libri del Dr Seuss sono celebri soprattutto per le bellissime illustrazioni e nel film le ritroviamo riportate tutte in modo davvero accurato e preciso. E' stato come vedere questo libro animarsi. Il misterioso Once-ler,di cui si vedono solo le braccia guantate di verde,la sua casa, il paesaggio desolato che la circonda, la bellissima foresta con tutti i suoi ospiti animali, la fabbrica e i terribili macchinari che abbattono gli alberi, tutto rispecchia perfettamente lo stile delle illustrazioni originali. La storia narrata nel libro viene ripresa fedelmente,senza nessun cambiamento, è stata però ampliata ,con l'inserimento di nuovi personaggi e nuove situazioni, sia all'interno della storia raccontata da Once-ler, in cui hanno inserito scene davvero esilaranti,ma soprattutto in quella che è la storia di Ted,che è stata inventata quasi totalmente dagli sceneggiatori del film. In fondo si tratta di un libretto che conta solo 70 pagine,riempite principalmente dalle illustrazioni,un ampliamento era davvero necessario per adattarlo al grande schermo. Nel libro non sappiamo perchè Ted si metta in viaggio, sembra che finisca lì per caso, invece nel film il motivo è ben chiaro e ha capelli rossi e due grandi occhioni azzurri: Audrey,la bellissima ragazza di cui lui si è innamorato, che sogna di avere un vero albero. Altri personaggi inseriti nel racconto cinematografico sono la nonna e la mamma di Ted,due personaggi davvero particolari, che aiutano Ted nella sua missione. Anche la città, Thneedville, è un'invenzione degli sceneggiatori del film, che la dipingono inizialmente come una città perfetta,dove tutti sono felici,dove tutto è tecnologico,perfino gli alberi e i fiori. E poi c'è il cattivo,il perfido O'Hare, l'uomo più ricco e potente delle città,che ha basato il suo successo proprio sulla sparizione degli alberi: ebbene sì,vende aria. Sembra uno scherzo,ma senza alberi anche l'aria naturale è sparita. Gli abitanti della città vivono così da talmente tanto tempo che non ricordano nemmeno più come fosse una volta e lui ne approfitta per arricchirsi. Ovviamente appena scopre che Ted ha in mente di riportare gli alberi in città cerca di ostacolarlo in tutti i modi,ma non basterà questo a fermare il nostro giovane eroe. Una cosa che ho apprezzato moltissimo del film è la scena iniziale: Lorax entra in scena parlando in rima, proprio come nel libro. Le canzoni contribuiscono a donare al film il resto della poesia che caratterizzano il libro. Alla fine,a differenza del libro, nel film vediamo finalmente il viso di Once-ler,ormai vecchio, e assistiamo all'incontro tra di lui e Lorax,che finalmente ritorna dopo tanti anni, insomma abbiamo il classico happy ending,invece il libro ha un finale aperto,che però fa ben sperare. Gli sceneggiatori hanno deciso di essere ottimisti

                                                                     Curiosità
-Dai libri di Dr Seuss sono stati tratti altri film tra cui Il Grinch e Ortone e il mondo dei Chi
-Durante la seconda guerra mondiale Dr Seuss ha scritto "Design for Death",un film che nel 1947 ha vinto l’Oscar come miglior documentario
-Il film in America è uscito il giorno del compleanno del suo autore.Se fosse stato ancora vivo quel giorno avrebbe compiuto 108 anni
-Dr Seuss ha una sua stella nella Hollywood Walk of Fame
-Nel film Ted (che nel libro non ha un nome definito) e Audrey (che è stata creata dagli ideatori del film) prendono il nome dal Dr Seuss,cui vero nome era Theodor,e da sua moglie Audrey
-Dr Seuss ha vinto il premio Pulitzer nel 1984 "per il suo speciale contributo per quasi mezzo secolo all’educazione e al divertimento dei bambini americani e dei loro genitori"



Vi lascio con la scena iniziale del film in versione originale

Nessun commento:

Posta un commento